Stati Uniti VS Huawei

| Formalizzati gli atti d’accusa contro il colosso cinese, verso cui un tribunale ha emesso 13 diversi atti d’accusa per violazione, cospirazione, riciclaggio e ostacolo alla giustizia

+ Miei preferiti
Lo scontro tra il colosso cinese “Huawey” e gli Stati Uniti entra nel vivo e diventa aspro. Dopo mesi di accuse reciproche e colpi di fioretto, l’America ufficializza le accuse nei confronti del gigante tecnologico, le cui colpe sono finite tutte sulle spalle di Meng Wanzhou, top manager del brand nonché figlia del fondatore.

A sottolineare l’importanza del passaggio la conferenza stampa in cui sono svelati i capi d’accusa a carico della “Huawei Technologies Co. Ltd” e della “Huawei Device USA”, la presenza dei vertici della sicurezza americana: il procuratore generale Mathew G. Whitaker, segretario del Dipartimento della sicurezza Nazionale Kirstjen Nielsen, il segretario del dipartimento del commercio Wilbur Ross, il procuratore per il distretto orientale di NY Richard P. Donoghue, il direttore dell’FBI Christopher A. Wray e i vice procuratori generali Brian A. Benczkowski e John C. Demers. Tredici i capi d’accusa formulati 

da un tribunale federale di Brooklyn: frode bancaria e cospirazione, violazioni dell’International Emergency Economic Powers Act, riciclaggio di denaro sporco, ostacolo alla giustizia in relazione all’indagine del Gran Giurì del distretto di New York. La stessa Meng è accusata di frode bancaria, truffa informatica e cospirazioni per frodi bancarie e telegrafiche.

Le accuse fanno riferimento ad un piano del colosso cinese per ingannare la finanza e il governo americano per coprire attività commerciali in Iran attraverso la società “Skycom”, falsamente dichiarata non consociata a Huawei.  Pratiche che andrebbero avanti da anni, con “azioni sfacciate e persistenti”.

Protagonista del caso Meng Wanzhou, attualmente in Canada dopo l’arresto dello scorso dicembre e oggetto di una richiesta di estradizione da parte degli Stati Uniti.

“Come indicato nell’accusa, Huawei e il suo Chief Financial Officer hanno violato la legge statunitense e si sono impegnati in uno schema finanziario fraudolento dannoso per la sicurezza degli Stati Uniti - ha detto il Segretario Nielsen - hanno deliberatamente condotto transazioni per milioni di dollari in violazione dei regolamenti iraniani e tale comportamento non sarà tollerato.

“Per anni, le aziende cinesi hanno infranto le nostre leggi sulle esportazioni, spesso utilizzando i sistemi finanziari degli Stati Uniti per facilitare le loro attività illegali - ha aggiunto il segretario Ross - tutto questo finirà”.

Poche ore dopo, la Cina ha nuovamente richiesto agli Usa di rimuovere ogni accusa nei confronti di Meng Wanzhou e al Canada di non procedere all’estradizione. Il ministero degli esteri, esprimendo grande preoccupazione per l’escalation, ha aggiunto che “Pechino proteggerà con fermezza i legittimi interessi delle proprie compagnie”.

Anche Huawei, in una nota, respinge le accuse di illeciti penali, affermando di non aver mai commesso alcuna delle violazioni citate nell’atto di accusa.

Stati Uniti
Rapporto Mueller: Trump salvo a metà
Rapporto Mueller: Trump salvo a metà
Il presidente canta vittoria, ma l’indagine del superprocuratore è costruita in modo ambiguo, così da lasciare aperta al Congresso al possibilità di chiedere l’impeachment o di incriminarlo a fine mandato
New York: tenta di dare fuoco a St. Patrick
New York: tenta di dare fuoco a St. Patrick
Un uomo, definito “disturbato mentalmente”, è stato fermato con due taniche di benzina all’interno della cattedrale affacciata sulla Quinta Strada
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata
Sol Pays, una studentessa di 18 anni, voleva celebrare i 20 anni del massacro di Columbine aggiungendo altri morti. È stata individuata prima di riuscire a mettere in pratica la sua follia, e ha scelto di suicidarsi
Morire a 22 anni per un selfie
Morire a 22 anni per un selfie
Una ragazza dell’Oregon prossima alla laurea è salita sulla torre dell’ateneo che frequentava ed è precipitata, morendo poco dopo. Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente
Donald Trump, il signore del kitsch
Donald Trump, il signore del kitsch
Un’artista americano ha raccolto più di 1000 oggetti che riguardano l’attività imprenditoriale e la carriera del presidente
Chase e Jaimee, l’amore che fa discutere gli USA
Chase e Jaimee, l’amore che fa discutere gli USA
Lui ha 18 anni, lei 39, ed è la mamma del suo migliore amico. Fra i due è scoppiata la passione e ora lei attende il divorzio per sposarlo
New York, emergenza morbillo
New York, emergenza morbillo
Il sindaco De Blasio dichiara l’emergenza sanitaria per alcune zone della città, rendendo obbligatorio il vaccino trivalente. Chi rifiuta rischia multe pesanti
Ingresso vietato negli Usa per i killer di Khashoggi
Ingresso vietato negli Usa per i killer di Khashoggi
L’annuncio del segretario di Stato Mike Pompeo, “per gravi violazioni dei diritti umani”. Una presa di posizione tardiva, resa necessaria da rapporti dei servizi segreti e inchieste giornalistiche
L’omicidio-suicidio che sconvolge l’America
L’omicidio-suicidio che sconvolge l’America
Un anno fa, Jennifer e Sarah Hart hanno deciso di uccidersi portando con sé i loro sei figli adottivi. L’ha appurato un’inchiesta che è riuscita a ricostruire le ultime ore della famiglia e alcuni terribili indizi
Un’altra prof abusa di un allievo
Un’altra prof abusa di un allievo
Una donna di 39 anni, insegnante di scienze della salute, denunciata da un suo alunno di 17 anni: la polizia ha trovato numerose tracce organiche