“Sono terrorizzata ma sento il dovere di parlare”

| Inizia con questa parole la sofferta deposizione davanti alla Commissione Giustizia del Senato di una delle accusatrici di Brett Kavanaugh. All’esterno centinaia di manifestanti

+ Miei preferiti
Christine Blasey Ford ha la voce rotta dall’emozione: ha accettato di deporre davanti alla Commissione Giustizia del Senato su qualcosa che le toglie il sonno da quasi quarant’anni, davanti al paese intero. Ha 51 anni, è mamma, fa l’insegnante, la conoscono tutti. Non è facile mettersi in piazza: “Sono qui oggi non perché lo voglia, sono terrorizzata. Ma penso sia un dovere civico raccontare cosa è successo quando io e Kavanaugh eravamo alle superiori”.

È l’inizio della crocifissione pubblica del candidato indicato da Trump alla Corte Suprema, Brett Kanavaugh, inseguito dalle accuse di quattro donne diverse che raccontano più o meno lo stesso copione: solo che a qualcuna è andata peggio delle altre, come Christine Ford.

Racconta della festa del 1982, una delle tante dei tempi del liceo. “Sono salita al secondo piano per andare in bagno, arrivata in cima alle scale sono stata spinta verso una camera da letto: Brett Kavanaugh e Mark Judge, un suo amico, sono entrati e hanno chiuso la porta. Sono stata spinta sul letto, Brett mi ha palpeggiata, ha provato a togliermi i vestiti senza riuscirci, perché era ubriaco, pensavo che mi avrebbe ucciso. Ho provato a urlare, sperando che qualcuno dal piano di sotto mi sentisse ma Brett mi ha messo la mano sulla bocca: è la sensazione che mi ha terrorizzato di più e che ha avuto l’impatto più pesante sul resto della mia vita”.

Una storia che la donna racconta di aver confidato solo al marito e a pochi amici, “Fino a quando non ho sentito che Kavanaugh era fra i candidati alla Corte Suprema”.

Fuori dal Senato, centinaia di persone, giunte a Washington per portare la propria solidarietà ad una donna che tutti considerano coraggiosa. Una protesta silenziosa, accompagnata da cartelli che recitano: “Credete ai sopravvissuti”.

Stati Uniti
Trump pretende pugno duro
contro i manifestanti
Trump pretende pugno duro<br>contro i manifestanti
Il presidente americano bacchetta pubblicamente sindaci e governatori, annunciando di essere pronto a invocare l’Insurrection Act, una legge che consente di sopprimere con la forza i disordini civili
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
Voluto dalla famiglia di Floyd, il secondo esame autoptico rafforza l’ipotesi dell’omicidio: il peso dell’agente, la posizione e le manette hanno compromesso il diaframma
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti