Quel presidente Dem che firma la legge anti-aborto

| Il governatore democratico della Louisiana, il cattolico John Edwards pronto a firmare la legge votata a larga maggioranza sulla scia dell'Alabama. Le associazioni pro aborto: "Il potere sui corpi della donne"

+ Miei preferiti

Dopo l'Alabama, che ha imposto la legge più restrittiva della nazione con un divieto quasi totale delle interruzioni di gravidanza, anche nei casi di stupro e incesto, tocca alla Loisiana, con una differenza importante: a firmare la legge pè un governatore deem, cattolico. I medici che eseguiranno le procedure potranno essere condannati al carcere, con pene tra 10 e 99 anni. I deputati della Louisiana infatti hanno approvato una legge che vieta l'aborto da quando il battito cardiaco del feto è rilevabile, in sintonia conaltri Stati che negli Usa hanno imposto simili pesanti restrizioni per le gravidanze oltre le sei settimane. I sostenitori intendono portare i ricorsi sino alla Corte suprema. Il vero obiettivo è indurre i giudici a maggioranza conservatore con le nomine di Neil Gorsuch e Brett Kavanaugh volute da Trump, a cancellare 'Roe v Wade', che riconobbe il diritto all’aborto nel '73.

Sole eccezioni per i casi in cui la vita della donna è a rischio oppure il feto ha malattie letali; 79 i voti a favore e 23 i contrari, in Senato 31 sì contro 5 no. Il governatore democratico John Edwards  (nella foto) è “pronto a firmare”. Critica l’associazione "Planned Parenthood”: “E’ parte di un allarmante e contrastato trend nazionale di divieti che rendono l'aborto reato prima ancora che le donne sappiano di essere incinte, minacciandole di indagini e promettendo ai medici di trascinarli in tribunale per il loro lavoro”. Leana Wen, precisa che "vietare l'aborto non fermerà l'aborto: metterà fine alle procedure sicure e legali, mettendo a rischio la vita delle donne. Non si tratta di medicina o scienza, ma di potere sui corpi delle donne".

Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
La rivolta dei generali contro Trump
La rivolta dei generali contro Trump
Una schiera di alti ex ufficiali del Pentagono passati a ruoli istituzionali, criticano ormai apertamente l’idea del presidente di schierare l’esercito contro i manifestanti: “Bisogna unire il Paese, non dividerlo”
Afroamericani uccisi: una lunga scia di ingiustizie
Afroamericani uccisi: una lunga scia di ingiustizie
La morte di George Floyd ha riacceso i riflettori sui modi violenti delle forze di polizia americane. Nella quasi totalità dei casi, nessuno è mai stato accusato e processato
Proteste: ucciso un agente in pensione
Proteste: ucciso un agente in pensione
David Dorn aveva 77 anni, e voleva aiutare un amico a difendere il banco dei pegni. La morte documentata sui social
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Il presidente americano bacchetta pubblicamente sindaci e governatori, annunciando di essere pronto a invocare l’Insurrection Act, una legge che consente di sopprimere con la forza i disordini civili
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
Voluto dalla famiglia di Floyd, il secondo esame autoptico rafforza l’ipotesi dell’omicidio: il peso dell’agente, la posizione e le manette hanno compromesso il diaframma
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova