Sospese le esecuzioni in California

| Il governatore Gavin Newsrom ha firmato una moratoria che di fatto blocca fino alla fine del suo mandato le 737 esecuzioni in attesa nelle carceri dello Stato

+ Miei preferiti
L’ultimo in California ad entrare nel “death row”, il braccio della morte, fu Clarence Ray Allen: era il 17 gennaio 2006. L’esecuzione suscito aspre polemiche anche perché Allen, 76 anni, indicano della tribù Choktaw cieco, diabetico e costretto sulla sedia a rotelle, sperava in un atto di clemenza dalla Corte Suprema degli Stati Uniti, che non arrivò. Fu giustiziato il giorno del suo compleanno per iniezione letale, nel carcere di San Quintino.

Il 6 novembre 2012, i californiani hanno votato sulla possibile abolizione della pena di morte, che tuttavia vinse con il 52% dei voti. Ma adesso, con una mossa a sorpresa, il governatore della California Gavin Newsom, ha firmato una moratoria sulla pena di morte, vietando di fatto qualsiasi esecuzione fino al termine del suo mandato. Il “Golden State” diventa il quarto Stato, insieme a Ohio, Tennessee e Pennsylvania, a decretare una sospensione cautelare in attesa di risolvere la costituzionalità delle modalità di esecuzione e la sempre più diffusa mancanza di farmaci letali, visto che sono sempre meno le aziende disposte ad abbinare il proprio brand ad un’esecuzione capitale. “Non penso che una società civile possa dirsi tale finché il suo governo continuerà ad approvare l’esecuzione premeditata e discriminatoria della sua gente”.

Ex sindaco di San Francisco, 52 anni, dal 2011 all’inizio del suo mandato di Governatore, Newsom è stato vice di Jerry Brown, giunto al limite dei due mandati. Alle elezioni del 2018 è stato eletto con il 61,9% dei voti, battendo il repubblicano John H. Cox.

A beneficiare della sua decisione, per almeno quattro anni, saranno 737 condannati alla pena capitale, che a breve vedranno chiudersi la nuovissima stanza del braccio della morte di San Quintino, realizzata nel 2008 spendendo 853mila dollari e mai usata. Dal 1978 ad oggi, dei 900 detenuti condannati a morte, solo 13 hanno subito l’esecuzione: altri 69 sono morti per cause naturali e 24 hanno preferito togliersi la vita.



Una decisione che ha però una voce importante del tutto contraria, quella di Donald Trump. In uno dei tanti tweet di commento, il presidente ha accusato il governatore della California di mancanza di rispetto ai parenti delle vittime di coloro che sono stati condannati a morte.

Galleria fotografica
Sospese le esecuzioni in California - immagine 1
Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
La rivolta dei generali contro Trump
La rivolta dei generali contro Trump
Una schiera di alti ex ufficiali del Pentagono passati a ruoli istituzionali, criticano ormai apertamente l’idea del presidente di schierare l’esercito contro i manifestanti: “Bisogna unire il Paese, non dividerlo”
Afroamericani uccisi: una lunga scia di ingiustizie
Afroamericani uccisi: una lunga scia di ingiustizie
La morte di George Floyd ha riacceso i riflettori sui modi violenti delle forze di polizia americane. Nella quasi totalità dei casi, nessuno è mai stato accusato e processato
Proteste: ucciso un agente in pensione
Proteste: ucciso un agente in pensione
David Dorn aveva 77 anni, e voleva aiutare un amico a difendere il banco dei pegni. La morte documentata sui social
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Il presidente americano bacchetta pubblicamente sindaci e governatori, annunciando di essere pronto a invocare l’Insurrection Act, una legge che consente di sopprimere con la forza i disordini civili
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
Voluto dalla famiglia di Floyd, il secondo esame autoptico rafforza l’ipotesi dell’omicidio: il peso dell’agente, la posizione e le manette hanno compromesso il diaframma
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova