Promessa della NFL ucciso in una sparatoria

| Jaylon McKenzie, 14enne destinato al football professionistico, è stato colpito da un proiettile vagante mentre cercava di allontanarsi da una festa sfociata in rissa. La disperazione della madre

+ Miei preferiti
Jaylon McKenzie era un talento, considerato una delle migliori promesse future del football americano: a soli 14 anni, le università tentavano di strapparselo a suon di ingaggi, certi che avrebbe presto raggiunto la “NFL”, la massima divisione, l’olimpo dei campioni. Originario di Belleville, Illinois, sognava di sbarcare in California da professionista, per giocare con la maglia dei “Los Angeles Rams” o dei “Chargers”, i suoi idoli. Sogni che si sono infranti la notte di sabato, quando Jaylon è stato ucciso ad una festa a cui stava partecipando.

È successo poco prima della mezzanotte di sabato, ha riferito la polizia di stato dell’Illinois, quando diverse pattuglie hanno risposto a numerose segnalazioni che parlavano di una festa troppo rumorosa a Venice, località omonima di quella sulla costa californiana, al confine fra Illinois e Missouri. Le chiamate parlavano di colpi d’arma da fuoco sentiti distintiamente da tutto il vicinato.

Secondo la polizia, all’interno della festa sarebbe scoppiata una rissa, con armi saltate fuori all’improvviso: temendo il peggio Jaylon si stava allontanando velocemente quando è stato colpito da un proiettile vagante. Lui e una ragazza di 15 anni sono stati portati in un ospedale, dove Jaylon McKenzie è morto poco dopo il ricovero: anche la ragazza è in condizioni critiche.

La “Louis School District 189”, la scuola frequentata da Jaylon, ha confermato che alcuni dei propri studenti sono stati coinvolti nello scontro a fuoco: “Abbiamo ancora pochi dettagli sull’accaduto: sappiamo solo che alcuni dei nostri giovani, le famiglie e il personale scolastico hanno dovuto affrontare quest’anno una serie di tragedie e di episodi di violenza. Chiediamo spazio e tempo nel rispetto del dolore per quest’ultimo dramma immenso”.

Sukeena Gunner, la madre di Jaylon, ha riferito che si è trattato di un tragico caso del destino, perché la sua famiglia nei weekend era solita viaggiare per seguire il ragazzo nelle partite: “Non frequentava quasi mai le feste, non ne aveva il tempo”, ma questo mese aveva meno impegni e ne ha approfittato per passare una serata fra gente della sua età. “Non aveva intenzione di fermarsi a lungo, era lì insieme ad un’amica giusto per bere qualcosa e salutare gli amici”.

Intorno alla mezzanotte, la mamma ha ricevuto una telefonata dal fratello di Jaylon che le comunicava la tragedia. “Ho iniziato a urlare e mi sono inginocchiata per chiedere al Signore di non prendersi il mio bambino. Ora è tutto molto difficile: è come un brutto sogno, è come se dovessi svegliarmi domattina e rivedere il mio ragazzo sorridente che chiede qualcosa da mangiare, come fa sempre”.

Jaylon era il più giovane di cinque figli, e ha sempre amato il football: "lo raccontiamo sempre, la sua prima parola non è stata mamma o papà, ma Pallone. Amava solo quello: dal momento in cui è stato in grado di camminare e correre, voleva solo giocare a football”. 

Quando ha iniziato a giocare in una squadra, Jaylon ha voluto la maglia numero 3, ma ha cambiato con il 6 quando aveva 8 anni, perché adorava De’Anthony Thomas, ricevitore dei “Kansas City Chiefs”.

Ma al di fuori dello sport, Jaylon era molto di più: “Amava vestirsi alla moda, adorava le scarpe da ginnastica, i videogiochi, lo shopping e uscire con il suo gruppo selezionato di amici. Non era un ragazzo di molte parole, era introverso, ma tutti lo conoscevano e lo amavano”.

Galleria fotografica
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 1
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 2
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 3
Stati Uniti
La prima mappa complete delle violenze della polizia
La prima mappa complete delle violenze della polizia
Il sito Bellingcat ha individuato e classificato almeno 1000 atti di violenza delle forze dell’ordine contro manifestanti dall’inizio delle proteste razziali. Un database unico, inedito e sconcertante
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
Keith Raniere condannato per una lunga serie di reati che comprendevano la riduzione in schiavitù. Nella rete piramidale anche diverse ereditiere e star di Hollywood
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani