Sospese le esecuzioni in California

| Il governatore Gavin Newsrom ha firmato una moratoria che di fatto blocca fino alla fine del suo mandato le 737 esecuzioni in attesa nelle carceri dello Stato

+ Miei preferiti
L’ultimo in California ad entrare nel “death row”, il braccio della morte, fu Clarence Ray Allen: era il 17 gennaio 2006. L’esecuzione suscito aspre polemiche anche perché Allen, 76 anni, indicano della tribù Choktaw cieco, diabetico e costretto sulla sedia a rotelle, sperava in un atto di clemenza dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, che non arrivò. Fu giustiziato il giorno del suo compleanno per iniezione letale, nel carcere di San Quintino.

Il 6 novembre 2012, i californiani hanno votato sulla possibile abolizione della pena di morte, che tuttavia vinse con il 52% dei voti. Ma adesso, con una mossa a sorpresa, il governatore della California Gavin Newsom, ha firmato una moratoria sulla pena di morte, vietando di fatto qualsiasi esecuzione fino al termine del suo mandato. Il “Golden State” diventa il quarto Stato, insieme a Ohio, Tennessee e Pennsylvania, a decretare una sospensione cautelare in attesa di risolvere la costituzionalità delle modalità di esecuzione e la sempre più diffusa mancanza di farmaci letali, visto che sono sempre meno le aziende disposte ad abbinare il proprio brand ad un’esecuzione capitale. “Non penso che una società civile possa dirsi tale finché il suo governo continuerà ad approvare l’esecuzione premeditata e discriminatoria della sua gente”.

Ex sindaco di San Francisco, 52 anni, dal 2011 all’inizio del suo mandato di Governatore, Newsom è stato vice di Jerry Brown, giunto al limite dei due mandati. Alle elezioni del 2018 è stato eletto con il 61,9% dei voti, battendo il repubblicano John H. Cox.

A beneficiare della sua decisione, per almeno quattro anni, saranno 737 condannati alla pena capitale, che a breve vedranno chiudersi la nuovissima stanza del braccio della morte di San Quintino, realizzata nel 2008 spendendo 853mila dollari e mai usata. Dal 1978 ad oggi, dei 900 detenuti condannati a morte, solo 13 hanno subito l’esecuzione: altri 69 sono morti per cause naturali e 24 hanno preferito togliersi la vita.



Una decisione che ha però una voce importante del tutto contraria, quella di Donald Trump. In uno dei tanti tweet di commento, il presidente ha accusato il governatore della California di mancanza di rispetto ai parenti delle vittime di coloro che sono stati condannati a morte.

Galleria fotografica
Sospese le esecuzioni in California - immagine 1
Stati Uniti
La pizza al lassativo
La pizza al lassativo
Lo scherzo di pessimo gusto di tre dipendenti di una catena di pizzeria americane. I tre sono stati denunciati e il locale chiuso dalle autorità sanitarie
Scandalo pedofilia fra i Boy Scout USA
Scandalo pedofilia fra i Boy Scout USA
Più di 12mila ragazzi abusati da quasi 8000 leader: sono le cifre svelate da una professoressa universitaria che ha avuto modo di visionare i documenti
Investe il figlio che non vuole andare a scuola
Investe il figlio che non vuole andare a scuola
A Belmont, in Michigan, una donna ha perso la pazienza verso il figlio travolgendolo con l’auto dopo una folle corsa. Il ragazzino avrà danni permanenti, ma la condanna per la donna è stata lieve
Manette & forchette
Manette & forchette
Souljia Boy, Bill Cosby, Suge Knight e Jared Fogle: quattro nomi noti di celebrità finite dietro le sbarre. Ecco cosa hanno ordinato per celebrare la Pasqua nelle loro celle
A 14 anni progettavano una strage
A 14 anni progettavano una strage
Grazie alla segnalazione di un’insegnante, due adolescenti della Florida sono state arrestate: curavano da tempo il “Progetto 9/11”
Una normale famiglia di mostri
Una normale famiglia di mostri
David e Louise Turpin sono stati condannati a 25 anni di carcere dopo che si sono dichiarati colpevoli di tortura e prigionia dei loro 13 figli
Rapporto Mueller: Trump salvo a metà
Rapporto Mueller: Trump salvo a metà
Il presidente canta vittoria, ma l’indagine del superprocuratore è costruita in modo ambiguo, così da lasciare aperta al Congresso al possibilità di chiedere l’impeachment o di incriminarlo a fine mandato
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata
Sol Pays, una studentessa di 18 anni, voleva celebrare i 20 anni del massacro di Columbine aggiungendo altri morti. È stata individuata prima di riuscire a mettere in pratica la sua follia, e ha scelto di suicidarsi
New York: tenta di dare fuoco a St. Patrick
New York: tenta di dare fuoco a St. Patrick
Un uomo, definito “disturbato mentalmente”, è stato fermato con due taniche di benzina all’interno della cattedrale affacciata sulla Quinta Strada
Morire a 22 anni per un selfie
Morire a 22 anni per un selfie
Una ragazza dell’Oregon prossima alla laurea è salita sulla torre dell’ateneo che frequentava ed è precipitata, morendo poco dopo. Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente