Risolto un «Cold Case» di 46 anni fa

| L’omicidio rimasto senza colpevole di Carla Walker, ha finalmente un colpevole: un uomo di 77 anni che ha vissuto tutta la vita a poca distanza dal luogo dell’omicidio, convinto di averla fatta franca

+ Miei preferiti
La notte di San Valentino del 1974, Carla Walker e il suo fidanzatino di allora, Rodney McCoy, entrambi 17enni, partecipano al ballo scolastico: sono belli, giovani e si amano. Di più, a quell’età, non serve.

Tornando a casa si fermano in un parcheggio, e protetti dal buio si scambiano qualche effusione. Ma dal buio spunta un uomo che li aggredisce: tira fuori dall’auto Carla, poi inizia a picchiare selvaggiamente Rodney, che perde i sensi. Quello che accadde a lei, è stata l’autopsia a raccontarlo: prima di morire, Carla fu picchiata, torturata e violentata con una violenza inaudita, per finire la sua breve vita con due mani che le hanno stretto il collo fino a toglierle ogni respiro.

Tre giorni dopo, il cadavere viene rivenuto nei boschi che circondano il lago Benbrook, contea di Tarrant, Texas. Le indagini, i sospetti e le diverse piste non porteranno mai a nulla, ma grazie alle nuove tecniche forensi, gli specialisti dell’FBI sono riusciti ad isolare una traccia del Dna dell’assassino rimasto sul reggiseno della povera ragazza. Quarantasei anni dopo, ormai più che convinto di averla fatta franca, le manette sono scattate ai polsi di Samuel McCurley, identificato con certezza dopo aver inserito il suo Dna in una delle tante banche dati che negli Stati Uniti si moltiplicano sempre di più. L’uomo, un 77enne, ha accettato di sottoporsi ad un nuovo esame che ha dato la conferma: è il killer di Carla Walker.

“Non volevo ucciderla – ha raccontato lui – ma è successo”. Sarà processato per sequestro di persona, omicidio, violenza, stupro e occultamento di cadavere: rischia la pena di morte. In tutti questi anni, ha vissuto serenamente a Forth Worth, in Texas.

Galleria fotografica
Risolto un «Cold Case» di 46 anni fa - immagine 1
Risolto un «Cold Case» di 46 anni fa - immagine 2
Risolto un «Cold Case» di 46 anni fa - immagine 3
Risolto un «Cold Case» di 46 anni fa - immagine 4
Stati Uniti
Il più corrotto poliziotto di New York in manette
Il più corrotto poliziotto di New York in manette
Robert Smith, in servizio nel Queens, spacciava droga, proteggeva gli spacciatori, intascava tangenti per qualsiasi cosa e odiava i neri. L’ha incastrato una lunga indagine iniziata nel 2016
Peccati e peccatori
dei servizi segreti americani
Peccati e peccatori<br>dei servizi segreti americani
Un libro scritto dalla plurivincitrice del Pulitzer Carol D. Leonning racconta un’agenzia lacerata da scandali e dolori. Ma svela anche le tresche con gli agenti di Vanessa e Tiffany, ex nuora e figlia di Trump
Strage a Colorado Springs
Strage a Colorado Springs
Otto morti, compreso l’attentatore, ad una festa di compleanno di famiglia in un’area per case mobili. L’attentatore ha risparmiato solo i bambini
Il South Carolina ripristina la fucilazione
Il South Carolina ripristina la fucilazione
La carenza di farmaci letali ha portato al ritorno della pena capitale attraverso il plotone di esecuzione. Per le associazioni umanitarie “un passo indietro verso le barbarie medievali”
Trump lancia un nuovo canale social
Trump lancia un nuovo canale social
Non è ancora quello che aveva in mente, ma più un sito canale diretto fra l’ex presidente e i suoi sostenitori. Nelle stesse ore, Facebook si riunisce per decidere se togliere l’embargo
Bill e Melinda si dicono addio
Bill e Melinda si dicono addio
I Gates, la coppia di miliardari filantropi, si è rotta: l’ha annunciato Bill con poche parole su Twitter. Ignoti i motivi della rottura, anche se si mormora sia stata lei a volere la separazione
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
Affetto da disturbi mentali, per anni è stato costretto a lavorare senza paga, picchiato e maltrattato dal titolare di una caffetteria. Ora la giustizia impone che gli venga restituito più di quanto avrebbe guadagnato
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
L’improvvisa perquisizione da parte dell’FBI dell’appartamento e degli uffici di Rudy Giuliani ha messo in allarme la rete dei collaboratori dell’ex presidente. Secondo molti, è iniziata la resa dei conti
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
Diverse grandi aziende offrono premi in denaro per i propri dipendenti, mentre stati come il West Virginia regala buoni in denaro. L’obiettivo è convincere milioni di no-vax e recalcitranti
I primi 100 giorni di Joe
I primi 100 giorni di Joe
Il presidente Biden parla al Paese promettendo di risollevare gli americani “abbandonati e dimenticati”: getta le basi per un’ambiziosa agenda economica e chiede la riforma della polizia e più divieti sulle armi