Raduno KKK spazzato via dai contestatori

| Accade a Dayton nell'Ohio. Dopo una campagna per contrastare l'aborto si sono presentati solo nove suprematisti, circondati da centinaia di contestatori. Slogan antirazzisti e attacchi a Trump

+ Miei preferiti

A Dayton, in Ohio, è stato organizzato un raduno di suprematisti bianchi che si ispirano al Ku Klux Klan. Ma i pochi partecipanti sono stati annegati da centinaia di contestatori. L'evento, organizzato dal gruppo affiliato al Ku Klux Klan, i Sacri Cavalieri Onorabili dell'Indiana, ha attirato solo nove persone per sostenere la loro causa. Dei nove, solo uno è stato smascherato. Il gruppo ha sventolato bandiere confederate, il simbolo del Ku Klux Klan. Il gruppo nazionalista bianco è rimasto silenzioso, secondo l'emittente locale WHIO-TV, e quando lo hanno fatto, gli oppositori, compresi il capitolo locale NAACP e i gruppi ecclesiastici, hanno cantato inni e suonato strumenti mentre cantavano slogan antirazzisti. Altri gruppi che si sono opposti alla manifestazione dei suprematisti bianchi sono stati i membri di Antifa, le Pantere Nere Nuove e gli studenti universitari.

Micah Naziri, 42 anni, portava un fucile e indossava un cappello rosso che dice "Fai di nuovo paura ai razzisti", sul cappello rosso una parodia di Donald Trump Make America Great Again Great. Nazari era preoccupato che i membri armati dell'Onorevole Sacro Cavalieri possano tentare di intimidire e terrorizzare i membri delle minoranze della comunità. "Non sono qui per sparare a nessuno, è una dichiarazione antifascista", ha detto. Le figure di destra avvertono dell'incombente "guerra civile" per le leggi sull'aborto

I funzionari comunali hanno stimato che tra le 500 e le 600 persone si trovavano nell'area del rally.

La città di Dayton ha speso circa 650.000 dollari per i costi di sicurezza per la sicurezza pubblica, in quanto i funzionari erano preoccupati per il trasporto nascosto e aperto di armi da fuoco. Le misure di sicurezza erano necessarie, ha detto il manager della città Shelley Dickstein, perché "il mondo è molto cambiato”. Il capo della polizia di Dayton Richard Biehl ha detto di essere "molto soddisfatto" della sicurezza per quanto riguarda il rally, osservando che nessuno è stato arrestato e che non è stato segnalato alcun uso della forza e nessun infortunio. "Questa era chiaramente una sfida per la sicurezza della nostra città e della nostra comunità", ha aggiunto.

Stessi scenari, a febbraio, a Inden una tranquilla cittadina all’Alabama, Marengo County: 2.123 abitanti a circa 170 km da Montgomery, la capitale, quando Goodloe Sutton, giornalista e direttore del “Democrat Reporter”, il giornale locale, aveva scritto e pubblicato un editoriale a dir poco farneticante. Secondo il suo parere, per dare una ripulita a Washington servirebbe il Ku Klux Klan, la temibile accolita di incappucciati che inneggiava alla superiorità della razza bianca macchiandosi di razzismo e omicidi. Una frase infelice, che ha scatenato reazioni indignate in tutto il Paese, malgrado Sutton - poi cacciato dall’editore - si sia affrettato a spiegare che la sua voleva soltanto essere una reazione forte all’idea che circola nell’ambiente Dem della Capitale, di aumentare le tasse in Alabama. “È tempo per il Ku Klux Klan di andare in giro nuovamente di notte: dovrebbe andare a impiccarli tutti, staremmo tutti meglio”, ha tuonato nel suo editoriale, tentando poi di difendere in modo goffo e maldestro il poco difendibile KKK: “Non hanno ucciso che poche persone: non era violento finché non fu necessario esserlo”. In tanti ricordano che Goodloe Sutton, un tempo giornalista piuttosto noto, capace addirittura di sfiorare il premio Pulitzer per un’inchiesta che riuscì a inchiodare per corruzione uno sceriffo locale, non era affatto nuovo ad esprimere contenuti razzisti.

Stati Uniti
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili
Disastro aereo sfiorato a Denver
Disastro aereo sfiorato a Denver
Esplode uno dei motori di un Boeing in fase di decollo, seminando detriti metallici in una zona abitata. Nessuna conseguenza per le 241 persone a bordo
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
Il quotatissimo Ted Cruz paparazzato con la famiglia mentre partiva per una vacanza in Messico. Travolto dalle critiche è rientrato di corsa, ma la sua carriera potrebbe finire qui
Il Texas in ginocchio
Il Texas in ginocchio
Milioni di persone bloccate senza luce e acqua, mentre si registrano le prime carenze di cibo. Il presidente Biden ha chiesto lo stato di emergenza
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Il più anziano e longevo ergastolano di tuta l’America è tornato ad essere un uomo libero. Aveva rifiutato per tre volte la libertà condizionata
Trump all’attacco dei repubblicani
Trump all’attacco dei repubblicani
L’ex presidente è tornato a far sentire la propria voce, dando di fatto il via alla resa dei conti in casa repubblicana. Nel mirino chi ha votato perché fosse condannato e il leader McConnell, “un cupo scribacchino”