Sospese le esecuzioni in California

| Il governatore Gavin Newsrom ha firmato una moratoria che di fatto blocca fino alla fine del suo mandato le 737 esecuzioni in attesa nelle carceri dello Stato

+ Miei preferiti
L’ultimo in California ad entrare nel “death row”, il braccio della morte, fu Clarence Ray Allen: era il 17 gennaio 2006. L’esecuzione suscito aspre polemiche anche perché Allen, 76 anni, indicano della tribù Choktaw cieco, diabetico e costretto sulla sedia a rotelle, sperava in un atto di clemenza dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, che non arrivò. Fu giustiziato il giorno del suo compleanno per iniezione letale, nel carcere di San Quintino.

Il 6 novembre 2012, i californiani hanno votato sulla possibile abolizione della pena di morte, che tuttavia vinse con il 52% dei voti. Ma adesso, con una mossa a sorpresa, il governatore della California Gavin Newsom, ha firmato una moratoria sulla pena di morte, vietando di fatto qualsiasi esecuzione fino al termine del suo mandato. Il “Golden State” diventa il quarto Stato, insieme a Ohio, Tennessee e Pennsylvania, a decretare una sospensione cautelare in attesa di risolvere la costituzionalità delle modalità di esecuzione e la sempre più diffusa mancanza di farmaci letali, visto che sono sempre meno le aziende disposte ad abbinare il proprio brand ad un’esecuzione capitale. “Non penso che una società civile possa dirsi tale finché il suo governo continuerà ad approvare l’esecuzione premeditata e discriminatoria della sua gente”.

Ex sindaco di San Francisco, 52 anni, dal 2011 all’inizio del suo mandato di Governatore, Newsom è stato vice di Jerry Brown, giunto al limite dei due mandati. Alle elezioni del 2018 è stato eletto con il 61,9% dei voti, battendo il repubblicano John H. Cox.

A beneficiare della sua decisione, per almeno quattro anni, saranno 737 condannati alla pena capitale, che a breve vedranno chiudersi la nuovissima stanza del braccio della morte di San Quintino, realizzata nel 2008 spendendo 853mila dollari e mai usata. Dal 1978 ad oggi, dei 900 detenuti condannati a morte, solo 13 hanno subito l’esecuzione: altri 69 sono morti per cause naturali e 24 hanno preferito togliersi la vita.



Una decisione che ha però una voce importante del tutto contraria, quella di Donald Trump. In uno dei tanti tweet di commento, il presidente ha accusato il governatore della California di mancanza di rispetto ai parenti delle vittime di coloro che sono stati condannati a morte.

Galleria fotografica
Sospese le esecuzioni in California - immagine 1
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti