Suicida il padre di una vittima della strage

| Jeremy Richman, padre della piccola Avielle, uccisa nella strage della Sandy Hook, sembrava aver trovato la forza di sopravvivere. È il terzo suicidio di vittime collaterali alle mattanze nelle scuole d’America

+ Miei preferiti
La vita di Jeremy Richman si era fermata il 14 dicembre 2012, insieme a quella di 27 persone uccise dalla follia omicida di Adam Lanza, ventenne che aveva deciso di fare strage alla “Sandy Hook Elementary School” di Newtown, in Connecticut. Jeremy non era nell’elenco delle vittime e neanche in quello dei feriti, ma c’era sua figlia Avielle, 6 anni.

Jeremy Richman ci ha provato con tutte le forze a ricominciare a vivere: era un neurofarmacologo, e insieme alla moglie Jennifer aveva aperto la “Avielle Foundation”, una fondazione per lo studio delle cause che portano alla violenza, mosso dalla convinzione che non basti vietare la vendita delle armi, ma sia necessario agire in fretta su una società alla deriva. Nel 2014, Jeremy e Jennifer avevano avuto Imogen, un’altra bambina, seguita due anni dopo dal piccolo Owen. Ma non è bastato, non ce l’ha fatta, e l’America per la terza volta nel giro di pochi giorni è attraversata dall’emozione e la pena verso chi non è morto, ma forse sarebbe stato meglio fosse andata così. Jeremy Richman, 49 anni, si è tolto la vita nel suo ufficio a Edmond Town Hall: il sorriso della piccola Avielle, un nome fra quello dei 20 scolari e i 6 insegnanti trucidati senza un motivo, era un tormento infinito e continuo a cui ha detto basta. Proprio qualche tempo prima, nel corso di un’intervista, Jeremy aveva raccontato che ad ogni nuova strage di innocenti le ferite si riaprivano, una dopo l’altra, facendo a pezzi quel che restava del suo cuore.



È solo un caso, ma il suo è il terzo suicidio di questa settimana di persone sopravvissute a stragi, ma in realtà uccise quello stesso giorno, solo in modo più lento. Sydney Aiello, 19 anni, scampata per un soffio alla strage di Parkland, in Florida, si è uccisa per raggiungere Meadow, la sua migliore amica, fra le 17 vittime di Nikolas Cruz. E lo stesso, poche ore dopo, ha fatto un altro studente dell’High School di Parkland, di cui non è stato diffuso il nome su richiesta della famiglia.

Galleria fotografica
Suicida il padre di una vittima della strage - immagine 1
Stati Uniti
L’era Trump si chiude
con un’inchiesta per tangenti
L’era Trump si chiude<br>con un’inchiesta per tangenti
Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Consigliere di Trump per la pandemia dallo scorso agosto, si è sempre detto favorevole all’immunità di gregge rifiutando tutto il resto. La comunità scientifica americana soddisfatta per le dimissioni
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden