Stati Uniti: storia di una strage sfiorata

| Sol Pays, una studentessa di 18 anni, voleva celebrare i 20 anni del massacro di Columbine aggiungendo altri morti. È stata individuata prima di riuscire a mettere in pratica la sua follia, e ha scelto di suicidarsi

+ Miei preferiti
Quella del 20 aprile 1999 è una data impressa a fuoco nella storia recente degli Stati Uniti: alle 11:10 del mattino, Eric Harris e Dylan Klebod, due studenti, arrivano alla “Columbine High School” su auto separate. Armano due bombe al propano da 9 kg e le piazzano nella mensa scolastica, con il timer fissato alle 11:17. Aspettano l’arrivo degli studenti e aprono il fuoco: uccidono 12 ragazzi e un’insegnante, e ne feriscono altri 24. È un incubo che dura un’ora lunghissima: intorno alle 12:20, quando dalle finestre vedono gli agenti della “Swat” che si preparano a fare irruzione, i due scelgono di uccidersi.



Da quel giorno, uno dei peggiori della lunga scia di “mass-murder” che costellano di morti le pagine di cronaca nera americana, sono passati vent’anni. Ma l’incubo è sempre dietro l’angolo, pronto a materializzarsi: questa volta la strage è stata anticipata, i controlli sempre più serrati su soggetti mentalmente delicati iniziano a servire. Sol Pais, una ragazza di 18 anni della Florida, aveva annunciato via social l’intenzione di “celebrare” i 20 anni della massacro di Columbine. Si faceva chiamare “Dissolved Girl”, inneggiava alla morte e all’eroismo di Eric Harris e Dylan Klebod, i due folli – almeno quanto lei - che il 20 aprile di venti anni prima avevano massacrato i loro compagni di scuola. Ma Sol Pais, da sorvegliata si è guadagnata la qualifica di “ricercata”, quando ha annunciato di voler partire dalla Florida per tornare alla scuola di Columbine e finire il lavoro iniziato vent’anni prima. 



Una minaccia ritenuta altamente credibile che ha fatto scattare immediatamente il “lockdown” di 20 scuole nell’area di Denver, in Colorado: totalmente isolate da un cordone impenetrabile di polizia nel timore che all’orizzonte comparisse la figura minuta dell’ennesimo adolescente fuori di testa armato come Rambo. In zona, nelle stesse ore, squadre di intervento speciale iniziavano una caccia all’uomo durata almeno 20 ore, quando la CNN ha comunicato che l’incubo, questa volta, non si era materializzato: il corpo di Sol Pays è stato ritrovato all’interno di un resort sciistico della contea di Creal Creek. Aveva davvero raggiunto il Colorado, ma non si per quale motivo ha preferito farla finita sparandosi un colpo alla testa.

Ai media, in queste ore, il compito di tracciare il profilo di Sol Pays, come da copione definita una ragazza forse mentalmente fragile ma intelligente, tranquilla e silenziosa, una studentessa con ottimi voti della “Miami Beach High School” che amava l’arte e le lingue straniere. Nessuno che si sia mai accorto di nulla: i segni dei disturbi riusciva a convogliarli sul suo diario, dove disperazione e depressione avanzano di pari passo. Si definiva “una pentola a pressione pronta ad esplodere”, appuntava indirizzi utili dove comprare armi, guardava tutorial su YouTube, chiedeva consigli al “National Gun Forum”, un blog di appassionati. I suoi genitori ne avevano denunciato la scomparsa: non sapevano più niente di lei da domenica scorsa. Scattano le indagini: Sol è volata a Denver, da lì ha raggiunto Columbine, comprando un fucile da caccia e una pistola in un negozio di armi non distante dalla scuola del massacro.

Era stata l’FBI di Miami ad allertare i colleghi del Colorado sulla potenziale minaccia chiamata Sol Pays: “Aveva fatto commenti preoccupanti sui social in cui esprimeva infatuazione per i due autori della strage di Columbine”, racconterà la polizia durante la conferenza stampa che ha messo fine a questa storia.

Galleria fotografica
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata - immagine 1
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata - immagine 2
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata - immagine 3
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata - immagine 4
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata - immagine 5
Stati Uniti
Derek Chauvin rischia
fino a 75 anni di galera
Derek Chauvin rischia<br>fino a 75 anni di galera
Sarebbe il massimo della pena per ognuno dei tre reati legati alla morte di George Floyd, ma si tratta di un soggetto senza precedenti penali, per cui il giudice potrebbe essere più clemente
George Floyd è stato assassinato
George Floyd è stato assassinato
Lo dice una storica sentenza che ha giudicato colpevole di tutti e tre i capi d’imputazione l’ex agente Derek Chauvin. Soddisfazione anche dalla Casa Bianca, mentre in Ohio la polizia uccideva una 16enne riaccendendo le proteste
Processo Floyd, una pagina di storia
Processo Floyd, una pagina di storia
Mentre in città cresce la tensione in vista del verdetto della giuria, le arringhe di accusa e difesa chiudono un processo destinato a fare epoca, e a cambiare per sempre l’anima più profonda dell’America
Preoccupa l’aumento di contagi, malgrado il vaccino
Preoccupa l’aumento di contagi, malgrado il vaccino
La variante inglese, ormai dominante, è una doccia fredda per l’America, che registra un aumento dei casi in diversi stati, anche se calano i decessi
Texas: caccia all’uomo che ha ucciso tre persone
Texas: caccia all’uomo che ha ucciso tre persone
Un ex agente di polizia condannato per violenza sessuale su un bambino, sarebbe l’autore di una strage familiare avvenuta ad Austin. L’uomo è riuscito a fuggire
Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto
Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto
Si alza l’allarme per possibili disordini sociali nel caso il processo per l'omicidio dell'afroamericano si concluda con una sentenza favorevole all’ex agente Chauvin. Ovunque, la polizia annuncia misure di sicurezza straordinarie
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
È il numero delle vittime che un giovane affetto da problemi mentali ha fatto in un magazzino a Indianapolis. Si tratta della 45esima strage avvenuta in America dall’inizio dell’anno, e ancora una volta Biden chiede che sia l’ultima
Ancora sangue sulle strade americane
Ancora sangue sulle strade americane
Un uomo armato di mitragliatrice ha fatto una strage in un magazzino logistico a Indianapolis. Mentre da Chicago arrivano le inquietanti immagini dell’uccisione senza motivo di Adam Toledo, un 13enne
Sesso, droga & deputati
Sesso, droga & deputati
Emergono dettagli sullo scandalo che ha come protagonista unico il deputato repubblicano della Florida Matt Gaetz, sospettato di avere una passione smodata per le minorenni
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
È quanto ha dichiarato Christopher Wray, direttore dell’FBI, raccontando davanti al Senato di 2.000 indagini collegate a Pechino, una presenza forte, costante e insidiosa