Sparatoria a Philadelphia, 6 agenti feriti

| Da un appartamento che la polizia voleva perquisire un uomo ha aperto il fuoco barricandosi poi in casa con un arsenale. Si è arreso dopo ore di assedio, convinto dal suo legale

+ Miei preferiti
Era in corso un’operazione di polizia contro una gang che controlla lo spaccio nel quartiere di Nicetown-Tioga, a nord di Philadelphia, quando da un appartamento al numero 370 della 15th street un uomo ha aperto il fuoco contro gli agenti ferendone sei. È iniziato un lungo assedio proseguito per tutta la notte che si sarebbe risolto solo alle prime luci dell’alba, quando l’uomo – su consiglio del suo avvocato e dopo le rassicurazioni della polizia – avrebbe deciso di arrendersi. All’interno dell’appartamento è stato rinvenuto un vero arsenale.

La sparatoria è iniziata quando gli agenti hanno bussato alla porta dell’appartamento dell’uomo, di cui non sono state rivelate le generalità, per una perquisizione: secondo alcuni testimoni, in zona si sarebbero sentiti “almeno un centinaio di colpi: sembrava di essere in guerra”. Le forze dell’ordine hanno bloccato la zona invitando i cittadini a non uscire di casa, e convincere l’uomo ad arrendersi non è stato facile, perché per diverse ore ha rifiutato qualsiasi contatto e trattativa con la polizia.

La polizia esclude si tratti di terrorismo interno, come nelle recenti stragi di El Paso e Dayton, ma il sindaco di Philadelphia Tom Wolf ha alzato i toni contro la facilità con cui negli Stati Uniti è possibile procurarsi armi e munizioni.

Galleria fotografica
Sparatoria a Philadelphia, 6 agenti feriti - immagine 1
Stati Uniti
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer
La Purdue Pharma verso il fallimento per gli oppioidi killer
Uno dei più potenti colossi fra i “Bigpharma”, messo sotto accusa per aver taciuto sulle conseguenze dell’OxyContin, ha raggiunto un accordo con provvisorio con diversi Stati e 2.000 fra città e contee americane. Ma qualcuno si oppone
Felicity Huffman condannata per frode
Felicity Huffman condannata per frode
Il nome dell’attrice di Desperate Housewife era finito nell’inchiesta del giro di corruzione per ammettere i figli nelle più prestigiose università americane. Un giro d'affari milionario
Albuquerque: 6 morti in tre diverse sparatorie
Albuquerque: 6 morti in tre diverse sparatorie
Definiti “senza senso” dalla polizia, i tre episodi sono scoppiati nell'arco di 90 minuti in parti diverse della città. Non è ancora chiaro se ci siano collegamenti
Stati Uniti: 4.000 serial killer in circolazione
Stati Uniti: 4.000 serial killer in circolazione
Sono i dati di un ex detective della omicidi, che aumentano il numero indicato dall’algoritmo creato dall’ex giornalista Thomas K. Hargrove, in grado di individuare la serialità degli omicidi
USA: 15esima esecuzione dall’inizio dell’anno
USA: 15esima esecuzione dall’inizio dell’anno
Mark Anthony Soliz è morto per iniezione letale: insieme ad un complice condannato all’ergastolo, era accusato di essere l’esecutore materiale di un duplice omicidio del 2010
Il falco Bolton: cacciato o auto-dimissionario?
Il falco Bolton: cacciato o auto-dimissionario?
L'ex consigliere della sicurezza precisa che è stato lui a presentare le dimissioni, Trump racconta il contrario. "L'ho allontanato per divergenze sulla questioni internazionali"
Trump, Dorian e l'Alabama
Trump, Dorian e l
Un’inchiesta del New York Times ha svelato le pressioni della Casa Bianca sul servizio meteorologico nazionale perché smentisse le proprie previsioni dando per buone quelle del presidente (sbagliate)
Aggredito da un puma a 8 anni
Aggredito da un puma a 8 anni
Il piccolo Pike è riuscito ad allontanare l’animale che lo aveva afferrato con un bastone. Ha subito diversi interventi chirurgici ma se l’è cavata
Diventano rapinatori dopo aver vinto alla lotteria
Diventano rapinatori dopo aver vinto alla lotteria
Una coppia di Bay City, nel Michigan, ha dilapidato in tre anni 500mila dollari vinti con un biglietto della lotteria. Quando li hanno finiti si sono dati ai furti
San Francisco dichiara la lobby delle armi organizzazione terroristica interna
San Francisco dichiara la lobby delle armi organizzazione terroristica interna
Per la prima volta, una città rompe il fronte della paura di fronte alla potente e influente N.R.A.. Secca la risposta: “Soltanto propaganda”