Rimosso il comandante della Roosevelt

| Brett Crozier, al comando della portaerei il cui equipaggio era minacciato dalla pandemia, punito per aver lanciato l’allarme in modo che i media lo sapessero prima del Pentagono

+ Miei preferiti
Secondo il codice della navigazione, ma più che altro sulla scia di un codice cavalleresco nobile e antico, il comandante affonda con la sua nave. Ma questa volta, Brett Crozier, comandante della “USS Theodore Roosevelt”, la portaerei della US Navy finita al centro di un caso internazionale, è stato il primo a scendere dalla scaletta, rimosso dall’incarico per “scarso senso di responsabilità”. La sua colpa, che tanto grave non sembra a chi è distante dai codici militari, l’aver lanciato un disperato allarme per la diffusione ormai senza controllo di casi di coronavirus fra i suoi marinai, aggiungendo che “non meritavano di morire”. Un episodio che ha infastidito il Pentagono, costretto a giustificare le proprie decisioni davanti al mondo intero. Un fastidio che si è tradotto nel ben servito al comandante: “Oggi, sotto la mia direzione, il comandante della USS Theodore Roosevelt, il capitano Brett Crozier è stato sollevato dall’incarico dal comandante del gruppo d’attacco della portaerei, il contrammiraglio Stewart Baker - ha annunciato il segretario della Marina Militare Thomas Modly durante una conferenza stampa al Pentagono - non è una di punizione, ma piuttosto la perdita di fiducia in un ufficiale della US Navy. Anche se non sono d’accordo sulla validità di alcuni punti della lettera del capitano è stato corretto nel sollevarli, ma è del tutto inaccettabile il modo in cui l’ha fatto”.

Modly ha commentato la rimozione di Crozier è stata decisa per aver dimostrato un “pessimo grado di giudizio” e aver creato una “tempesta” diffondendo troppo ampiamente informazioni sulla situazione a bordo, che evidentemente “non è stato in grado di gestire”. Ufficialmente, la rimozione non è dovuta alla decisione di avvisare i media del caso, ma per aver compromesso “la capacità di agire professionalmente quando quello era ciò di cui c’era più bisogno in quel momento. È stata una grande sorpresa per tutti noi aver visto la notizia pubblicata sui giornali prima ancora che fosse avvisato il comando”.

Nella nota, che in realtà era indirizzata al comando della flotta della Marina Militare del Pacifico, il comandante Crozier ricordava che “Non siamo in guerra, e i miei marinai non meritano di morire. Se non agiamo ora, non potremo prenderci cura della nostra risorsa più importante: i nostri militari”. Secondo lo stato maggiore, Crozier avrebbe inviato il suo promemoria attraverso un sistema non sicuro, aumentando le possibilità che potesse trapelare all’esterno. “L’ha inviato in modo troppo generico, e questo fa parte del suo carico di responsabilità. Confermo di non aver ricevuto assolutamente alcuna pressione dal Pentagono o dalla Casa Bianca, anzi, sono stato io stesso ad avvisarli quando mi stavo avvicinando alla decisione: ho chiamato il Segretario Esper per spiegargli la direzione che avevo in mente di prendere, e lui mi ha assicurato che avrebbe appoggiato qualunque mia decisione in merito”.

L’allontanamento del comandante Crozier ha suscitato critiche e polemiche anche a Capitol Hill: “Il congedo del comandante in questo momento critico, mentre i marinai della Roosevelt si trovano ad affrontare la pandemia, è una scelta destabilizzante che può mettere a rischio i nostri militari e le capacità della flotta nel Pacifico. Il capitano era giustamente preoccupato per la salute e la sicurezza del suo equipaggio e forse non ha gestito l’immensa pressione in modo appropriato, ma sollevarlo dal comando appare come una reazione eccessiva”.

La notizia della rimozione di Crozier arriva dopo che un funzionario della difesa statunitense ha confermato che 114 marinai della USS Theodore Roosevelt erano risultati positivi al virus e l’epidemia a bordo stava aumentando in modo molto rapido. Ma anche a bordo di un’altra portaerei statunitense, la USS Ronald Reagan, l’equipaggio stava affrontando la comparsa di una “manciata” di casi positivi, e nessuno sembrava lamentarsi, rispondevano stizziti alcune fonti del Pentagono.

Nel frattempo, un migliaio di marinai della Roosevelt, che ha attraccato nel porto di Guam, in Giappone, sono stati messi in quarantena in alcuni alberghi, mentre a bordo continua la fase dei test, che finora ha raggiunto 1.273 dei circa 4.800 membri dell’equipaggio. Ma il comandante in capo delle operazioni navali, l’ammiraglio Mike Gilday, ha ricordato che la nave non potrà essere evacuata totalmente per la necessità di continuare a svolgere i compiti essenziali: “Sarà necessario che almeno 1.000 marinai restino a bordo: è una nave da guerra con armi, munizioni, aerei e una centrale nucleare”.

Stati Uniti
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore