Raduno KKK spazzato via dai contestatori

| Accade a Dayton nell'Ohio. Dopo una campagna per contrastare l'aborto si sono presentati solo nove suprematisti, circondati da centinaia di contestatori. Slogan antirazzisti e attacchi a Trump

+ Miei preferiti

A Dayton, in Ohio, è stato organizzato un raduno di suprematisti bianchi che si ispirano al Ku Klux Klan. Ma i pochi partecipanti sono stati annegati da centinaia di contestatori. L'evento, organizzato dal gruppo affiliato al Ku Klux Klan, i Sacri Cavalieri Onorabili dell'Indiana, ha attirato solo nove persone per sostenere la loro causa. Dei nove, solo uno è stato smascherato. Il gruppo ha sventolato bandiere confederate, il simbolo del Ku Klux Klan. Il gruppo nazionalista bianco è rimasto silenzioso, secondo l'emittente locale WHIO-TV, e quando lo hanno fatto, gli oppositori, compresi il capitolo locale NAACP e i gruppi ecclesiastici, hanno cantato inni e suonato strumenti mentre cantavano slogan antirazzisti. Altri gruppi che si sono opposti alla manifestazione dei suprematisti bianchi sono stati i membri di Antifa, le Pantere Nere Nuove e gli studenti universitari.

Micah Naziri, 42 anni, portava un fucile e indossava un cappello rosso che dice "Fai di nuovo paura ai razzisti", sul cappello rosso una parodia di Donald Trump Make America Great Again Great. Nazari era preoccupato che i membri armati dell'Onorevole Sacro Cavalieri possano tentare di intimidire e terrorizzare i membri delle minoranze della comunità. "Non sono qui per sparare a nessuno, è una dichiarazione antifascista", ha detto. Le figure di destra avvertono dell'incombente "guerra civile" per le leggi sull'aborto

I funzionari comunali hanno stimato che tra le 500 e le 600 persone si trovavano nell'area del rally.

La città di Dayton ha speso circa 650.000 dollari per i costi di sicurezza per la sicurezza pubblica, in quanto i funzionari erano preoccupati per il trasporto nascosto e aperto di armi da fuoco. Le misure di sicurezza erano necessarie, ha detto il manager della città Shelley Dickstein, perché "il mondo è molto cambiato”. Il capo della polizia di Dayton Richard Biehl ha detto di essere "molto soddisfatto" della sicurezza per quanto riguarda il rally, osservando che nessuno è stato arrestato e che non è stato segnalato alcun uso della forza e nessun infortunio. "Questa era chiaramente una sfida per la sicurezza della nostra città e della nostra comunità", ha aggiunto.

Stessi scenari, a febbraio, a Inden una tranquilla cittadina all’Alabama, Marengo County: 2.123 abitanti a circa 170 km da Montgomery, la capitale, quando Goodloe Sutton, giornalista e direttore del “Democrat Reporter”, il giornale locale, aveva scritto e pubblicato un editoriale a dir poco farneticante. Secondo il suo parere, per dare una ripulita a Washington servirebbe il Ku Klux Klan, la temibile accolita di incappucciati che inneggiava alla superiorità della razza bianca macchiandosi di razzismo e omicidi. Una frase infelice, che ha scatenato reazioni indignate in tutto il Paese, malgrado Sutton - poi cacciato dall’editore - si sia affrettato a spiegare che la sua voleva soltanto essere una reazione forte all’idea che circola nell’ambiente Dem della Capitale, di aumentare le tasse in Alabama. “È tempo per il Ku Klux Klan di andare in giro nuovamente di notte: dovrebbe andare a impiccarli tutti, staremmo tutti meglio”, ha tuonato nel suo editoriale, tentando poi di difendere in modo goffo e maldestro il poco difendibile KKK: “Non hanno ucciso che poche persone: non era violento finché non fu necessario esserlo”. In tanti ricordano che Goodloe Sutton, un tempo giornalista piuttosto noto, capace addirittura di sfiorare il premio Pulitzer per un’inchiesta che riuscì a inchiodare per corruzione uno sceriffo locale, non era affatto nuovo ad esprimere contenuti razzisti.

Stati Uniti
Kim Kardashian contro una condanna a morte
Kim Kardashian contro una condanna a morte
La celebre socialite americana collabora da anni con studi legali per individuare errori giudiziari. Come molti altri, si è convinta dell’innocenza di Rodney Reed, che il prossimo 20 novembre sarà giustiziato
USA: un fight club in una casa di riposo
USA: un fight club in una casa di riposo
Tre infermiere costringevano i degenti a picchiarsi, scommettendo sul possibile vincitore. Una segnalazione ha fatto scattare un’inchiesta interna e subito dopo l’arresto da parte della polizia
Texas, uccisa per errore dalla polizia
Texas, uccisa per errore dalla polizia
Atatiana Jefferson, 28 anni, stava giocando con i videogames insieme al nipotino: un agente le ha sparato attraverso la finestra. Proteste della comunità afroamericana
Alaska: omicidio al Midtown Marriott
Alaska: omicidio al Midtown Marriott
Una scheda SD ritrovata per caso sulla strada ha permesso di scoprire l’omicidio di una donna, i cui resti erano stati rinvenuti pochi giorni prima
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti
Kevin Donovan, 40enne di Syracuse, diffondeva l’uso del “Narcan”, un farmaco che usato per tempo salva dalla morte. Aveva un passato da tossicodipendente da cui sembrava esserne uscito per sempre
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer
È un vero colpo di scena nel caso di Amber Guyer, la poliziotta di Dallas che aveva ucciso un uomo credendo che fosse nel suo appartamento. Uno dei testimoni dell’accusa, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco
Impeachment: senza esclusione di colpi
Impeachment: senza esclusione di colpi
In meno di due settimane dalla richiesta di avviare la procedura contro Trump, una serie infinita di colpi di scena, accuse, insulti e sondaggi stanno avvelenando la politica americana
New York, la strage dei senzatetto
New York, la strage dei senzatetto
Quattro vittime, tutte uccise con una sbarra di metallo mentre dormivano per strada. Arrestato un 24enne, sarebbe uno di loro
La banda di ragazzini che ha risolto un caso
La banda di ragazzini che ha risolto un caso
Capitanati da Logan, 10 anni, un gruppo di ragazzini di Roseville, in California, ha rintracciato un’anziana donna scomparsa da casa che la polizia stava cercando. Sono diventati gli eroi d’America
Risarcimento record per le vittime di Las Vegas
Risarcimento record per le vittime di Las Vegas
Un accordo epocale pari a 800 milioni di dollari, raggiunto dai legali delle vittime e dei feriti con la MGM: quasi tutta la somma sarà in realtà pagata dalle assicurazioni