Strage a Virginia Beach

| Un uomo di 40 anni ha ucciso 13 persone in un ufficio pubblico della città turistica sulla costa della Virginia. Dopo uno scontro a fuoco è stato ucciso dalla polizia: ignote le cause del gesto

+ Miei preferiti
“Al momento abbiamo più domande che risposte”: è il primo commento di James Cervera, capo della polizia di Virginia Beach, città turistica affacciata sull’oceano Atlantico, alla foce della baia di Chesapeake, in Virginia.

Alle 16 di ieri, le 22 in Italia, DeWayne Craddock (nella foto in apertura), 40 anni, ingegnere, funzionario del dipartimento dei lavori pubblici, è entrato all’interno di un edificio di tre piani che ospita diversi uffici comunali, compreso il commissariato di polizia, aprendo il fuoco in modo indiscriminato verso chiunque gli si parasse davanti. Dopo un violento scontro a fuoco è stato affrontato e abbattuto dalla polizia, ma prima è riuscito a fare una strage: 13 persone uccide e diverse decine di feriti, alcuni in condizioni molto gravi.

Craddock, dipendente di lungo corso, era quello che si definisce un cittadino esemplare, anche se ultimamente molto “scontento”: aveva prestato servizio nella guardia nazionale e tutte le armi che sono state ritrovate sul luogo della strage, un fucile ed una pistola semiautomatica, erano state acquistate legalmente.

Il presidente Trump è stato immediatamente informato, mentre il governatore dello stato Ralph Nortman, il senatore Mark Warner ed il cantante Pharrell Williams, cresciuto a Virginia Beach, invitavano a pregare per le vittime.

Si tratta della terza sparatoria avvenuta negli Stati Uniti nell’ultimo mese: il 30 aprile scorso, un uomo si è introdotto nel campus della University of North Carolina uccidendo due studenti e ferendone altri quattro. Il 7 maggio uno studente del liceo “Stem School Highlands Ranch”, in Colorado, è stato ucciso e altri 8 sono stati feriti.

Galleria fotografica
Strage a Virginia Beach - immagine 1
Strage a Virginia Beach - immagine 2
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda