Promessa della NFL ucciso in una sparatoria

| Jaylon McKenzie, 14enne destinato al football professionistico, è stato colpito da un proiettile vagante mentre cercava di allontanarsi da una festa sfociata in rissa. La disperazione della madre

+ Miei preferiti
Jaylon McKenzie era un talento, considerato una delle migliori promesse future del football americano: a soli 14 anni, le università tentavano di strapparselo a suon di ingaggi, certi che avrebbe presto raggiunto la “NFL”, la massima divisione, l’olimpo dei campioni. Originario di Belleville, Illinois, sognava di sbarcare in California da professionista, per giocare con la maglia dei “Los Angeles Rams” o dei “Chargers”, i suoi idoli. Sogni che si sono infranti la notte di sabato, quando Jaylon è stato ucciso ad una festa a cui stava partecipando.

È successo poco prima della mezzanotte di sabato, ha riferito la polizia di stato dell’Illinois, quando diverse pattuglie hanno risposto a numerose segnalazioni che parlavano di una festa troppo rumorosa a Venice, località omonima di quella sulla costa californiana, al confine fra Illinois e Missouri. Le chiamate parlavano di colpi d’arma da fuoco sentiti distintiamente da tutto il vicinato.

Secondo la polizia, all’interno della festa sarebbe scoppiata una rissa, con armi saltate fuori all’improvviso: temendo il peggio Jaylon si stava allontanando velocemente quando è stato colpito da un proiettile vagante. Lui e una ragazza di 15 anni sono stati portati in un ospedale, dove Jaylon McKenzie è morto poco dopo il ricovero: anche la ragazza è in condizioni critiche.

La “Louis School District 189”, la scuola frequentata da Jaylon, ha confermato che alcuni dei propri studenti sono stati coinvolti nello scontro a fuoco: “Abbiamo ancora pochi dettagli sull’accaduto: sappiamo solo che alcuni dei nostri giovani, le famiglie e il personale scolastico hanno dovuto affrontare quest’anno una serie di tragedie e di episodi di violenza. Chiediamo spazio e tempo nel rispetto del dolore per quest’ultimo dramma immenso”.

Sukeena Gunner, la madre di Jaylon, ha riferito che si è trattato di un tragico caso del destino, perché la sua famiglia nei weekend era solita viaggiare per seguire il ragazzo nelle partite: “Non frequentava quasi mai le feste, non ne aveva il tempo”, ma questo mese aveva meno impegni e ne ha approfittato per passare una serata fra gente della sua età. “Non aveva intenzione di fermarsi a lungo, era lì insieme ad un’amica giusto per bere qualcosa e salutare gli amici”.

Intorno alla mezzanotte, la mamma ha ricevuto una telefonata dal fratello di Jaylon che le comunicava la tragedia. “Ho iniziato a urlare e mi sono inginocchiata per chiedere al Signore di non prendersi il mio bambino. Ora è tutto molto difficile: è come un brutto sogno, è come se dovessi svegliarmi domattina e rivedere il mio ragazzo sorridente che chiede qualcosa da mangiare, come fa sempre”.

Jaylon era il più giovane di cinque figli, e ha sempre amato il football: "lo raccontiamo sempre, la sua prima parola non è stata mamma o papà, ma Pallone. Amava solo quello: dal momento in cui è stato in grado di camminare e correre, voleva solo giocare a football”. 

Quando ha iniziato a giocare in una squadra, Jaylon ha voluto la maglia numero 3, ma ha cambiato con il 6 quando aveva 8 anni, perché adorava De’Anthony Thomas, ricevitore dei “Kansas City Chiefs”.

Ma al di fuori dello sport, Jaylon era molto di più: “Amava vestirsi alla moda, adorava le scarpe da ginnastica, i videogiochi, lo shopping e uscire con il suo gruppo selezionato di amici. Non era un ragazzo di molte parole, era introverso, ma tutti lo conoscevano e lo amavano”.

Galleria fotografica
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 1
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 2
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 3
Stati Uniti
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
Gli addetti di un impianto in Maryland hanno confuso i componenti dei vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, rendendo inutilizzabili milioni di dosi
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Un vigile del fuoco, una bambina e un istruttore di arti marziali hanno raccontato cos’hanno visto quel giorno, quando l’agente Chauvin ha premuto il suo ginocchio sul collo e il povero George ripeteva “I can’t breath”, non posso respirare