Risarcimento record per le vittime di Las Vegas

| Un accordo epocale pari a 800 milioni di dollari, raggiunto dai legali delle vittime e dei feriti con la MGM: quasi tutta la somma sarà in realtà pagata dalle assicurazioni

+ Miei preferiti
“Anche se non c’è cifra che possa riportare in vita chi non c’è più, o lenire il dolore e l’orrore che tanti hanno subito, tutto questo fornirà un equo risarcimento alle vittime e alle loro famiglie”. Poche parole accompagnano l’accordo raggiunto fra il colosso dell’entertainment “MGM Resort International” e i legali delle 58 vittime e delle centinaia di feriti della strage di Las Vegas del 1° ottobre del 2017. Una delle peggiori notti nella storia recente degli Stati Uniti, quando Stephen Paddock, fino ad allora un tranquillo pensionato benestante, ha aperto il fuoco dalla finestra della sua camera, al 38esimo piano dell’hotel “Mandalay Bay”, sparando all’impazzata sulla folla inerme che assisteva ad un concerto country.

L’accordo arriva sulla minaccia di centinaia di denunce che accusavano l’albergo di negligenza, per aver permesso all’assassino di immagazzinare 23 armi da guerra e migliaia di munizioni nella sua stanza. Secondo i media, l’ammissione di responsabilità crea un significativo precedente per le grandi aziende in cui si verificano i “mass murder”, ritenute responsabili delle vite di chi in quel momento si è affidato a loro. Non è la prima volta: class action di genitori di vittime di stragi hanno trascinato in tribunale le aziende che hanno prodotto e venduto fucili semiautomatici utilizzati in diversi massacri, a cominciare da quella del 2012 nella scuola elementare di Newtown, ma le questioni legali sollevate nel caso MGM sono comunque senza precedenti.

Le vittime della sparatoria di Las Vegas sono state 36 donne e 22 uomini: il più vecchio aveva 67 anni, il più giovane 20. Tutto o quasi tutto il denaro pagato alle vittime sarà attinto dalle numerose assicurazioni che coprono la MGM: il limite di copertura della compagnia per questo caso era di 751 milioni di dollari, lasciando alla MGM l’impegno di mettere mano ad altri 49 milioni. Un curatore indipendente, che dovrà essere nominato da un giudice, esaminerà le spese mediche così come le circostanze di ogni vittima, prima di decidere quanto riceverà ognuno.

Non è ancora chiaro se le vittime che hanno presentato una richiesta di risarcimento rinunceranno alla transazione e sceglieranno di portare comunque il caso in tribunale: il numero di persone che accetteranno la transazione determinerà l’importo esatto che le assicurazioni della MGM finiranno per pagare. Giovedì scorso, l’amministratore delegato della MGM, Jim Murren, ha definito l’accordo “un passo importante, che speravamo fosse possibile da molto tempo. Abbiamo sempre creduto che il prolungato contenzioso su queste questioni non è nell’interesse di nessuno”.

In un primo momento, la MGM aveva risposto con una strategia legale molto dura, anticipando le richieste di risarcimento dei feriti e delle famiglie delle vittime. Trincerandosi dietro la “Support Antiterrorism by Fostering Effective Technologies Act”, una legge federale poco conosciuta approvata all’indomani dell'11 settembre 2001, che proteggeva la MGM dalla responsabilità perché la sparatoria si qualificava come “atto di terrorismo” del tutto imprevedibile. In forza di questo, e anche perché una società di sicurezza assunta per il festival musicale possedeva una designazione speciale del Dipartimento di Sicurezza Nazionale, la MGM ha in un primo momento sostenuto che secondo la legge non avrebbe dovuto pagare alcuna richiesta di risarcimento.

Come parte della sua strategia aggressiva, per far dichiarare l’azienda immune dalle responsabilità, la MGM aveva scelto di citare in giudizio a sua volta più di 1.000 persone che avevano già presentato cause o anticipato l’intenzione di intentare un’azione legale.

Lo scorso ottobre, tuttavia, un gruppo di giudici federali ha negato il tentativo della MGM di consolidare i casi in un tribunale. A febbraio le parti hanno iniziato una mediazione, e a maggio le linee generali dell’accordo erano già state elaborate. “La MGM, le vittime e i loro avvocati, hanno riconosciuto che anni di contenzioso non hanno senso, ed esiste il rischio di portare avanti un caso per lungo tempo - ha commentato John McManus, l’avvocato generale della MGM - volevamo una risoluzione consensuale del caso, e non iniziare una battaglia con le vittime e le loro famiglie”.

Diversi fattori hanno probabilmente influenzato la decisione della MGM di risolvere il caso, tra cui “la cattiva pubblicità stimolata dalle tattiche legali della compagnia e la possibilità di raggiungere un accordo con gli avvocati dei querelanti per il limite che le assicurazioni erano disposte a pagare - ha sibilato Carl Tobias, professore di diritto alla facoltà di giurisprudenza dell’Università di Richmond - penso si siano fatti due calcoli, capendo che l’accordo aveva senso, soprattutto perché la MGM non pagherà quasi nulla”.

Ancora oggi, nessuno è riuscito a chiarire i motivi che hanno spinto Stephen Paddock, 64 anni, a pianificare la sparatoria di massa più grave di sempre.

Stati Uniti
Tennessee: ritrovati 150 bambini scomparsi
Tennessee: ritrovati 150 bambini scomparsi
Una task force impegnata nell'operazione "Volunteer Strong" sul traffico di esseri umani, è riuscita a individuare un numero impressionante di minori di cui si era persa ogni traccia
California, camion fa strage di irregolari
California, camion fa strage di irregolari
Nei pressi di San Diego, un camion carico di ghiaia si è scontrato con un Suv con a bordo 27 clandestini destinati alla mietitura. Il bilancio è quello di una carneficina: 15 morti
Il ritorno di Donald il rabbioso
Il ritorno di Donald il rabbioso
Settimane di silenzio non l’hanno cambiato: nessun accenno al disastro del Campidoglio, attacchi durissimi a Biden e a chi si è opposto o non l’ha appoggiato e la mezza promessa finale: ricandidarsi
Seconda accusa di molestie per Cuomo
Seconda accusa di molestie per Cuomo
Il New York Times rivela che un’altra ex assistente accusa il governatore dello Stato di NY molestie sessuali. Mentre l’FBI indaga sul numero di morti falsato durante la prima ondata della pandemia
Ritrovati i cani di Lady Gaga
Ritrovati i cani di Lady Gaga
A riconsegnarli alla polizia, sani e salvi, sarebbe stata una donna estranea alla vicenda. Proseguono le indagini, mentre il dog-sitter è ancora grave in ospedale
Trump pianifica futuro e vendette
Trump pianifica futuro e vendette
Fra una partita a golf e un mandato di comparizione, l’ex presidente starebbe tramando per prendersi il partito repubblicano e lanciare se stesso e suo figlio Donald Jr alla conquista della politica americana
Suicida John Geddert, ex coach della nazionale USA
Suicida John Geddert, ex coach della nazionale USA
Sommerso dalle denunce per violenze e abusi, e al centro di un’indagine, l’ex allenatore 63enne della nazionale americana di ginnastica femminile si è tolto la vita
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI