The Trump medicine show

| Caldo, ultravioletti, disinfettanti: non passa giorno senza che il presidente tiri fuori dal cilindro un’idea strampalata dietro l’altra, costringendo la comunità scientifica a rispondere malamente

+ Miei preferiti
C’è un’America sgomenta, che scopre di aver già pagato con 50mila morti il proprio tributo al coronavirus. Ma c’è anche un’America che scalpita e vuole tornare al lavoro, perché teme più la fame del virus. Poi c’è un’altra America, quella vista dalla Casa Bianca, dove gli analisti politici in queste ore tornano a ricordare che il gran capo è un palazzinaro, un venditore e un piazzista che in vita sua ha messo nome e faccione su immobili, bistecche, giochi da tavolo, vodka e perfino camicie e cravatte.

Qualcuno lo paragona a quei venditori itineranti che ai tempi dei pionieri giravano di piazza in piazza promettendo medicinali miracolosi importati chissà da dove, e la gente ci credeva. Trump è uguale: arriva, srotola il tappeto e ad ogni briefing sulla pandemia tenta un numero di magia, nel disperato tentativo di far quadrare i conti fra la gente che continua a morire e quella che continua a non lavorare. La differenza, fanno notare in tanti, è che se prima si trattava di commercio, adesso ci sono di mezzo vite umane.

Le visioni di Trump sono quotidiane, una più entusiasta dell’altra, come quella che sole, caldo e umidità estiva potrebbero eliminare il virus dalla faccia della terra. Per dimostrarlo ha chiesto il supporto di William Bryan, direttore ad interim della direzione della Scienza e della Tecnologia del Dipartimento di Sicurezza Nazionale, chiedendo di svelare la ricerca sulla suscettibilità del coronavirus al calore e alla luce. Bryan ha presentato alcuni dati secondo cui in alcune circostanze la luce del sole può ridurre la vita del virus su una superficie da 18 ore a meno di due minuti. Ma non è la stessa cosa.

Eppure Trump, che appariva affascinato dalle possibilità, andava avanti con le fantasticherie: “Supponiamo di colpire il corpo con una luce tremenda, che sia ultravioletta o semplicemente molto potente... supponiamo di portare la luce all’interno del corpo, cosa che si può fare, attraverso la pelle o in qualche altro modo”. Qualche istante dopo, Trump ha chiesto alla dottoressa Deborah Birx, membro della task force contro la pandemia, se è vero che calore e luce possono essere combinati come cura per qualcuno che deve affrontare le complicazioni del coronavirus, tra cui problemi respiratori, cardiaci e insufficienza renale. E lei, Che è un medico vero, ha annaspato un po’: “Non come trattamento... è una buona cosa quando hai la febbre, aiuta il corpo a reagire. Ma... non ho mai visto utilizzare il calore per i virus”. Esistono prove scientifiche che la luce del sole e l’umidità possono rendere più difficile la diffusione di un virus, ma la lotta di paesi tropicali come Singapore per contenere una seconda ondata sembra indicare che il calore non è una cura miracolosa.

Il colpo di scena, Trump se l’è tenuto da parte ipotizzando che iniettare disinfettante nei pazienti colpiti dal virus secondo lui potrebbe essere una mano santa, come pure la candeggina. “Forse si può, forse no, non sono un medico, sono solo una persona che tenta di usare la testa”.

La comunità scientifica americana ha reagito con stizza alle ultime trovate trumpiane. Qualche ora dopo Stephen Hahn, commissario per la Food and Drug, ha aggiunto: “Non consiglierei l’ingestione di un disinfettante”, mentre il cardiologo Jonathan Reiner è stato più lapidario: “Se il Presidente pensa che i lettini abbronzanti cureranno il coronavirus, è un errore, non succederà”.

La verità è che Trump ha fretta: in cinque settimane 26 milioni di americani hanno perso il lavoro, ed è tutta gente che a novembre voterà.

Stati Uniti
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
Gli addetti di un impianto in Maryland hanno confuso i componenti dei vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, rendendo inutilizzabili milioni di dosi
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Un vigile del fuoco, una bambina e un istruttore di arti marziali hanno raccontato cos’hanno visto quel giorno, quando l’agente Chauvin ha premuto il suo ginocchio sul collo e il povero George ripeteva “I can’t breath”, non posso respirare