Tenta di chiamare la polizia, ma l’operatore riattacca

| È la prima, sconvolgente rivelazione del processo iniziato a Boston per il sanguinoso omicidio di Lina Bolanos e Richard Field, due stimati anestesisti trucidati dall’ex portinaio dello stabile in cui vivevano

+ Miei preferiti
Quello di Lina Bolanos e Richard Field è stato uno dei casi di cronaca più agghiaccianti degli ultimi anni. Entrambi affermati medici anestesisti, vivevano in un elegante palazzo di Boston, al 141 di Dorchester Avenue: convivevano da anni e stavano progettando di sposarsi a breve. Era la sera del 5 maggio di due anni fa, quando Matthias Heidenreich - un amico dei due medici - riceve una serie di SMS da Lina Bolanos che parlano di un uomo armato nel loro appartamento e lo prega di avvisare la polizia. Gli agenti intervengono pochi minuti dopo e sorprendono l’omicida ancora in casa. Sono accolti da una grandinata di colpi d’arma da fuoco, ma alla fine riescono a ferire e immobilizzare l’uomo: Bampumim Teixeira, 30anni, un curriculum da rapinatore di banche e una serie di condanne, compresa l’ultima, i 9 mesi per truffa e riciclaggio che pochi giorni prima del duplice omicidio aveva finito di scontare.

Ma è lo spettacolo che gli agenti si trovano davanti agli occhi nell’appartamento a lasciare l’America senza fiato: i due medici, 49 anni lui e 38 lei, erano stati legati, mutilati e finiti con due fendenti alla gola. Sul pavimento e sulle pareti un lago di sangue, segno di una violenza inaudita che appare subito alquanto insolita. L’unico punto di contatto fra la coppia e l’omicida è che lui aveva lavorato per breve tempo come portinaio nello stabile.

Ed è proprio sulle telefonate che la Bolanos sarebbe riuscita a fare prima di essere sopraffatta insieme al compagno, a tenere banco nelle fasi iniziali del processo a carico di Bampumim Teixeira, il quale si è dichiarato non colpevole. Ci sarebbe la registrazione di una drammatica chiamata al numero di emergenza 911, a cui l’operatore non avrebbe dato seguito. Nel documento audio, Lina Bolanos - riconosciuta distintamente in aula da Amanda Gibbs, madrina della donna - parla con una voce ovattata che la rende non chiara. L’operatore tenta di farle qualche domanda ma la donna risponde a fatica, fin quando lui le chiede di richiamare e chiude la telefonata. Ma nessuno ha più il tempo di richiamare.

Galleria fotografica
Tenta di chiamare la polizia, ma l’operatore riattacca - immagine 1
Stati Uniti
Una vittoria di Trump:
Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump:<br>Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
NFAC, le milizie nere
che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere<br>che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito