San Francisco, così ricca e così egoista

| Ha il reddito pro-capite tra i più alti degli Usa ma oltre 8 mila senza-tetto che vagano per la città. Il sindaco chiede agli industriali hi-tech di tassarsi per aiutarli e nuove case a prezzi accessibili. Ma i ricchi non vogliono

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

E’ una delle città, San Francisco (non è una mega-metropoli), più ricche degli Usa ma anche del pianeta per reddito pro-capite. Ma con un enorme e delicato problema: una folla immensa di senza-tetto attirati da tutti gli stati dell’Unione da una politica aperta e dai contributi sostanziosi dell'assistenza. Ma non bsastano. “San Francisco ha visto - segnala The Guardian - un aumento del 17% degli homeless dal suo ultimo conteggio, con numeri che salgono a livelli mai registrati in queste strade in 17 anni”. L'aumento arriva in mezzo al boom per l’industria tecnologica  he la rende sempre più ricca, con le disparità sociali più forti e un costo della vita più insostenibile che mai.

"Il costo degli alloggi non è sceso, perché qualcuno si aspetta che il numero di persone che vivono senza tetto diminuisca", ha detto Kelley Cutler, l'organizzatore dei diritti umani della Coalizione per i senzatetto.

La città ha pubblicato un riassunto preliminare del conteggio delle strade di una notte, arrivando a contare 8.011 homeless. L'aumento, secondo l'ufficio del sindaco, è dovuto principalmente da persone che vivono nelle loro auto, che ammontavano al 68% dei casi censiti.

San Francisco effettua il censimento dei senzatetto ogni due anni, come richiesto dal Dipartimento per gli alloggi e lo sviluppo urbano degli Stati Uniti. Il numero si ritiene sia una stima al ribasso, dato che le linee guida federali per i senzatetto sono più ampie delle definizioni del territorio cittadino, e la città ha annunciato un conteggio più accurato il prossimo luglio. Nel 2017, il censimento era di 6.858, mentre il successivo è salito a 7.499. C’è però un calo del 14% dei senzatetto storici, i veterans, e del 10% per i giovani senzatetto.

"I risultati iniziali di questo conteggio mostrano che dobbiamo fare di più per fornire riparo e in primo luogo evitare che le persone finiscano in mezzo a una strada", ha detto il sindaco di San Francisco, London Breed, in un comunicato. "I risultati del nostro lavoro incentrato sui giovani e sui senzatetto veterani sono la prova che quando affiniamo i nostri investimenti, possiamo fare la differenza per coloro che vivono nelle nostre strade. Come ho detto per anni, abbiamo un disperato bisogno di costruire più alloggi, soprattutto a prezzi accessibili, perché sappiamo che i costi elevati degli alloggi contribuiscono ad aumentare il numero dei senzatetto. "Sappiamo che il problema non è solo circoscritto a San Francisco, altre contee della Bay Area e di tutto lo stato stanno vivendo circostanze simili, e abbiamo tutti bisogno di lavorare insieme per trovare soluzioni regionali e statali per affrontare questa crisi". Lo scorso novembre, la città ha approvato una misura che attuerà una media dello 0,5% di imposte sulle entrate lorde per le aziende con volumi d'affari superiori ai 50 milioni di dollari. La misura è stata fortemente contestata all'interno dell'industria tecnologica, con i miliardari che si sono scontrati pubblicamente sul ruolo dell'industria nel creare le disparità economiche che hanno guidato la crisi dei senzatetto. La proposta dovrebbe permettere di raccogliere circa 250-300 milioni di dollari di entrate aggiuntive per i servizi per i senzatetto, ma attualmente è bloccata in tribunale.

La città ha promesso di aumentare il numero di posti letto di altre 1.000 unità, ma una proposta di rifugio per senzatetto, approvata dalle autorità del quartiere sul lungomare della città, è impantanata da mesi in controversie legali dai residenti che hanno raccolto più di 101.000 dollari in una campagna di crowdfunding per pagare un avvocato e combattere la costruzione del Centro di Assistenza.

Galleria fotografica
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 1
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 2
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 3
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 4
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 5
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 6
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 7
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 8
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 9
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 10
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 11
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 12
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 13
Stati Uniti
Rimosso il comandante della Roosevelt
Rimosso il comandante della Roosevelt
Brett Crozier, al comando della portaerei il cui equipaggio era minacciato dalla pandemia, punito per aver lanciato l’allarme in modo che i media lo sapessero prima del Pentagono
Minacciato di morte il dottor Fauci
Minacciato di morte il dottor Fauci
Il massimo esperto americano a capo della task force contro la pandemia sarebbe finito sotto protezione perché minacciato da ambienti dell’estrema destra
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Dall’ottimo lavoro che starebbero facendo la Casa Bianca e la sanità al basso numero di morti, dai governatori esagerati alla fretta di ripartire. Tutte le incertezze del presidente americano
New York, il terzo mondo degli ospedali
New York, il terzo mondo degli ospedali
Letteralmente travolti dalla crescita di casi, gli ospedali della più grande metropoli del mondo sono dei veri campi di battaglia dove manca tutto
USA, record di richieste di disoccupazione
USA, record di richieste di disoccupazione
3,3, milioni in una sola settimana: il record assoluto dal 1967. L’incubo della pandemia ha costretto diverse aziende a chiudere e licenziare, avvicinando lo spettro della recessione
USA, in aumento la vendita delle armi
USA, in aumento la vendita delle armi
File ovunque, richieste di permessi raddoppiate nel giro di poche settimane, corsa ad accaparrarsi munizioni, fucili e pistole. Il ventre dell’America si arma temendo disordini sociali dovuti al coronavirus
Trump chiude l’America
Trump chiude l’America
Viaggi da e verso gli Stati Uniti bloccati per un mese e misure per sostenere la contrazione economica dovuta all’epidemia. Malgrado questo, secondo gli analisti il presidente continua a non essere convinto che l’America rischia un’ecatombe
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Per 17 anni, Ashley e Latoya hanno condiviso tutta la loro vita, poi una foto ha fatto scattare i dubbi, confermati qualche mese dopo dall’esame del Dna
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Allarmi a pulsanti, collegati con le forze dell’ordine e il personale scolastico, saranno a breve installati in tutti gli istituti scolastici della Florida. È la vittoria di una mamma che ha perso la figlia nella strage di Parkland
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Un giudice federale accusa il procuratore generale William Barr di aver voluto favorire Trump fornendo una versione di parte del rapporto sul "Russiagate"