Robert Mueller si è dimesso

| Per la prima e ultima volta dalla diffusione del rapporto sul Russiagate, il superprocuratore speciale spiega che non sarebbe mai potuto arrivare a incriminare il presidente. Ma soltanto a non scagionarlo

+ Miei preferiti
Robert Mueller, il granitico procuratore speciale che ha speso gli ultimi due anni della sua vita nelle complicate indagini del “Russiagate”, si è dimesso. Ma nel suo discorso finale, prima di “tornare alla vita privata”, spiega come leggere fra le righe il tanto discusso rapporto finale, quello che la Casa Bianca ha accolto con un sospiro di sollievo perché non c’era traccia di accuse verso il presidente Trump.

“Parlo adesso perché l’inchiesta è completa e gli atti sono pubblici. Se fossimo stati convinti che il presidente non avesse commesso alcun reato l’avremmo detto - esordisce Mueller - ma incriminare un presidente in carica non è fra le opzioni concesse dal dipartimento di giustizia. Sulla base dei fatti e delle leggi, non avremmo potuto arrivare a questa conclusione. Di conseguenza, per quanto questo rapporto non si concluda dicendo che il presidente ha commesso un reato, non lo esonera nemmeno. A questo punto, quelle pagine parlano da sole”.

Mueller sapeva fin dall’inizio del mandato di indagine, che in qualsiasi caso la conclusione non avrebbe potuto essere l’incriminazione. In pratica, la scelta possibile era fra scagionarlo completamente o lasciargli addosso almeno l’ombra del dubbio.

L’affondo di Mueller prosegue: “I tentativi del presidente di influenzare l’indagine sono stati quasi tutti vani, ma questo si deve soprattutto al fatto che le persone che lo circondavano si rifiutavano di eseguire i suoi ordini”.

Stati Uniti
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica
USA 2020, è già record di votanti
USA 2020, è già record di votanti
14 milioni di americani hanno già espresso il proprio voto via posta: gli esperti prevedono un’affluenza record per decidere se ridare fiducia a Trump o voltare pagine con Biden
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Il presidente si sarebbe rivolto alla Corte Suprema per bloccare le richieste del Grand Jury di Manhattan. Se non fosse rieletto, rischia una condanna insieme alla figlia Ivanka
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Il presidente vola in Florida per un comizio affollato in cui promette una vittoria schiacciante, mentre l’infettivologo della Casa Bianca ammonisce: “È in cerca di guai”