Promessa della NFL ucciso in una sparatoria

| Jaylon McKenzie, 14enne destinato al football professionistico, è stato colpito da un proiettile vagante mentre cercava di allontanarsi da una festa sfociata in rissa. La disperazione della madre

+ Miei preferiti
Jaylon McKenzie era un talento, considerato una delle migliori promesse future del football americano: a soli 14 anni, le università tentavano di strapparselo a suon di ingaggi, certi che avrebbe presto raggiunto la “NFL”, la massima divisione, l’olimpo dei campioni. Originario di Belleville, Illinois, sognava di sbarcare in California da professionista, per giocare con la maglia dei “Los Angeles Rams” o dei “Chargers”, i suoi idoli. Sogni che si sono infranti la notte di sabato, quando Jaylon è stato ucciso ad una festa a cui stava partecipando.

È successo poco prima della mezzanotte di sabato, ha riferito la polizia di stato dell’Illinois, quando diverse pattuglie hanno risposto a numerose segnalazioni che parlavano di una festa troppo rumorosa a Venice, località omonima di quella sulla costa californiana, al confine fra Illinois e Missouri. Le chiamate parlavano di colpi d’arma da fuoco sentiti distintiamente da tutto il vicinato.

Secondo la polizia, all’interno della festa sarebbe scoppiata una rissa, con armi saltate fuori all’improvviso: temendo il peggio Jaylon si stava allontanando velocemente quando è stato colpito da un proiettile vagante. Lui e una ragazza di 15 anni sono stati portati in un ospedale, dove Jaylon McKenzie è morto poco dopo il ricovero: anche la ragazza è in condizioni critiche.

La “Louis School District 189”, la scuola frequentata da Jaylon, ha confermato che alcuni dei propri studenti sono stati coinvolti nello scontro a fuoco: “Abbiamo ancora pochi dettagli sull’accaduto: sappiamo solo che alcuni dei nostri giovani, le famiglie e il personale scolastico hanno dovuto affrontare quest’anno una serie di tragedie e di episodi di violenza. Chiediamo spazio e tempo nel rispetto del dolore per quest’ultimo dramma immenso”.

Sukeena Gunner, la madre di Jaylon, ha riferito che si è trattato di un tragico caso del destino, perché la sua famiglia nei weekend era solita viaggiare per seguire il ragazzo nelle partite: “Non frequentava quasi mai le feste, non ne aveva il tempo”, ma questo mese aveva meno impegni e ne ha approfittato per passare una serata fra gente della sua età. “Non aveva intenzione di fermarsi a lungo, era lì insieme ad un’amica giusto per bere qualcosa e salutare gli amici”.

Intorno alla mezzanotte, la mamma ha ricevuto una telefonata dal fratello di Jaylon che le comunicava la tragedia. “Ho iniziato a urlare e mi sono inginocchiata per chiedere al Signore di non prendersi il mio bambino. Ora è tutto molto difficile: è come un brutto sogno, è come se dovessi svegliarmi domattina e rivedere il mio ragazzo sorridente che chiede qualcosa da mangiare, come fa sempre”.

Jaylon era il più giovane di cinque figli, e ha sempre amato il football: "lo raccontiamo sempre, la sua prima parola non è stata mamma o papà, ma Pallone. Amava solo quello: dal momento in cui è stato in grado di camminare e correre, voleva solo giocare a football”. 

Quando ha iniziato a giocare in una squadra, Jaylon ha voluto la maglia numero 3, ma ha cambiato con il 6 quando aveva 8 anni, perché adorava De’Anthony Thomas, ricevitore dei “Kansas City Chiefs”.

Ma al di fuori dello sport, Jaylon era molto di più: “Amava vestirsi alla moda, adorava le scarpe da ginnastica, i videogiochi, lo shopping e uscire con il suo gruppo selezionato di amici. Non era un ragazzo di molte parole, era introverso, ma tutti lo conoscevano e lo amavano”.

Galleria fotografica
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 1
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 2
Promessa della NFL ucciso in una sparatoria - immagine 3
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti