Sparatoria in un liceo della California

| Un ragazzo di 15 anni ha fatto irruzione in un liceo di Santa Clarita, alle porte di Los Angeles, e ferito 6 persone, di cui almeno due sarebbero gravi

+ Miei preferiti
Il copione è sempre lo stesso: un giovane armato che fa irruzione in una scuola con l’idea di uccidere quanti più suoi coetanei gli sia possibile. È successo di nuovo, poche ore fa, a Santa Clarita, uno dei comuni che fanno parte dell’immensa Los Angeles, in California. Secondo le prime ricostruzioni l’autore sarebbe un giovane che per motivi ancora tutti da chiarire è entrato al 21900 di Centurian Way, all’interno della “Saugus High School”, un liceo a quell’ora affollato di studenti e insegnanti, sparando all’impazzata. Il bilancio, ancora parziale, parla di sei feriti, alcuni dei quali verserebbero in gravi condizioni. L’attentatore è stato bloccato dalle forze dell’ordine dopo circa un’ora e al momento sarebbe ricoverato in ospedale per alcune ferite, forse dovute a quelle che la polizia definisce “concitate fasi della cattura”.

Le scene intorno alla scuola, riprese dagli elicotteri dei media, sono quelle a cui l’America e il mondo intero stanno drammaticamente facendo l’abitudine: file di adolescenti che camminano con le braccia alzate, scortati da agenti armati. Molti dei feriti sono stati soccorsi un’area erbosa del campus e almeno un ragazzo è stato trovato in gravi condizioni nella sala del coro della scuola. Per precauzione, tutte le scuole del William S. Hart District sono state chiuse e la popolazione invitata a non uscire di casa fino all’annuncio di Alex Villaneuva, lo sceriffo della contea, che ha dichiarato la cessata minaccia.

L’attentatore è descritto come un ragazzo di 15 anni che le autorità ritengono sia uno studente della scuola: è stato visto l’ultima volta aggirrarsi nei pressi della scuola con un cappello e vestiti neri.

La sparatoria è avvenuta due mesi dopo che sei studenti del liceo sono stati arrestati per reati penali dopo che le autorità sono state avvertite di alcune minacce diffuse online.

Galleria fotografica
Sparatoria in un liceo della California - immagine 1
Sparatoria in un liceo della California - immagine 2
Stati Uniti
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato