San Francisco dichiara la lobby delle armi organizzazione terroristica interna

| Per la prima volta, una città rompe il fronte della paura di fronte alla potente e influente N.R.A.. Secca la risposta: “Soltanto propaganda”

+ Miei preferiti
Ricchissima, potentissima, capace di influenzare la politica americana spostando i voti dei cinque milioni di iscritti e di finanziare le campagne elettorali scegliendo i candidati a favore delle armi, come Trump, che per la discesa in campo ha ricevuto 30 milioni di dollari. La “NRA”, acronimo di “National Rifle Association”, è la lobby delle armi, un’organizzazione che si batte per il libero possesso di armi da fuoco in America, come sancito dal secondo emendamento della Costituzione. Nata nel 1871 a New York, in quasi 150 anni di vita è sempre riuscita a boicottare le leggi sul controllo, le restrizioni o l’abolizione delle armi da fuoco. Tante le battaglia contro la “NRA”, i cui membri sono spesso stati paragonati agli eredi del “Ku Klux Klan”, e tante anche le polemiche, come quella legata alla presenza sul territorio americano di spie russe come Maria Butina, che proprio attraverso la NRA era riuscita ad avvicinare politici statunitensi.

Ma negli ultimi tempi, il colosso della NRA ha iniziato a vacillare: malgrado siano ancora tanti gli americani convinti che una pistola in casa sia la miglior polizza assicurativa possibile, molti di più sono quelli che ritengono ormai inaccettabile la quantità di morti delle stragi continuano a insanguinare l’America.

San Francisco, l’affascinante città che domina la Bay Area, culla della controcultura e di tutte le libertà possibili, da quelle politiche a quelle sessuali, nonché una delle principali mete turistiche d’America, ha deciso di rompere gli argini. Anche in quella parte di California che sembra lontana da tutto, il sangue è stato versato: l’ultima volta il 28 luglio scorso, durante il pacifico “Gilroy Garlic Festival”. Due giorni dopo, una delle supervisor del comune, Catherine Stefani, carica di tutto il suo sdegno la NRA: “È in atto una cospirazione per bloccare ogni possibile legge che limiti o prevenga la violenza armata a livello locale, statale e federale”.

Si apre un dibattito all’interno dell’amministrazione locale, a guida Dem, che proprio in questi giorni è arrivato alla conclusione, riassunto in una risoluzione probabilmente destinata alla storia che per la prima volta osa rompere il fronte della paura: dichiarare la potente NRA un’organizzazione terroristica interna. “Gli Stati Uniti sono flagellati da un’epidemia di violenza - si legge nel comunicato - e la NRA usa la propria ricchezza e la forza organizzativa per promuovere le armi e incitare alla violenza. In tutti i Paesi del mondo ci sono persone violente e piene d’odio, ma solo in America hanno facile accesso alle armi d’assalto e ai caricatori ad alta capacità, e tutto questo grazie all’influenza della NRA”. In pratica, si sostiene che l’uso di armi da fuoco con l'intento di mettere in pericolo, direttamente o indirettamente, la sicurezza di uno o più individui è considerata “attività terroristica”. In altre parole, ogni assassino va considerato un terrorista se ha usato un’arma, indipendentemente dal fatto che avesse o meno motivazioni politiche.

Paradossalmente, la risoluzione non avrà alcun effetto pratico, ma è comunque un primo passo, come sottolineato dalla stessa Stefani: “Credo fermamente che si tratti di un passo in avanti nella lotta contro il potere negativo della NRA”.

“È solo un altro inutile e disgustoso tentativo di incolparci per l’epidemia di violenza che attanaglia la nostra nazione - ha liquidato la faccenda Amy Hunter, portavoce della sede californiana associazione -  è un attacco sconsiderato contro un’organizzazione rispettosa della legge, dei propri membri e delle libertà per le quali si battono tutti gli americani”. Anche la sede centrale della NRA ha risposto su Twitter: “Stiamo parlando del tessuto della società americana e San Francisco dovrebbe vergognarsi: ha problemi di cui preoccuparsi come l’aumento dei senzatetto, l’abuso di droghe e il boom di crimini”. 

Ma la Stefani non arretra di un centimetro e rincara la dose: “Il tasso di omicidi da arma da fuoco negli Stati Uniti è 25 volte superiore a quello di qualsiasi altro paese ad alto reddito e quello di proprietà delle armi è due volte superiore: con 393 milioni di pistole in questo paese, ci sono più armi che persone. Ogni paese sulla terra ha videogiochi, film e problemi di salute mentale, eppure solo gli Stati Uniti hanno problemi di violenza armata nelle scuole, nei cinema, nei supermercati: e la differenza sono le armi”. Solanto nel mese di agosto, 53 persone sono morte in tre sparatorie, di cui 22 a El Paso, 9 a Dayton e 7 a Odessa.

Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo