The Trump medicine show

| Caldo, ultravioletti, disinfettanti: non passa giorno senza che il presidente tiri fuori dal cilindro un’idea strampalata dietro l’altra, costringendo la comunità scientifica a rispondere malamente

+ Miei preferiti
C’è un’America sgomenta, che scopre di aver già pagato con 50mila morti il proprio tributo al coronavirus. Ma c’è anche un’America che scalpita e vuole tornare al lavoro, perché teme più la fame del virus. Poi c’è un’altra America, quella vista dalla Casa Bianca, dove gli analisti politici in queste ore tornano a ricordare che il gran capo è un palazzinaro, un venditore e un piazzista che in vita sua ha messo nome e faccione su immobili, bistecche, giochi da tavolo, vodka e perfino camicie e cravatte.

Qualcuno lo paragona a quei venditori itineranti che ai tempi dei pionieri giravano di piazza in piazza promettendo medicinali miracolosi importati chissà da dove, e la gente ci credeva. Trump è uguale: arriva, srotola il tappeto e ad ogni briefing sulla pandemia tenta un numero di magia, nel disperato tentativo di far quadrare i conti fra la gente che continua a morire e quella che continua a non lavorare. La differenza, fanno notare in tanti, è che se prima si trattava di commercio, adesso ci sono di mezzo vite umane.

Le visioni di Trump sono quotidiane, una più entusiasta dell’altra, come quella che sole, caldo e umidità estiva potrebbero eliminare il virus dalla faccia della terra. Per dimostrarlo ha chiesto il supporto di William Bryan, direttore ad interim della direzione della Scienza e della Tecnologia del Dipartimento di Sicurezza Nazionale, chiedendo di svelare la ricerca sulla suscettibilità del coronavirus al calore e alla luce. Bryan ha presentato alcuni dati secondo cui in alcune circostanze la luce del sole può ridurre la vita del virus su una superficie da 18 ore a meno di due minuti. Ma non è la stessa cosa.

Eppure Trump, che appariva affascinato dalle possibilità, andava avanti con le fantasticherie: “Supponiamo di colpire il corpo con una luce tremenda, che sia ultravioletta o semplicemente molto potente... supponiamo di portare la luce all’interno del corpo, cosa che si può fare, attraverso la pelle o in qualche altro modo”. Qualche istante dopo, Trump ha chiesto alla dottoressa Deborah Birx, membro della task force contro la pandemia, se è vero che calore e luce possono essere combinati come cura per qualcuno che deve affrontare le complicazioni del coronavirus, tra cui problemi respiratori, cardiaci e insufficienza renale. E lei, Che è un medico vero, ha annaspato un po’: “Non come trattamento... è una buona cosa quando hai la febbre, aiuta il corpo a reagire. Ma... non ho mai visto utilizzare il calore per i virus”. Esistono prove scientifiche che la luce del sole e l’umidità possono rendere più difficile la diffusione di un virus, ma la lotta di paesi tropicali come Singapore per contenere una seconda ondata sembra indicare che il calore non è una cura miracolosa.

Il colpo di scena, Trump se l’è tenuto da parte ipotizzando che iniettare disinfettante nei pazienti colpiti dal virus secondo lui potrebbe essere una mano santa, come pure la candeggina. “Forse si può, forse no, non sono un medico, sono solo una persona che tenta di usare la testa”.

La comunità scientifica americana ha reagito con stizza alle ultime trovate trumpiane. Qualche ora dopo Stephen Hahn, commissario per la Food and Drug, ha aggiunto: “Non consiglierei l’ingestione di un disinfettante”, mentre il cardiologo Jonathan Reiner è stato più lapidario: “Se il Presidente pensa che i lettini abbronzanti cureranno il coronavirus, è un errore, non succederà”.

La verità è che Trump ha fretta: in cinque settimane 26 milioni di americani hanno perso il lavoro, ed è tutta gente che a novembre voterà.

Stati Uniti
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia