Texas, uccisa per errore dalla polizia

| Atatiana Jefferson, 28 anni, stava giocando con i videogames insieme al nipotino: un agente le ha sparato attraverso la finestra. Proteste della comunità afroamericana

+ Miei preferiti
Monta la protesta negli Stati Uniti per una morte che probabilmente, è solo frutto di un tragico errore. È successo a Fort Worth, località a poca distanza da Dallas, in Texas: una chiamata alla polizia avvisa che malgrado siano le 2 del mattino, la porta di un’abitazione è aperta e dalle finestre di un’abitazione filtra della luce. Un agente interviene e si avvicina all’abitazione, armi in pugno: Atatiana Jefferson, una ragazza afroamericana di 28 anni, che stava giocando sul divano con il nipotino, si è alzata sentendo dei rumori avvicinandosi alla finestra, dove si è trovata di fronte all’agente con le pistole spianate che le ha intimato di alzare le mani. Secondo le prime ricostruzioni, avvalorate dalle riprese della “bodycam” dell’agente, la giovane – colta di sorpresa – non ha avuto il tempo di fare nulla: è stata freddata con diversi colpi d’arma da fuoco.

La notizia ha fatto il giro della comunità scatenando le proteste, mentre il dipartimento di polizia cercava di giustificare l’operato dell’agente: “Ha percepito un pericolo”.

Nell’appartamento sarebbe stata anche rinvenuta una pistola, ma sembra certo che la giovane non la impugnasse al momento dell’uccisione. Soccorsa immediatamente, Atatiana Jefferson non è riuscita neanche a raggiungere l’ospedale in ambulanza: è morta pochi minuti dopo.

Stati Uniti
Le previsioni del professore:
vincerà Biden
Le previsioni del professore:<br>vincerà Biden
Dal 1984, Allan Lichtman non sbaglia un risultato elettorale. Tutto secondo lui si basa sulle 13 chiavi che bisogna conquistare per conquistare la Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne