Raduno KKK spazzato via dai contestatori

| Accade a Dayton nell'Ohio. Dopo una campagna per contrastare l'aborto si sono presentati solo nove suprematisti, circondati da centinaia di contestatori. Slogan antirazzisti e attacchi a Trump

+ Miei preferiti

A Dayton, in Ohio, è stato organizzato un raduno di suprematisti bianchi che si ispirano al Ku Klux Klan. Ma i pochi partecipanti sono stati annegati da centinaia di contestatori. L'evento, organizzato dal gruppo affiliato al Ku Klux Klan, i Sacri Cavalieri Onorabili dell'Indiana, ha attirato solo nove persone per sostenere la loro causa. Dei nove, solo uno è stato smascherato. Il gruppo ha sventolato bandiere confederate, il simbolo del Ku Klux Klan. Il gruppo nazionalista bianco è rimasto silenzioso, secondo l'emittente locale WHIO-TV, e quando lo hanno fatto, gli oppositori, compresi il capitolo locale NAACP e i gruppi ecclesiastici, hanno cantato inni e suonato strumenti mentre cantavano slogan antirazzisti. Altri gruppi che si sono opposti alla manifestazione dei suprematisti bianchi sono stati i membri di Antifa, le Pantere Nere Nuove e gli studenti universitari.

Micah Naziri, 42 anni, portava un fucile e indossava un cappello rosso che dice "Fai di nuovo paura ai razzisti", sul cappello rosso una parodia di Donald Trump Make America Great Again Great. Nazari era preoccupato che i membri armati dell'Onorevole Sacro Cavalieri possano tentare di intimidire e terrorizzare i membri delle minoranze della comunità. "Non sono qui per sparare a nessuno, è una dichiarazione antifascista", ha detto. Le figure di destra avvertono dell'incombente "guerra civile" per le leggi sull'aborto

I funzionari comunali hanno stimato che tra le 500 e le 600 persone si trovavano nell'area del rally.

La città di Dayton ha speso circa 650.000 dollari per i costi di sicurezza per la sicurezza pubblica, in quanto i funzionari erano preoccupati per il trasporto nascosto e aperto di armi da fuoco. Le misure di sicurezza erano necessarie, ha detto il manager della città Shelley Dickstein, perché "il mondo è molto cambiato”. Il capo della polizia di Dayton Richard Biehl ha detto di essere "molto soddisfatto" della sicurezza per quanto riguarda il rally, osservando che nessuno è stato arrestato e che non è stato segnalato alcun uso della forza e nessun infortunio. "Questa era chiaramente una sfida per la sicurezza della nostra città e della nostra comunità", ha aggiunto.

Stessi scenari, a febbraio, a Inden una tranquilla cittadina all’Alabama, Marengo County: 2.123 abitanti a circa 170 km da Montgomery, la capitale, quando Goodloe Sutton, giornalista e direttore del “Democrat Reporter”, il giornale locale, aveva scritto e pubblicato un editoriale a dir poco farneticante. Secondo il suo parere, per dare una ripulita a Washington servirebbe il Ku Klux Klan, la temibile accolita di incappucciati che inneggiava alla superiorità della razza bianca macchiandosi di razzismo e omicidi. Una frase infelice, che ha scatenato reazioni indignate in tutto il Paese, malgrado Sutton - poi cacciato dall’editore - si sia affrettato a spiegare che la sua voleva soltanto essere una reazione forte all’idea che circola nell’ambiente Dem della Capitale, di aumentare le tasse in Alabama. “È tempo per il Ku Klux Klan di andare in giro nuovamente di notte: dovrebbe andare a impiccarli tutti, staremmo tutti meglio”, ha tuonato nel suo editoriale, tentando poi di difendere in modo goffo e maldestro il poco difendibile KKK: “Non hanno ucciso che poche persone: non era violento finché non fu necessario esserlo”. In tanti ricordano che Goodloe Sutton, un tempo giornalista piuttosto noto, capace addirittura di sfiorare il premio Pulitzer per un’inchiesta che riuscì a inchiodare per corruzione uno sceriffo locale, non era affatto nuovo ad esprimere contenuti razzisti.

Stati Uniti
Trovata morta un’attivista nera
Trovata morta un’attivista nera
Il cadavere di una donna, nota per le sue battaglie civili, ritrovato nel bagagliaio di un’auto. La polizia indaga per omicidio
Vogliono espugnare l’Area 51
Vogliono espugnare l’Area 51
Per scherzo, un runner australiano ha dato appuntamento il 20 settembre prossimo davanti ai cancelli dell’area segreta nel deserto del Nevada
New York: 2000 autovelox in città
New York: 2000 autovelox in città
Il numero record non soddisfa ancora le autorità, che pensando installarne ancora. Inevitabili le polemiche
Uccisa e smembrata da una coppia diabolica
Uccisa e smembrata da una coppia diabolica
Sidney Loofe, 24 anni, è stata attirata attraverso Tinder ad un appuntamento fatale: una coppia di squilibrati l’ha violentata, uccisa e fatta e pezzi
Brave ma per ora niente invito alla Casa Bianca. Colpa di Rapinoe?
Brave ma per ora niente invito alla Casa Bianca. Colpa di Rapinoe?
Trump twitta le congratulazione al team femminile che ha vinto per la quarta volta il Mondiale di Francia ma ignora una salda tradizione Usa dopo una vittoria importante. E Rapinoe insiste: "Non mi rappresenta"
El Chapo: gli Usa chiedono 12,6 mld di dollari
El Chapo: gli Usa chiedono 12,6 mld di dollari
La richiesta risarcitoria per il traffico di stupefacenti che per anni ha invaso le strade delle città americane. Secondo i legali dell’ex boss una richiesta assurda
California: la terra trema ancora
California: la terra trema ancora
Nella serata di ieri, una nuova scossa di terremoto ancora più intensa della prima ha scosso nuovamente la zona di Ridgecrest, nel sud della California. Gli esperti avvisano: non è finita
Muore in un incidente il re del carbone
Muore in un incidente il re del carbone
Chris Cline, imprenditore e filantropo, uno degli uomini più ricchi d’America, è precipitato con il suo elicottero alle Bahamas
Professore californiano rischia 200 anni di galera
Professore californiano rischia 200 anni di galera
Accusato insieme ad un complice di frode, furto informatico e cospirazione, avrebbe inviato dei microchip utilizzati dall’esercito americano ad un’azienda cinese
Navy Seal assolto, era accusato di crimini di guerra
Navy Seal assolto, era accusato di crimini di guerra
Una sentenza che ha scatenato polemiche in America, perché ha ritenuto non colpevole un ufficiale dei reparti speciali che avrebbe pugnalato a morte un ragazzino sospettato di far parte dell’Isis