Russiagate: la resa dei conti

| Consegnato il rapporto Mueller, l’America con il fiato sospeso: a giorni Trump potrebbe finire sotto accusa o scagionato del tutto

+ Miei preferiti
22 mesi, 669 giorni, 16.056 ore: tanto è durata l’inchiesta di Robert Mueller, il superprocuratore incaricato di indagare sulle interferenze russe nelle elezioni americane del 2016. Un enorme macchina della giustizia che finora ha travolto 34 persone, ma che potrebbe avere effetti ben più dirompenti sulla scena politica americana. Potenzialmente, addirittura un nuovo “Watergate”, ancora oggi nei peggiori incubi della storia politica americana.

In realtà, ricordano i media in queste ore, il rapporto Mueller è solo l’inizio di una nuova resa dei conti con la Russia ed è considerata una pietra miliare nella storia moderna dell’America, con le istituzioni governative messe sotto pressione. La questione ora è se tutti accetteranno il risultato. Il paese potrebbe capire nel giro di pochi giorni se Mueller ha risposto alle domande chiave: Trump ha collaborato con una potenza straniera per vincere le elezioni del 2016? Ha approtittato della sua posizione per fare affari in Russia? Il Presidente ha ostacolato la giustizia, anche licenziando il direttore dell’FBI James Comey, nel tentativo di coprire tutto questo? E ci sono prove che suggeriscono perché Trump sembra essere spesso obbediente al presidente russo Vladimir Putin? E ancora: può spiegare i molteplici contatti sospetti tra i soci di Trump e i russi - sia prima che dopo le elezioni - e le menzogne che tutti hanno raccontato su quei rapporti?. Domande a cui tutti si augurano che il rapporto Mueller sappia rispondere.

Trump, ostentando sicurezza, attende a Mar-a-Lago che il ministro della giustizia, William Barr, decida quanto condividere del documento con il congresso e quanto rendere pubblico, anche se l’unanimità della Camera, repubblicani compresi, ha votato perché il rapporto Mueller sia divulgato integralmente per evitare insabbiamenti.

Ma la squadra di Trump sta già festeggiando, sostenendo che è già chiaro che il Presidente è salvo poiché Mueller non ha incriminato nessuno per aver collaborato con i russi durante le elezioni.

La mancanza di accuse contro il figlio di Trump, Donald Jr. e suo genero Jared Kushner, coinvolti in un incontro del 2016 alla “Trump Tower” con i russi che offrivano “sporcizia” su Hillary Clinton, ha deluso i critici.

Per ora, coerentemente con l’indagine controllata di Mueller, nessuno al di fuori del Dipartimento di Giustizia sa cosa c’è nel rapporto e quanto si occupa delle azioni del Presidente. Ma la sua consegna costituisce una prova ancora più grande per le istituzioni politiche di Washington: tanto capitale politico ed emotivo è stato investito nell’indagine di Mueller, che dovrà togliere una volta per tutte il veleno intorno alle elezioni del 2016. 

Le rivelazioni a venire saranno comunque tali da garantire che, qualunque cosa dica il rapporto di Mueller, la questione dell’assalto della Russia alle ultime elezioni presidenziali macchierà le prossime, tra 20 mesi.

Nella peggiore delle ipotesi, ovvero se Mueller sia riuscito a trovare prove che incriminano Trump, l’impeachment sarebbe quasi certo, addirittura anticipato dall’interdizione del presidente dalle sue funzioni. 

Stati Uniti
Kim Kardashian contro una condanna a morte
Kim Kardashian contro una condanna a morte
La celebre socialite americana collabora da anni con studi legali per individuare errori giudiziari. Come molti altri, si è convinta dell’innocenza di Rodney Reed, che il prossimo 20 novembre sarà giustiziato
USA: un fight club in una casa di riposo
USA: un fight club in una casa di riposo
Tre infermiere costringevano i degenti a picchiarsi, scommettendo sul possibile vincitore. Una segnalazione ha fatto scattare un’inchiesta interna e subito dopo l’arresto da parte della polizia
Texas, uccisa per errore dalla polizia
Texas, uccisa per errore dalla polizia
Atatiana Jefferson, 28 anni, stava giocando con i videogames insieme al nipotino: un agente le ha sparato attraverso la finestra. Proteste della comunità afroamericana
Alaska: omicidio al Midtown Marriott
Alaska: omicidio al Midtown Marriott
Una scheda SD ritrovata per caso sulla strada ha permesso di scoprire l’omicidio di una donna, i cui resti erano stati rinvenuti pochi giorni prima
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti
Kevin Donovan, 40enne di Syracuse, diffondeva l’uso del “Narcan”, un farmaco che usato per tempo salva dalla morte. Aveva un passato da tossicodipendente da cui sembrava esserne uscito per sempre
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer
È un vero colpo di scena nel caso di Amber Guyer, la poliziotta di Dallas che aveva ucciso un uomo credendo che fosse nel suo appartamento. Uno dei testimoni dell’accusa, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco
Impeachment: senza esclusione di colpi
Impeachment: senza esclusione di colpi
In meno di due settimane dalla richiesta di avviare la procedura contro Trump, una serie infinita di colpi di scena, accuse, insulti e sondaggi stanno avvelenando la politica americana
New York, la strage dei senzatetto
New York, la strage dei senzatetto
Quattro vittime, tutte uccise con una sbarra di metallo mentre dormivano per strada. Arrestato un 24enne, sarebbe uno di loro
La banda di ragazzini che ha risolto un caso
La banda di ragazzini che ha risolto un caso
Capitanati da Logan, 10 anni, un gruppo di ragazzini di Roseville, in California, ha rintracciato un’anziana donna scomparsa da casa che la polizia stava cercando. Sono diventati gli eroi d’America
Risarcimento record per le vittime di Las Vegas
Risarcimento record per le vittime di Las Vegas
Un accordo epocale pari a 800 milioni di dollari, raggiunto dai legali delle vittime e dei feriti con la MGM: quasi tutta la somma sarà in realtà pagata dalle assicurazioni