Stati Uniti: 4.000 serial killer in circolazione

| Sono i dati di un ex detective della omicidi, che aumentano il numero indicato dall’algoritmo creato dall’ex giornalista Thomas K. Hargrove, in grado di individuare la serialità degli omicidi

+ Miei preferiti
È un dato di fatto: gli sviluppi tecnologici hanno aperto la strada a nuove tecniche di indagine forense in grado di individuare con certezza colpevoli di crimini avvenuti decine di anni prima. In più, come testimoniato dalle cronache, è ormai molto difficile sfuggire all’occhio delle videocamere di sorveglianza, sempre più piccole e sempre più diffuse. Insomma, per i criminali l’eventualità di riuscire a farla franca sembra restringersi sempre di più.

Non è affatto d’accordo Thomas K. Hargrove, giornalista investigativo ed ex corrispondete dalla Casa Bianca oggi in pensione che nel 2015 ha creato il “Murder Accountability Project”, un portale dedicato agli omicidi rimasti irrisolti negli Stati Uniti. Tutto si basa su un algoritmo in grado di analizzare i dati dell’FBI incrociando informazioni come sesso, posizione geografica e metodo di uccisione per individuare i delitti che hanno una forte probabilità di essere seriali. Calcoli che nel 2010 hanno permesso alla polizia di Youngstown, in Ohio, e di Gary, nell’Indiana, di chiudere diversi fascicoli di omicidi irrisolti. Nel caso di Gary, l’algoritmo ha portato all’arresto di Darren Deon Vann, un serial killer che ha ammesso di aver strangolato oltre 15 donne, guidando gli agenti in una proprietà abbandonata dove sono stati recuperati i corpi di sei vittime di cui non si aveva più notizia da tempo.

Ma la speranza di giustizia regalata dai dati del Murder Accountability Projetc si scontra con altri numeri, non altrettanto edificanti. Secondo il solito algoritmo infallibile, negli Stati Uniti il tasso di omicidi risolti tra il 1965 ed il 2017 ha subito un tracollo, passando dal 90 al 60%. Per dirlo in altre parole: decine e decine di serial killer sono riusciti a farla franca e continuano ad aggirarsi per le strade, liberi di colpire. In compenso, rilevano i dati, a calare è stato il numero di assassini seriali, fenomeno che aveva raggiunto il picco fra gli anni 70 e gli 80, con nomi eccellenti come quello di Ted Bundy. Il sensibile calo del numero di serial killer, secondo l’organizzazione, è merito di diversi fattori: l’introduzione di pene detentive più dure, la riduzione della liberta vigilata concessa ai detenuti, la minaccia rappresentata dalla presenza di 60 milioni di videocamere di sorveglianza e gli enormi passi avanti fatti dalla scienza forense. L’algoritmo di Hargrove ha calcolato circa 2.100 serial killer mai identificati, numero che Michael Arntfield, un detective della omicidi in pensione anche lui esperto in casi irrisolti, considera sbagliato: per lui sono almeno 4.000, e continuano a colpire. Il profilo tracciato dall’ex detective individua addirittura le categorie dove si annidano più spesso i serial killer: camionisti, poliziotti, militari, albergatori, magazzinieri.

A dare manforte alla teoria dell’impossibilità della giustizia di risolvere i casi più complicati è l’esempio emblematico di Samuel Little, secondo la polizia autore di 60 omicidi, mentre per lui sarebbero addirittura 93: dagli anni Sessanta è stato arrestato almeno 100 volte per rapina, stupro e rapimento, ma ogni volta scarcerato e soprattutto per lungo tempo mai collegato all’impressionante numero di morti. Soltanto nel 2012 è stato rinchiuso in galera dove sta scontando tre ergastoli, dopo aver confessato di essere un serial killer fra i più attivi. Sconsolato il commento di Angela Williamson, consulente forense del Dipartimento di Giustizia: “Senza le sue confessioni volontarie, non sarebbe stato possibile accertare i crimini commessi per mancanza di prove”.

Lavorando con David J. Icove, professore all’Università del Tennessee, Thomas K. Hargrove ha sviluppato un altro algoritmo che questa volta permette di individuare la natura degli incendi, evidenziando quelli dolosi.

Galleria fotografica
Stati Uniti: 4.000 serial killer in circolazione - immagine 1
Stati Uniti: 4.000 serial killer in circolazione - immagine 2
Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg