Robert Mueller si è dimesso

| Per la prima e ultima volta dalla diffusione del rapporto sul Russiagate, il superprocuratore speciale spiega che non sarebbe mai potuto arrivare a incriminare il presidente. Ma soltanto a non scagionarlo

+ Miei preferiti
Robert Mueller, il granitico procuratore speciale che ha speso gli ultimi due anni della sua vita nelle complicate indagini del “Russiagate”, si è dimesso. Ma nel suo discorso finale, prima di “tornare alla vita privata”, spiega come leggere fra le righe il tanto discusso rapporto finale, quello che la Casa Bianca ha accolto con un sospiro di sollievo perché non c’era traccia di accuse verso il presidente Trump.

“Parlo adesso perché l’inchiesta è completa e gli atti sono pubblici. Se fossimo stati convinti che il presidente non avesse commesso alcun reato l’avremmo detto - esordisce Mueller - ma incriminare un presidente in carica non è fra le opzioni concesse dal dipartimento di giustizia. Sulla base dei fatti e delle leggi, non avremmo potuto arrivare a questa conclusione. Di conseguenza, per quanto questo rapporto non si concluda dicendo che il presidente ha commesso un reato, non lo esonera nemmeno. A questo punto, quelle pagine parlano da sole”.

Mueller sapeva fin dall’inizio del mandato di indagine, che in qualsiasi caso la conclusione non avrebbe potuto essere l’incriminazione. In pratica, la scelta possibile era fra scagionarlo completamente o lasciargli addosso almeno l’ombra del dubbio.

L’affondo di Mueller prosegue: “I tentativi del presidente di influenzare l’indagine sono stati quasi tutti vani, ma questo si deve soprattutto al fatto che le persone che lo circondavano si rifiutavano di eseguire i suoi ordini”.

Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Afroamericani uccisi: una lunga scia di ingiustizie
Afroamericani uccisi: una lunga scia di ingiustizie
La morte di George Floyd ha riacceso i riflettori sui modi violenti delle forze di polizia americane. Nella quasi totalità dei casi, nessuno è mai stato accusato e processato
Proteste: ucciso un agente in pensione
Proteste: ucciso un agente in pensione
David Dorn aveva 77 anni, e voleva aiutare un amico a difendere il banco dei pegni. La morte documentata sui social
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Il presidente americano bacchetta pubblicamente sindaci e governatori, annunciando di essere pronto a invocare l’Insurrection Act, una legge che consente di sopprimere con la forza i disordini civili
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
Voluto dalla famiglia di Floyd, il secondo esame autoptico rafforza l’ipotesi dell’omicidio: il peso dell’agente, la posizione e le manette hanno compromesso il diaframma
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti