Stati Uniti: storia di una strage sfiorata

| Sol Pays, una studentessa di 18 anni, voleva celebrare i 20 anni del massacro di Columbine aggiungendo altri morti. È stata individuata prima di riuscire a mettere in pratica la sua follia, e ha scelto di suicidarsi

+ Miei preferiti
Quella del 20 aprile 1999 è una data impressa a fuoco nella storia recente degli Stati Uniti: alle 11:10 del mattino, Eric Harris e Dylan Klebod, due studenti, arrivano alla “Columbine High School” su auto separate. Armano due bombe al propano da 9 kg e le piazzano nella mensa scolastica, con il timer fissato alle 11:17. Aspettano l’arrivo degli studenti e aprono il fuoco: uccidono 12 ragazzi e un’insegnante, e ne feriscono altri 24. È un incubo che dura un’ora lunghissima: intorno alle 12:20, quando dalle finestre vedono gli agenti della “Swat” che si preparano a fare irruzione, i due scelgono di uccidersi.



Da quel giorno, uno dei peggiori della lunga scia di “mass-murder” che costellano di morti le pagine di cronaca nera americana, sono passati vent’anni. Ma l’incubo è sempre dietro l’angolo, pronto a materializzarsi: questa volta la strage è stata anticipata, i controlli sempre più serrati su soggetti mentalmente delicati iniziano a servire. Sol Pais, una ragazza di 18 anni della Florida, aveva annunciato via social l’intenzione di “celebrare” i 20 anni della massacro di Columbine. Si faceva chiamare “Dissolved Girl”, inneggiava alla morte e all’eroismo di Eric Harris e Dylan Klebod, i due folli – almeno quanto lei - che il 20 aprile di venti anni prima avevano massacrato i loro compagni di scuola. Ma Sol Pais, da sorvegliata si è guadagnata la qualifica di “ricercata”, quando ha annunciato di voler partire dalla Florida per tornare alla scuola di Columbine e finire il lavoro iniziato vent’anni prima. 



Una minaccia ritenuta altamente credibile che ha fatto scattare immediatamente il “lockdown” di 20 scuole nell’area di Denver, in Colorado: totalmente isolate da un cordone impenetrabile di polizia nel timore che all’orizzonte comparisse la figura minuta dell’ennesimo adolescente fuori di testa armato come Rambo. In zona, nelle stesse ore, squadre di intervento speciale iniziavano una caccia all’uomo durata almeno 20 ore, quando la CNN ha comunicato che l’incubo, questa volta, non si era materializzato: il corpo di Sol Pays è stato ritrovato all’interno di un resort sciistico della contea di Creal Creek. Aveva davvero raggiunto il Colorado, ma non si per quale motivo ha preferito farla finita sparandosi un colpo alla testa.

Ai media, in queste ore, il compito di tracciare il profilo di Sol Pays, come da copione definita una ragazza forse mentalmente fragile ma intelligente, tranquilla e silenziosa, una studentessa con ottimi voti della “Miami Beach High School” che amava l’arte e le lingue straniere. Nessuno che si sia mai accorto di nulla: i segni dei disturbi riusciva a convogliarli sul suo diario, dove disperazione e depressione avanzano di pari passo. Si definiva “una pentola a pressione pronta ad esplodere”, appuntava indirizzi utili dove comprare armi, guardava tutorial su YouTube, chiedeva consigli al “National Gun Forum”, un blog di appassionati. I suoi genitori ne avevano denunciato la scomparsa: non sapevano più niente di lei da domenica scorsa. Scattano le indagini: Sol è volata a Denver, da lì ha raggiunto Columbine, comprando un fucile da caccia e una pistola in un negozio di armi non distante dalla scuola del massacro.

Era stata l’FBI di Miami ad allertare i colleghi del Colorado sulla potenziale minaccia chiamata Sol Pays: “Aveva fatto commenti preoccupanti sui social in cui esprimeva infatuazione per i due autori della strage di Columbine”, racconterà la polizia durante la conferenza stampa che ha messo fine a questa storia.

Galleria fotografica
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata - immagine 1
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata - immagine 2
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata - immagine 3
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata - immagine 4
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata - immagine 5
Stati Uniti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi
Chicago, sparatoria al funerale
Chicago, sparatoria al funerale
Nessuna vittima ma 14 feriti per quella che doveva essere una strage: Trump minaccia di inviare le truppe federali per riportare l’ordine, ma il sindaco dice di no
New York, in aumento i casi di violenza
New York, in aumento i casi di violenza
Una preoccupante impennata di sparatorie, morti e feriti nella Grande Mela, ormai ex città “più sicura d’America”. Fra le cause povertà, disoccupazione e rabbia