San Francisco vieta il riconoscimento facciale

| La patria della hi-tech revolution ha detto no ad un sistema ormai adottato in moltissime metropoli del mondo, e che ha già dimostrato la propria efficacia. C’è di mezzo la privacy, dicono i city supervisors

+ Miei preferiti
A Mosca, ha annunciato il sindaco Sergei Sobyanin, presto saranno installate oltre 200mila telecamere dotate di un sistema di riconoscimento facciale. È il passo successivo a quelle che già costellano le fermate della metropolitana della capitale russa, che avrebbero permesso la cattura di “decine di criminali”. Londra non è da meno: secondo un recente censimento, per le strade sarebbero sistemate quasi 500mila telecamere, fra pubbliche e private, in pratica una ogni 14 persone.

Per questo fa notizia, perché controcorrente, la decisione della progressista San Francisco, patria della rivoluzione hi-tech, dove l’amministrazione ha da poco sancito di non voler adottare i sistemi di videosorveglianza facciale. Una decisione che ha stupito tanti, visto che il resto delle città americane si sta attrezzando per rendere sempre più sicure e controllate le strade. A New York, Detroit, Orlando, Las Vegas, San Diego e San José sono ormai la pura normalità, uno strumento che la polizia considera utilissimo e che permette di individuare nel giro di pochissimo tempo i responsabili di reati.

A proporre il divieto è stato Aaron Peskin, responsabile del “Board of Supervisors”, affermando che il sistema è una minaccia alla privacy delle persone e un uso non appropriato potrebbe trasformarsi in minaccia per le minoranze. La mozione è passata con otto voti a favore e un solo contrario. Dal divieto sono esclusi gli aeroporti, le stazioni ferroviarie e gli edifici federali. Sulla stessa linea di San Francisco ci sono altre città come Oakland e Sommerville, in Massachusstes, dove è in corso il dibattito se bandire o meno la “facial recognition”.

“Essere considerati il luogo di nascita dello sviluppo tecnologico contemporaneo, implichi anche un’assunzione di responsabilità da parte dei legislatori locali. Per questo, abbiamo il dovere di regolamentarne gli eccessi”, ha commentato Peskin. Gli ha risposto Jonathan Turley, espero di diritto costituzionale della George Washington University: “È ridicolo negare il valore di questa tecnologia”.

Stati Uniti
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato
Hackerato lo studio legale dei vip americani
Hackerato lo studio legale dei vip americani
I pirati informatici sono riusciti a impossessarsi di 756 GB di dati di diverse celebrità del mondo dello spettacolo, compreso il nome più importante: Donald Trump. Chiesto un riscatto di 42 milioni di dollari: l'FBI indaga
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
È convinto che sia necessario far ripartire l’economia anche mettendo in conto migliaia di morti. Un azzardo che potrebbe portarlo dritto verso la rielezione, o nel baratro
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
Si tratta di un’installazione artistica creata dal regista Eugene Jarecki: mostra in tempo reale quante vite umane si sarebbero potute salvare con una risposta più tempestiva
Saturday Night Virus
Saturday Night Virus
L’ultima follia americana sono i “Covid-party” delle feste in cui persone sane si mescolano ad altre infette, nella speranza di essere contagiate e sviluppare volontariamente l’immunità di gregge