Texas, il serial killer delle transgender

| Il corpo di una donna afroamericana è stato ripescato dalle acque di un lago nei dintorni di Dallas: è il quarto omicidio di donne transgender. La polizia ha chiesto l’intervento dell’FBI

+ Miei preferiti
È stata una guardia forestale, a estrarre un corpo dalle acque del White Rock, un lago a nord di Dallas. Era quel che restava di Chynal Lindsey: da giorni non dava più notizie di sé alla famiglia. Due settimane prima, Muhlaysia Booker era stata ritrovata sul lato di una strada, colpita a morte. Le due non si conoscevano, ma avevano un paio di particolari in comune: erano di colore ed entrambe transgender.

Secondo il capo della polizia di Dallas, Reneé Hall, il corpo di Chynal Lindsey mostrava “evidenti segni di violenza omicida”, ma non ha rivelato la causa della morte. La conferenza stampa si è chiusa però con un preoccupante appello al popolo transgender: “Siate vigili. È quello che chiediamo ai membri della nostra comunità: assicuratevi di essere consapevoli di ciò che vi circonda, fate in modo che amici e familiari sappiano con chi siete in ogni momento”. Subito dopo, la polizia di Dallas ha richiesto l’intervento dell’FBI: “Siamo preoccupati, stiamo indagando ma abbiamo preferito chiedere la collaborazione dei federali”.

Il dipartimento di polizia di Dallas è ormai alle prese con troppi casi di attacchi, morti e violenze ai danni di donne transgender. Lo scorso aprile, una donna è stata ripetutamente accoltellata e abbandonata, certi di averla uccisa, ma è sopravvissuta e sta collaborando con le forze dell’ordine per dare un volto e un nome al suo aggressore. Un’altra, Brittany White, 29 anni, è stata uccisa all’interno della sua auto nell’ottobre dello scorso anno, mentre i resti di un’altra vittima sono stati scoperti in un campo nel luglio 2017: un caso che la polizia ha classificato come “morte inspiegabile”. Per finire con il corpo ormai decomposto di Shade Schuler, ancora una volta trovato per caso in un campo nel luglio 2015. L’ennesimo caso irrisolto.

Alla domanda se la serie di morti potrebbe essere opera di un serial killer, la polizia ha preso tempo: “In questo momento non abbiamo le prove per affermarlo”. Ma fra le righe, il timore di un assassino seriale è ormai quasi una certezza.

Gli indizi da cui iniziare le indagini, sono pochissimi. Il White Rock Lake, nella zona nord-est di Dallas, dove è stato ripescato il corpo di Chynal Lindsey, non è distante dal luogo dove è stato scoperto quello di Muhlaysia Booker. “Poco prima di sparire, due delle vittime si trovavano nella zona compresa fra Spring Avenue e Lagow Street. Inoltre, è stato anche stabilito che due delle vittime sono salite a bordo di un veicolo. Mentre in un altro caso, la vittima ha permesso a qualcuno di salire a bordo del suo veicolo”.

Muhlaysia Booker era stata protagonista involontaria di un pestaggio poche settimane prima della morte. Esiste un filmato diventato virale dell’aggressione, avvenuta dopo che la donna era stata coinvolta in un piccolo incidente stradale all’interno di un complesso residenziale. Un uomo di 29 anni, Edward Thomas, è stato arrestato e accusato di aggressione, ma per la polizia non ci sono prove che lo colleghino alla morte di Muhlaysia Booker.

Galleria fotografica
Texas, il serial killer delle transgender - immagine 1
Texas, il serial killer delle transgender - immagine 2
Stati Uniti
120 anni di carcere
per il guru della setta «NXIVM»
120 anni di carcere<br>per il guru della setta «NXIVM»
Keith Raniere condannato per una lunga serie di reati che comprendevano la riduzione in schiavitù. Nella rete piramidale anche diverse ereditiere e star di Hollywood
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni