Raduno KKK spazzato via dai contestatori

| Accade a Dayton nell'Ohio. Dopo una campagna per contrastare l'aborto si sono presentati solo nove suprematisti, circondati da centinaia di contestatori. Slogan antirazzisti e attacchi a Trump

+ Miei preferiti

A Dayton, in Ohio, è stato organizzato un raduno di suprematisti bianchi che si ispirano al Ku Klux Klan. Ma i pochi partecipanti sono stati annegati da centinaia di contestatori. L'evento, organizzato dal gruppo affiliato al Ku Klux Klan, i Sacri Cavalieri Onorabili dell'Indiana, ha attirato solo nove persone per sostenere la loro causa. Dei nove, solo uno è stato smascherato. Il gruppo ha sventolato bandiere confederate, il simbolo del Ku Klux Klan. Il gruppo nazionalista bianco è rimasto silenzioso, secondo l'emittente locale WHIO-TV, e quando lo hanno fatto, gli oppositori, compresi il capitolo locale NAACP e i gruppi ecclesiastici, hanno cantato inni e suonato strumenti mentre cantavano slogan antirazzisti. Altri gruppi che si sono opposti alla manifestazione dei suprematisti bianchi sono stati i membri di Antifa, le Pantere Nere Nuove e gli studenti universitari.

Micah Naziri, 42 anni, portava un fucile e indossava un cappello rosso che dice "Fai di nuovo paura ai razzisti", sul cappello rosso una parodia di Donald Trump Make America Great Again Great. Nazari era preoccupato che i membri armati dell'Onorevole Sacro Cavalieri possano tentare di intimidire e terrorizzare i membri delle minoranze della comunità. "Non sono qui per sparare a nessuno, è una dichiarazione antifascista", ha detto. Le figure di destra avvertono dell'incombente "guerra civile" per le leggi sull'aborto

I funzionari comunali hanno stimato che tra le 500 e le 600 persone si trovavano nell'area del rally.

La città di Dayton ha speso circa 650.000 dollari per i costi di sicurezza per la sicurezza pubblica, in quanto i funzionari erano preoccupati per il trasporto nascosto e aperto di armi da fuoco. Le misure di sicurezza erano necessarie, ha detto il manager della città Shelley Dickstein, perché "il mondo è molto cambiato”. Il capo della polizia di Dayton Richard Biehl ha detto di essere "molto soddisfatto" della sicurezza per quanto riguarda il rally, osservando che nessuno è stato arrestato e che non è stato segnalato alcun uso della forza e nessun infortunio. "Questa era chiaramente una sfida per la sicurezza della nostra città e della nostra comunità", ha aggiunto.

Stessi scenari, a febbraio, a Inden una tranquilla cittadina all’Alabama, Marengo County: 2.123 abitanti a circa 170 km da Montgomery, la capitale, quando Goodloe Sutton, giornalista e direttore del “Democrat Reporter”, il giornale locale, aveva scritto e pubblicato un editoriale a dir poco farneticante. Secondo il suo parere, per dare una ripulita a Washington servirebbe il Ku Klux Klan, la temibile accolita di incappucciati che inneggiava alla superiorità della razza bianca macchiandosi di razzismo e omicidi. Una frase infelice, che ha scatenato reazioni indignate in tutto il Paese, malgrado Sutton - poi cacciato dall’editore - si sia affrettato a spiegare che la sua voleva soltanto essere una reazione forte all’idea che circola nell’ambiente Dem della Capitale, di aumentare le tasse in Alabama. “È tempo per il Ku Klux Klan di andare in giro nuovamente di notte: dovrebbe andare a impiccarli tutti, staremmo tutti meglio”, ha tuonato nel suo editoriale, tentando poi di difendere in modo goffo e maldestro il poco difendibile KKK: “Non hanno ucciso che poche persone: non era violento finché non fu necessario esserlo”. In tanti ricordano che Goodloe Sutton, un tempo giornalista piuttosto noto, capace addirittura di sfiorare il premio Pulitzer per un’inchiesta che riuscì a inchiodare per corruzione uno sceriffo locale, non era affatto nuovo ad esprimere contenuti razzisti.

Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg