Robert Mueller
incriminare Trump a fine mandato

| Nell’audizione di oggi, l’ex superprocuratore ha ribadito i risultati di 22 mesi di indagini che hanno portato al rapporto: da nessuna parte si legge che il Presidente è scagionato da ogni sospetto

+ Miei preferiti
“Trump può essere incriminato a fine mandato”: hanno un peso specifico enorme, le parole di Robert Mueller, 74 anni, il superprocuratore che per due anni ha indagato sul “Russiagate”. Le ha pronunciate davanti alle commissioni Giustizia e Intelligence della Camera, che l’ha convocato su richiesta del partito Democratico malgrado Mueller abbia scelto di lasciare ogni incarico. Il presidente rifiutò di farsi interrogare, ha aggiunto Mueller, anche se in tutta onestà non ci furono limitazioni oppure ostacoli al normale corso dell’inchiesta. Eppure, ha specificato in un passaggio significativo, da nessuna parte sta scritto che Trump non abbia commesso ostruzioni alla giustizia: è certo che vi siano stati diversi contatti fra lo staff di Donald Trump e dignitari russi, anche se non sono emersi reati.

Mueller si è presentato, ligio al dovere, facendosi anticipare dall’annuncio che la deposizione non sarebbe andata oltre le 448 pagine del rapporto, solo parzialmente divulgato. Una premessa che rende difficile l’inizio di una procedura per messa in stato di accusa per Trump, che ha bollato l’audizione di Mueller e la presenza del suo avvocato, Aaron Zebley, in veste di testimone, come “una caccia alle streghe inaudita e ingiusta”.

Stati Uniti
Derek Chauvin rischia
fino a 75 anni di galera
Derek Chauvin rischia<br>fino a 75 anni di galera
Sarebbe il massimo della pena per ognuno dei tre reati legati alla morte di George Floyd, ma si tratta di un soggetto senza precedenti penali, per cui il giudice potrebbe essere più clemente
George Floyd è stato assassinato
George Floyd è stato assassinato
Lo dice una storica sentenza che ha giudicato colpevole di tutti e tre i capi d’imputazione l’ex agente Derek Chauvin. Soddisfazione anche dalla Casa Bianca, mentre in Ohio la polizia uccideva una 16enne riaccendendo le proteste
Processo Floyd, una pagina di storia
Processo Floyd, una pagina di storia
Mentre in città cresce la tensione in vista del verdetto della giuria, le arringhe di accusa e difesa chiudono un processo destinato a fare epoca, e a cambiare per sempre l’anima più profonda dell’America
Preoccupa l’aumento di contagi, malgrado il vaccino
Preoccupa l’aumento di contagi, malgrado il vaccino
La variante inglese, ormai dominante, è una doccia fredda per l’America, che registra un aumento dei casi in diversi stati, anche se calano i decessi
Texas: caccia all’uomo che ha ucciso tre persone
Texas: caccia all’uomo che ha ucciso tre persone
Un ex agente di polizia condannato per violenza sessuale su un bambino, sarebbe l’autore di una strage familiare avvenuta ad Austin. L’uomo è riuscito a fuggire
Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto
Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto
Si alza l’allarme per possibili disordini sociali nel caso il processo per l'omicidio dell'afroamericano si concluda con una sentenza favorevole all’ex agente Chauvin. Ovunque, la polizia annuncia misure di sicurezza straordinarie
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
È il numero delle vittime che un giovane affetto da problemi mentali ha fatto in un magazzino a Indianapolis. Si tratta della 45esima strage avvenuta in America dall’inizio dell’anno, e ancora una volta Biden chiede che sia l’ultima
Ancora sangue sulle strade americane
Ancora sangue sulle strade americane
Un uomo armato di mitragliatrice ha fatto una strage in un magazzino logistico a Indianapolis. Mentre da Chicago arrivano le inquietanti immagini dell’uccisione senza motivo di Adam Toledo, un 13enne
Sesso, droga & deputati
Sesso, droga & deputati
Emergono dettagli sullo scandalo che ha come protagonista unico il deputato repubblicano della Florida Matt Gaetz, sospettato di avere una passione smodata per le minorenni
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
È quanto ha dichiarato Christopher Wray, direttore dell’FBI, raccontando davanti al Senato di 2.000 indagini collegate a Pechino, una presenza forte, costante e insidiosa