Promessa della NFL ucciso in una sparatoria

| Jaylon McKenzie, 14enne destinato al football professionistico, è stato colpito da un proiettile vagante mentre cercava di allontanarsi da una festa sfociata in rissa. La disperazione della madre

+ Miei preferiti
Jaylon McKenzie era un talento, considerato una delle migliori promesse future del football americano: a soli 14 anni, le università tentavano di strapparselo a suon di ingaggi, certi che avrebbe presto raggiunto la “NFL”, la massima divisione, l’olimpo dei campioni. Originario di Belleville, Illinois, sognava di sbarcare in California da professionista, per giocare con la maglia dei “Los Angeles Rams” o dei “Chargers”, i suoi idoli. Sogni che si sono infranti la notte di sabato, quando Jaylon è stato ucciso ad una festa a cui stava partecipando.

È successo poco prima della mezzanotte di sabato, ha riferito la polizia di stato dell’Illinois, quando diverse pattuglie hanno risposto a numerose segnalazioni che parlavano di una festa troppo rumorosa a Venice, località omonima di quella sulla costa californiana, al confine fra Illinois e Missouri. Le chiamate parlavano di colpi d’arma da fuoco sentiti distintiamente da tutto il vicinato.

Secondo la polizia, all’interno della festa sarebbe scoppiata una rissa, con armi saltate fuori all’improvviso: temendo il peggio Jaylon si stava allontanando velocemente quando è stato colpito da un proiettile vagante. Lui e una ragazza di 15 anni sono stati portati in un ospedale, dove Jaylon McKenzie è morto poco dopo il ricovero: anche la ragazza è in condizioni critiche.

La “Louis School District 189”, la scuola frequentata da Jaylon, ha confermato che alcuni dei propri studenti sono stati coinvolti nello scontro a fuoco: “Abbiamo ancora pochi dettagli sull’accaduto: sappiamo solo che alcuni dei nostri giovani, le famiglie e il personale scolastico hanno dovuto affrontare quest’anno una serie di tragedie e di episodi di violenza. Chiediamo spazio e tempo nel rispetto del dolore per quest’ultimo dramma immenso”.

Sukeena Gunner, la madre di Jaylon, ha riferito che si è trattato di un tragico caso del destino, perché la sua famiglia nei weekend era solita viaggiare per seguire il ragazzo nelle partite: “Non frequentava quasi mai le feste, non ne aveva il tempo”, ma questo mese aveva meno impegni e ne ha approfittato per passare una serata fra gente della sua età. “Non aveva intenzione di fermarsi a lungo, era lì insieme ad un’amica giusto per bere qualcosa e salutare gli amici”.

Intorno alla mezzanotte, la mamma ha ricevuto una telefonata dal fratello di Jaylon che le comunicava la tragedia. “Ho iniziato a urlare e mi sono inginocchiata per chiedere al Signore di non prendersi il mio bambino. Ora è tutto molto difficile: è come un brutto sogno, è come se dovessi svegliarmi domattina e rivedere il mio ragazzo sorridente che chiede qualcosa da mangiare, come fa sempre”.

Jaylon era il più giovane di cinque figli, e ha sempre amato il football: "lo raccontiamo sempre, la sua prima parola non è stata mamma o papà, ma Pallone. Amava solo quello: dal momento in cui è stato in grado di camminare e correre, voleva solo giocare a football”. 

Quando ha iniziato a giocare in una squadra, Jaylon ha voluto la maglia numero 3, ma ha cambiato con il 6 quando aveva 8 anni, perché adorava De’Anthony Thomas, ricevitore dei “Kansas City Chiefs”.

Ma al di fuori dello sport, Jaylon era molto di più: “Amava vestirsi alla moda, adorava le scarpe da ginnastica, i videogiochi, lo shopping e uscire con il suo gruppo selezionato di amici. Non era un ragazzo di molte parole, era introverso, ma tutti lo conoscevano e lo amavano”.

Galleria fotografica
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 1
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 2
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 3
Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
La rivolta dei generali contro Trump
La rivolta dei generali contro Trump
Una schiera di alti ex ufficiali del Pentagono passati a ruoli istituzionali, criticano ormai apertamente l’idea del presidente di schierare l’esercito contro i manifestanti: “Bisogna unire il Paese, non dividerlo”
Afroamericani uccisi: una lunga scia di ingiustizie
Afroamericani uccisi: una lunga scia di ingiustizie
La morte di George Floyd ha riacceso i riflettori sui modi violenti delle forze di polizia americane. Nella quasi totalità dei casi, nessuno è mai stato accusato e processato
Proteste: ucciso un agente in pensione
Proteste: ucciso un agente in pensione
David Dorn aveva 77 anni, e voleva aiutare un amico a difendere il banco dei pegni. La morte documentata sui social
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Il presidente americano bacchetta pubblicamente sindaci e governatori, annunciando di essere pronto a invocare l’Insurrection Act, una legge che consente di sopprimere con la forza i disordini civili
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
Voluto dalla famiglia di Floyd, il secondo esame autoptico rafforza l’ipotesi dell’omicidio: il peso dell’agente, la posizione e le manette hanno compromesso il diaframma
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova