Robert Mueller
incriminare Trump a fine mandato

| Nell’audizione di oggi, l’ex superprocuratore ha ribadito i risultati di 22 mesi di indagini che hanno portato al rapporto: da nessuna parte si legge che il Presidente è scagionato da ogni sospetto

+ Miei preferiti
“Trump può essere incriminato a fine mandato”: hanno un peso specifico enorme, le parole di Robert Mueller, 74 anni, il superprocuratore che per due anni ha indagato sul “Russiagate”. Le ha pronunciate davanti alle commissioni Giustizia e Intelligence della Camera, che l’ha convocato su richiesta del partito Democratico malgrado Mueller abbia scelto di lasciare ogni incarico. Il presidente rifiutò di farsi interrogare, ha aggiunto Mueller, anche se in tutta onestà non ci furono limitazioni oppure ostacoli al normale corso dell’inchiesta. Eppure, ha specificato in un passaggio significativo, da nessuna parte sta scritto che Trump non abbia commesso ostruzioni alla giustizia: è certo che vi siano stati diversi contatti fra lo staff di Donald Trump e dignitari russi, anche se non sono emersi reati.

Mueller si è presentato, ligio al dovere, facendosi anticipare dall’annuncio che la deposizione non sarebbe andata oltre le 448 pagine del rapporto, solo parzialmente divulgato. Una premessa che rende difficile l’inizio di una procedura per messa in stato di accusa per Trump, che ha bollato l’audizione di Mueller e la presenza del suo avvocato, Aaron Zebley, in veste di testimone, come “una caccia alle streghe inaudita e ingiusta”.

Stati Uniti
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere