Strage a Virginia Beach

| Un uomo di 40 anni ha ucciso 13 persone in un ufficio pubblico della città turistica sulla costa della Virginia. Dopo uno scontro a fuoco è stato ucciso dalla polizia: ignote le cause del gesto

+ Miei preferiti
“Al momento abbiamo più domande che risposte”: è il primo commento di James Cervera, capo della polizia di Virginia Beach, città turistica affacciata sull’oceano Atlantico, alla foce della baia di Chesapeake, in Virginia.

Alle 16 di ieri, le 22 in Italia, DeWayne Craddock (nella foto in apertura), 40 anni, ingegnere, funzionario del dipartimento dei lavori pubblici, è entrato all’interno di un edificio di tre piani che ospita diversi uffici comunali, compreso il commissariato di polizia, aprendo il fuoco in modo indiscriminato verso chiunque gli si parasse davanti. Dopo un violento scontro a fuoco è stato affrontato e abbattuto dalla polizia, ma prima è riuscito a fare una strage: 13 persone uccide e diverse decine di feriti, alcuni in condizioni molto gravi.

Craddock, dipendente di lungo corso, era quello che si definisce un cittadino esemplare, anche se ultimamente molto “scontento”: aveva prestato servizio nella guardia nazionale e tutte le armi che sono state ritrovate sul luogo della strage, un fucile ed una pistola semiautomatica, erano state acquistate legalmente.

Il presidente Trump è stato immediatamente informato, mentre il governatore dello stato Ralph Nortman, il senatore Mark Warner ed il cantante Pharrell Williams, cresciuto a Virginia Beach, invitavano a pregare per le vittime.

Si tratta della terza sparatoria avvenuta negli Stati Uniti nell’ultimo mese: il 30 aprile scorso, un uomo si è introdotto nel campus della University of North Carolina uccidendo due studenti e ferendone altri quattro. Il 7 maggio uno studente del liceo “Stem School Highlands Ranch”, in Colorado, è stato ucciso e altri 8 sono stati feriti.

Galleria fotografica
Strage a Virginia Beach - immagine 1
Strage a Virginia Beach - immagine 2
Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi