Stati Uniti: 15 bambini morti in auto

| Le autorità lanciano l’allarme: le temperature particolarmente elevate sono la causa di una strage di bambini lasciati nel chiuso di un’auto

+ Miei preferiti
Negli Stati Uniti è scattato l’allarme: malgrado la stagione calda sia solo agli inizi, si contano già 15 bambini morti, dimenticati in auto sotto un sole implacabile e temperature che nel giro di poco diventano insopportabili. Il triste conteggio, realizzato dal quotidiano “USA Today”, si ferma al più recente, un caso accaduto a Morristown, in Tennessee, dove un bimbo di tre anni è stato ritrovato chiuso nel minivan di famiglia dopo aver fatto perdere per ore le proprie tracce: secondo la polizia, il bimbo sarebbe rimasto intrappolato nell’auto dove si era nascosto volontariamente.

Eppure, le statistiche parlano chiaro: non passa anno, negli Stati Uniti, senza che una media di quaranta bambini fra 0 e 4 anni muoiano perché lasciati in auto, più spesso per disattenzione, ma a volte anche volontariamente. I media ricordano che i bimbi piccoli, la cui superficie corporea è ridotta, hanno una maggiore probabilità di sviluppare nel giro di 20 minuti ipertermia e disidratazione che possono provocare danni spesso irreversibili al sistema cardiocircolatorio e respiratorio, arrivando alla morte in meno di due ore. La temperatura corporea di un bimbo sale più velocemente di quella di un adulto, anche per le minori riserve d’acqua del corpo, e dentro un’auto lasciata al sole, è stato accertato che la temperatura può salire di 10-15° ogni quarto d’ora.

Stati Uniti
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti