San Francisco, così ricca e così egoista

| Ha il reddito pro-capite tra i più alti degli Usa ma oltre 8 mila senza-tetto che vagano per la città. Il sindaco chiede agli industriali hi-tech di tassarsi per aiutarli e nuove case a prezzi accessibili. Ma i ricchi non vogliono

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

E’ una delle città, San Francisco (non è una mega-metropoli), più ricche degli Usa ma anche del pianeta per reddito pro-capite. Ma con un enorme e delicato problema: una folla immensa di senza-tetto attirati da tutti gli stati dell’Unione da una politica aperta e dai contributi sostanziosi dell'assistenza. Ma non bsastano. “San Francisco ha visto - segnala The Guardian - un aumento del 17% degli homeless dal suo ultimo conteggio, con numeri che salgono a livelli mai registrati in queste strade in 17 anni”. L'aumento arriva in mezzo al boom per l’industria tecnologica  he la rende sempre più ricca, con le disparità sociali più forti e un costo della vita più insostenibile che mai.

"Il costo degli alloggi non è sceso, perché qualcuno si aspetta che il numero di persone che vivono senza tetto diminuisca", ha detto Kelley Cutler, l'organizzatore dei diritti umani della Coalizione per i senzatetto.

La città ha pubblicato un riassunto preliminare del conteggio delle strade di una notte, arrivando a contare 8.011 homeless. L'aumento, secondo l'ufficio del sindaco, è dovuto principalmente da persone che vivono nelle loro auto, che ammontavano al 68% dei casi censiti.

San Francisco effettua il censimento dei senzatetto ogni due anni, come richiesto dal Dipartimento per gli alloggi e lo sviluppo urbano degli Stati Uniti. Il numero si ritiene sia una stima al ribasso, dato che le linee guida federali per i senzatetto sono più ampie delle definizioni del territorio cittadino, e la città ha annunciato un conteggio più accurato il prossimo luglio. Nel 2017, il censimento era di 6.858, mentre il successivo è salito a 7.499. C’è però un calo del 14% dei senzatetto storici, i veterans, e del 10% per i giovani senzatetto.

"I risultati iniziali di questo conteggio mostrano che dobbiamo fare di più per fornire riparo e in primo luogo evitare che le persone finiscano in mezzo a una strada", ha detto il sindaco di San Francisco, London Breed, in un comunicato. "I risultati del nostro lavoro incentrato sui giovani e sui senzatetto veterani sono la prova che quando affiniamo i nostri investimenti, possiamo fare la differenza per coloro che vivono nelle nostre strade. Come ho detto per anni, abbiamo un disperato bisogno di costruire più alloggi, soprattutto a prezzi accessibili, perché sappiamo che i costi elevati degli alloggi contribuiscono ad aumentare il numero dei senzatetto. "Sappiamo che il problema non è solo circoscritto a San Francisco, altre contee della Bay Area e di tutto lo stato stanno vivendo circostanze simili, e abbiamo tutti bisogno di lavorare insieme per trovare soluzioni regionali e statali per affrontare questa crisi". Lo scorso novembre, la città ha approvato una misura che attuerà una media dello 0,5% di imposte sulle entrate lorde per le aziende con volumi d'affari superiori ai 50 milioni di dollari. La misura è stata fortemente contestata all'interno dell'industria tecnologica, con i miliardari che si sono scontrati pubblicamente sul ruolo dell'industria nel creare le disparità economiche che hanno guidato la crisi dei senzatetto. La proposta dovrebbe permettere di raccogliere circa 250-300 milioni di dollari di entrate aggiuntive per i servizi per i senzatetto, ma attualmente è bloccata in tribunale.

La città ha promesso di aumentare il numero di posti letto di altre 1.000 unità, ma una proposta di rifugio per senzatetto, approvata dalle autorità del quartiere sul lungomare della città, è impantanata da mesi in controversie legali dai residenti che hanno raccolto più di 101.000 dollari in una campagna di crowdfunding per pagare un avvocato e combattere la costruzione del Centro di Assistenza.

Galleria fotografica
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 1
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 2
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 3
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 4
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 5
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 6
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 7
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 8
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 9
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 10
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 11
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 12
San Francisco, così ricca e così egoista - immagine 13
Stati Uniti
L’era Trump si chiude
con un’inchiesta per tangenti
L’era Trump si chiude<br>con un’inchiesta per tangenti
Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Consigliere di Trump per la pandemia dallo scorso agosto, si è sempre detto favorevole all’immunità di gregge rifiutando tutto il resto. La comunità scientifica americana soddisfatta per le dimissioni
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden