Texas, il serial killer delle transgender

| Il corpo di una donna afroamericana è stato ripescato dalle acque di un lago nei dintorni di Dallas: è il quarto omicidio di donne transgender. La polizia ha chiesto l’intervento dell’FBI

+ Miei preferiti
È stata una guardia forestale, a estrarre un corpo dalle acque del White Rock, un lago a nord di Dallas. Era quel che restava di Chynal Lindsey: da giorni non dava più notizie di sé alla famiglia. Due settimane prima, Muhlaysia Booker era stata ritrovata sul lato di una strada, colpita a morte. Le due non si conoscevano, ma avevano un paio di particolari in comune: erano di colore ed entrambe transgender.

Secondo il capo della polizia di Dallas, Reneé Hall, il corpo di Chynal Lindsey mostrava “evidenti segni di violenza omicida”, ma non ha rivelato la causa della morte. La conferenza stampa si è chiusa però con un preoccupante appello al popolo transgender: “Siate vigili. È quello che chiediamo ai membri della nostra comunità: assicuratevi di essere consapevoli di ciò che vi circonda, fate in modo che amici e familiari sappiano con chi siete in ogni momento”. Subito dopo, la polizia di Dallas ha richiesto l’intervento dell’FBI: “Siamo preoccupati, stiamo indagando ma abbiamo preferito chiedere la collaborazione dei federali”.

Il dipartimento di polizia di Dallas è ormai alle prese con troppi casi di attacchi, morti e violenze ai danni di donne transgender. Lo scorso aprile, una donna è stata ripetutamente accoltellata e abbandonata, certi di averla uccisa, ma è sopravvissuta e sta collaborando con le forze dell’ordine per dare un volto e un nome al suo aggressore. Un’altra, Brittany White, 29 anni, è stata uccisa all’interno della sua auto nell’ottobre dello scorso anno, mentre i resti di un’altra vittima sono stati scoperti in un campo nel luglio 2017: un caso che la polizia ha classificato come “morte inspiegabile”. Per finire con il corpo ormai decomposto di Shade Schuler, ancora una volta trovato per caso in un campo nel luglio 2015. L’ennesimo caso irrisolto.

Alla domanda se la serie di morti potrebbe essere opera di un serial killer, la polizia ha preso tempo: “In questo momento non abbiamo le prove per affermarlo”. Ma fra le righe, il timore di un assassino seriale è ormai quasi una certezza.

Gli indizi da cui iniziare le indagini, sono pochissimi. Il White Rock Lake, nella zona nord-est di Dallas, dove è stato ripescato il corpo di Chynal Lindsey, non è distante dal luogo dove è stato scoperto quello di Muhlaysia Booker. “Poco prima di sparire, due delle vittime si trovavano nella zona compresa fra Spring Avenue e Lagow Street. Inoltre, è stato anche stabilito che due delle vittime sono salite a bordo di un veicolo. Mentre in un altro caso, la vittima ha permesso a qualcuno di salire a bordo del suo veicolo”.

Muhlaysia Booker era stata protagonista involontaria di un pestaggio poche settimane prima della morte. Esiste un filmato diventato virale dell’aggressione, avvenuta dopo che la donna era stata coinvolta in un piccolo incidente stradale all’interno di un complesso residenziale. Un uomo di 29 anni, Edward Thomas, è stato arrestato e accusato di aggressione, ma per la polizia non ci sono prove che lo colleghino alla morte di Muhlaysia Booker.

Galleria fotografica
Texas, il serial killer delle transgender - immagine 1
Texas, il serial killer delle transgender - immagine 2
Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo