Texas, uccisa per errore dalla polizia

| Atatiana Jefferson, 28 anni, stava giocando con i videogames insieme al nipotino: un agente le ha sparato attraverso la finestra. Proteste della comunità afroamericana

+ Miei preferiti
Monta la protesta negli Stati Uniti per una morte che probabilmente, è solo frutto di un tragico errore. È successo a Fort Worth, località a poca distanza da Dallas, in Texas: una chiamata alla polizia avvisa che malgrado siano le 2 del mattino, la porta di un’abitazione è aperta e dalle finestre di un’abitazione filtra della luce. Un agente interviene e si avvicina all’abitazione, armi in pugno: Atatiana Jefferson, una ragazza afroamericana di 28 anni, che stava giocando sul divano con il nipotino, si è alzata sentendo dei rumori avvicinandosi alla finestra, dove si è trovata di fronte all’agente con le pistole spianate che le ha intimato di alzare le mani. Secondo le prime ricostruzioni, avvalorate dalle riprese della “bodycam” dell’agente, la giovane – colta di sorpresa – non ha avuto il tempo di fare nulla: è stata freddata con diversi colpi d’arma da fuoco.

La notizia ha fatto il giro della comunità scatenando le proteste, mentre il dipartimento di polizia cercava di giustificare l’operato dell’agente: “Ha percepito un pericolo”.

Nell’appartamento sarebbe stata anche rinvenuta una pistola, ma sembra certo che la giovane non la impugnasse al momento dell’uccisione. Soccorsa immediatamente, Atatiana Jefferson non è riuscita neanche a raggiungere l’ospedale in ambulanza: è morta pochi minuti dopo.

Stati Uniti
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti