Sparatoria a Philadelphia, 6 agenti feriti

| Da un appartamento che la polizia voleva perquisire un uomo ha aperto il fuoco barricandosi poi in casa con un arsenale. Si è arreso dopo ore di assedio, convinto dal suo legale

+ Miei preferiti
Era in corso un’operazione di polizia contro una gang che controlla lo spaccio nel quartiere di Nicetown-Tioga, a nord di Philadelphia, quando da un appartamento al numero 370 della 15th street un uomo ha aperto il fuoco contro gli agenti ferendone sei. È iniziato un lungo assedio proseguito per tutta la notte che si sarebbe risolto solo alle prime luci dell’alba, quando l’uomo – su consiglio del suo avvocato e dopo le rassicurazioni della polizia – avrebbe deciso di arrendersi. All’interno dell’appartamento è stato rinvenuto un vero arsenale.

La sparatoria è iniziata quando gli agenti hanno bussato alla porta dell’appartamento dell’uomo, di cui non sono state rivelate le generalità, per una perquisizione: secondo alcuni testimoni, in zona si sarebbero sentiti “almeno un centinaio di colpi: sembrava di essere in guerra”. Le forze dell’ordine hanno bloccato la zona invitando i cittadini a non uscire di casa, e convincere l’uomo ad arrendersi non è stato facile, perché per diverse ore ha rifiutato qualsiasi contatto e trattativa con la polizia.

La polizia esclude si tratti di terrorismo interno, come nelle recenti stragi di El Paso e Dayton, ma il sindaco di Philadelphia Tom Wolf ha alzato i toni contro la facilità con cui negli Stati Uniti è possibile procurarsi armi e munizioni.

Galleria fotografica
Sparatoria a Philadelphia, 6 agenti feriti - immagine 1
Stati Uniti
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere