Sgominata da banda degli iPhone

| In sette anni sono riusciti a rubare migliaia di smartphone Apple rivendendoli sul mercato nero: si parla di un bottino di circa 19 milioni di dollari

+ Miei preferiti
Sei persone sono state arrestate negli Stati Uniti per aver messo in piedi una truffa che si basava su “Restituisci il tuo vecchio iPhone e ne avrai in cambio uno nuovo”, un’offerta lanciata dalla “Apple”. Il piano, ben congegnato, ha permesso alla banda di agire indisturbata per sette anni, riuscendo a mettere le mani su migliaia di iPhone che poi venivano rivenduti sul mercato nero.

L’inchiesta era partita nel 2014, dopo la segnalazione di un semplice addetto alle pulizie di un’azienda di spedizioni, che aveva notato l’invio continuo e sospetto di centinaia di pacchi tutto provenienti dallo stesso mittente e destinati ad unico punto di ritiro di New York, ma mai ad un indirizzo privato. Dopo aver avvisato la direzione, in accordo con le forze dell’ordine, una quarantina di pacchi sono stati aperti, scoprendo smartphone nuovi pronti per essere consegnati, ma anche il traffico di carte di credito e documenti falsi. Ricostruire per intero la rete ha richiesto gli sforzi di una squadra di investigatori formata da agenti della polizia di New York e i federali dell’FBI: i sei componenti si spostavano in 34 stati americani fingendosi abbonati a compagnie telefoniche a cui, restituendo modelli ormai superati, avevano diritto ad avere iPhone nuovi a costi contenuti e soprattutto rateizzati su diversi mesi, immediatamente rivenduti a prezzi inferiori di quelli praticati dai centri Apple, ma comunque alti.

Alla base del piano, che rappresenta uno dei punti da chiarire, c’era il furto di identità di clienti inconsapevoli, con documenti falsi e carte di credito clonate. La banda agiva su diversi livelli: c’era chi si occupava di rintracciare i nominativi dei clienti, chi di creare i documenti falsi e chi attraversava gli Stati Uniti senza sosta mettendo a segno i colpi. Difficile, al momento, capire l’entità del danno, ma si parla di migliaia di apparecchi, per un totale di 19 milioni di dollari.

Stati Uniti
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia