Si torna a scuola, pronti a morire

| Un video shock circola in America nei giorni in cui riaprono le scuole. L’hanno voluto i parenti delle piccole vittime della Sandy School per alzare il livello di attenzione e ricordare che se non si agisce, le armi uccideranno ancora

+ Miei preferiti
“It’s back to school time, and you know what that means”: è tempo di tornare a scuola, e sai cosa può significare. È l’agghiacciante finale di un video che circola da giorni sui canali televisivi americani. All’inizio, mostra ragazzi contenti, con i quaderni, l’astuccio per le penne e le scarpe nuove, ma pochi secondi dopo in un corridoio si sente il suono sinistro e inconfondibile di uno sparo: qualcuno cade a terra, ed è l’inizio di un incubo. I ragazzini cercano rifugio ovunque mentre dietro di loro si scatena l’inferno, ma bisogna saper reagire, ed il video insegna che il nuovo skateboard può servire per rompere il vetro di una finestra e scappare, la giacca appena comprata è utile per bloccare una porta, un paio di forbici e delle penne a sfera possono trasformarsi in arma da difesa, per guadagnare qualche secondo utile a mettersi in salvo, e perfino un calzino può trasformarsi in una medicazione di emergenza per fermare il sangue che esce dalla ferita di un compagno colpito. Poi l’ultima sequenza: una ragazzina di colore rintanata in un angolo, che fra le lacrime scrive un messaggio alla mamma, “ti voglio bene”. Poi una porta che si apre, il rumore di passi pesanti, il buio.

A volerlo è stata la “Sandy Hook Promise”, organizzazione no-profit fondata e guidata dai genitori delle piccole vittime della Sandy Hook Elementary School di Newton, in Connecticut, dove il 14 dicembre 2012 morirono 26 persone, di cui 20 bambini fra i 5 ed i 10 anni, falciati dalla follia di Adam Lanza.

Un video che è volutamente un pugno nello stomaco, ma ha almeno due meriti: insegnare che reagire è possibile e soprattutto riaccendere i riflettori sulla piaga sociale dei “mass murder”, le uccisioni di massa che da anni insanguinano le scuole americane.

Secondo il “Gun Violence Archive”, solo nel 2019 negli Stati Uniti ci sono state 302 sparatorie, ma malgrado questo, la bozza di legge che prevede maggiori controlli sulla vendita di armi da fuoco si è arenata in Senato, bloccata dai Repubblicani.

Video
Galleria fotografica
Si torna a scuola, pronti a morire - immagine 1
Si torna a scuola, pronti a morire - immagine 2
Si torna a scuola, pronti a morire - immagine 3
Si torna a scuola, pronti a morire - immagine 4
Stati Uniti
Texas, uccisa per errore dalla polizia
Texas, uccisa per errore dalla polizia
Atatiana Jefferson, 28 anni, stava giocando con i videogames insieme al nipotino: un agente le ha sparato attraverso la finestra. Proteste della comunità afroamericana
Alaska: omicidio al Midtown Marriott
Alaska: omicidio al Midtown Marriott
Una scheda SD ritrovata per caso sulla strada ha permesso di scoprire l’omicidio di una donna, i cui resti erano stati rinvenuti pochi giorni prima
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti
Kevin Donovan, 40enne di Syracuse, diffondeva l’uso del “Narcan”, un farmaco che usato per tempo salva dalla morte. Aveva un passato da tossicodipendente da cui sembrava esserne uscito per sempre
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer
È un vero colpo di scena nel caso di Amber Guyer, la poliziotta di Dallas che aveva ucciso un uomo credendo che fosse nel suo appartamento. Uno dei testimoni dell’accusa, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco
Impeachment: senza esclusione di colpi
Impeachment: senza esclusione di colpi
In meno di due settimane dalla richiesta di avviare la procedura contro Trump, una serie infinita di colpi di scena, accuse, insulti e sondaggi stanno avvelenando la politica americana
New York, la strage dei senzatetto
New York, la strage dei senzatetto
Quattro vittime, tutte uccise con una sbarra di metallo mentre dormivano per strada. Arrestato un 24enne, sarebbe uno di loro
La banda di ragazzini che ha risolto un caso
La banda di ragazzini che ha risolto un caso
Capitanati da Logan, 10 anni, un gruppo di ragazzini di Roseville, in California, ha rintracciato un’anziana donna scomparsa da casa che la polizia stava cercando. Sono diventati gli eroi d’America
Risarcimento record per le vittime di Las Vegas
Risarcimento record per le vittime di Las Vegas
Un accordo epocale pari a 800 milioni di dollari, raggiunto dai legali delle vittime e dei feriti con la MGM: quasi tutta la somma sarà in realtà pagata dalle assicurazioni
Le agghiaccianti lettere di un padre cattivo
Le agghiaccianti lettere di un padre cattivo
Un anno fa, Chris Watts aveva massacrato la moglie incinta e le sue due figlie perché voleva ricostruirsi un’esistenza nuova con l’amante. Una giornalista ha raccolto le sue lettere e le conversazioni in un libro
Donald Trump: operazione coccodrilli
Donald Trump: operazione coccodrilli
Il NYT rivela che il presidente aveva lanciato l’idea di costruire fossati da riempire di rettili per fermare i migranti dal Messico. In alternativa, suggeriva di sparargli alle gambe o di elettrificare il muro al confine