Quel presidente Dem che firma la legge anti-aborto

| Il governatore democratico della Louisiana, il cattolico John Edwards pronto a firmare la legge votata a larga maggioranza sulla scia dell'Alabama. Le associazioni pro aborto: "Il potere sui corpi della donne"

+ Miei preferiti

Dopo l'Alabama, che ha imposto la legge più restrittiva della nazione con un divieto quasi totale delle interruzioni di gravidanza, anche nei casi di stupro e incesto, tocca alla Loisiana, con una differenza importante: a firmare la legge pè un governatore deem, cattolico. I medici che eseguiranno le procedure potranno essere condannati al carcere, con pene tra 10 e 99 anni. I deputati della Louisiana infatti hanno approvato una legge che vieta l'aborto da quando il battito cardiaco del feto è rilevabile, in sintonia conaltri Stati che negli Usa hanno imposto simili pesanti restrizioni per le gravidanze oltre le sei settimane. I sostenitori intendono portare i ricorsi sino alla Corte suprema. Il vero obiettivo è indurre i giudici a maggioranza conservatore con le nomine di Neil Gorsuch e Brett Kavanaugh volute da Trump, a cancellare 'Roe v Wade', che riconobbe il diritto all’aborto nel '73.

Sole eccezioni per i casi in cui la vita della donna è a rischio oppure il feto ha malattie letali; 79 i voti a favore e 23 i contrari, in Senato 31 sì contro 5 no. Il governatore democratico John Edwards  (nella foto) è “pronto a firmare”. Critica l’associazione "Planned Parenthood”: “E’ parte di un allarmante e contrastato trend nazionale di divieti che rendono l'aborto reato prima ancora che le donne sappiano di essere incinte, minacciandole di indagini e promettendo ai medici di trascinarli in tribunale per il loro lavoro”. Leana Wen, precisa che "vietare l'aborto non fermerà l'aborto: metterà fine alle procedure sicure e legali, mettendo a rischio la vita delle donne. Non si tratta di medicina o scienza, ma di potere sui corpi delle donne".

Stati Uniti
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi