Rapporto Mueller: Trump salvo a metà

| Il presidente canta vittoria, ma l’indagine del superprocuratore è costruita in modo ambiguo, così da lasciare aperta al Congresso al possibilità di chiedere l’impeachment o di incriminarlo a fine mandato

+ Miei preferiti
Con grande sollievo di qualcuno, e disappunto di altri, il famigerato e tanto atteso rapporto del superprocuratore Robert Mueller, diffuso proprio in queste ore (non in versione integrale) dal ministro della giustizia William Barr, per Trump significa cantare vittoria. Lo sottolinea a modo suo, con un tweet rappresentato da un’immagine in stile “Game of Thrones” in cui si legge “Game Over”. Fine dei giochi.



Ma gli analisti americani non sono d’accordo: è vero, Mueller non è riuscito a trovare la “pistola fumante”, la prova che poteva portare il presidente verso l’impeachment per le collusioni con la Russia nel corso delle presidenziali del 2016. Ma Trump non ne esce così bene, e secondo qualcuno non può dormire sonni tranquilli.

“Cosa penseranno gli americani di una presidenza che non può essere considerata criminale, ma è incessantemente sprezzante dei vincoli etici e legali, e può essere il prodotto consapevole di un attacco alla democrazia americana da parte di una potenza straniera ostile?”, si chiedono gli analisti della CNN.

È improbabile che la relazione finale possa portare Donald Trump ad abbandonare la presidenza, ma le 400 pagine dimostrano che i sospetti erano fondati: la Russia ha realmente interferito nella campagna elettorale per screditare Hillary Clinton e favorire Donald Trump. Un’azione pianificata attraverso una valanga di fake news e di attacchi informatici al comitato elettorale dell’avversaria per carpire documenti da diffondere attraverso i canali di WikiLeaks. Ci sono prove di numerosi contatti di emissari di Trump, compreso il figlio Donald Jr., “ma non sufficienti per parlare di cospirazione e coordinamento con il governo russo”, scrive Mueller. Legalmente non è sufficiente che le due parti fossero in contatto: per violare la legge serve la prova di un accordo, che non è stato possibile rintracciare.

In compenso, diversi collaboratori di Trump hanno deliberatamente mentito davanti al Congresso, ostacolando le indagini, e questo invece rappresenta un atto molto grave. Lo stesso futuro presidente, si legge nel rapporto, “per 11 volte ha agito in modo da ostacolare la giustizia”. Fra questi, il licenziamento del capo dell’FBI James Comey che indagava su alcuni contatti con emissari russi, mossa che però si rivelò inefficace, visto che l’inchiesta passò nelle mani di Robert Mueller. Secondo Jeff Session, il procuratore generale, quando Trump venne a saperlo esclamò: “Sono fottuto, è la fine della mia presidenza”.

Nel rapporto, emerge anche l’ambiguità di un’indagine niente affatto normale, costruita intorno alla figura del presidente, che costituzionalmente non può essere incriminato. L’approccio deciso dalla commissione Mueller è stata adattata all’eccezionalità: non arrivare alla conclusione che il presidente abbia commesso un reato, ma visto il forte interesse pubblico e sociale, lasciare aperta la possibilità che possa essere incriminato alla fine del suo mandato.

La conclusione è che solo il Congresso, sul principio che “nessuno è al di sopra della legge”, ha la facoltà di chiedere conto a Trump delle sue azioni, impedendo “l’uso corrotto del potere” attraverso l’impeachment. A entrare in azione a a questo punto potrebbero essere i Democratici, ma in molti hanno già espresso seri dubbi: “Fra 18 mesi ci saranno le nuove elezioni: sarà il popolo americano a giudicare”.

Galleria fotografica
Rapporto Mueller: Trump salvo a metà - immagine 1
Stati Uniti
Per le strade di un’America
distrutta dalla pandemia
Per le strade di un’America<br>distrutta dalla pandemia
Gli allarmi delle strutture ospedaliere, migliaia di persone in fila per ricevere aiuti alimentari, gli impresari di pompe funebri al collasso. Diario da un Paese in cui il peggio deve ancora arrivare
«State a casa», raccomanda il sindaco di Austin (dal Messico)
«State a casa», raccomanda il sindaco di Austin (dal Messico)
Steve Adler, primo cittadino della città texana, ha esortato i suoi concittadini a non uscire di casa mentre volava a Cabo San Lucas con un jet privato. E non è il solo….
L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti
L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti
Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Consigliere di Trump per la pandemia dallo scorso agosto, si è sempre detto favorevole all’immunità di gregge rifiutando tutto il resto. La comunità scientifica americana soddisfatta per le dimissioni
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità