L'angosciante farsa del finto Timmothy

| Era uno dei casi più complicati di sparizione di minori: prima di uccidersi, la mamma aveva scritto di averlo affidato a gente che l’avrebbe protetto. Sette anni dopo, un ragazzino afferma di essere Timmothy. Ma il DNA lo smentisce

+ Miei preferiti
No. Non è lui Timmothy Pitzen, il bambino di 7 anni sparito nel nulla nel 2011. A stabilirlo è stato l’esame del DNA. La notizia della sua misteriosa ‘ricomparsa’ aveva commosso il mondo. "I risultati del Dna hanno rivelato che la persona in questione non è Timmothy Pitzen", hanno detto gli investigatori, che ora cercano una spiegazione delle ragioni di una farsa dai toni drammatici. Timmothy era sparito maggio del 2011. La madre morta in un motel dell'Illinois, in un apparente suicidio, dopo avere percorso 800 chilometri con i figlio. La mamma aveva scrtto poche righe su un foglio:  "E' al sicuro con delle persone che si occupano di lui".
La storia. La mattina dell’11 maggio del 2011, Timmothy James Pitzen, un bimbo di 7 anni di Aurora, Illinois, arriva davanti alla “Greenman Elementary School”, la scuola che frequenta, accompagnato da James, suo padre. Pochi minuti dopo la mamma, Amy Joan Marie Fry-Pitzen, si presenta a scuola chiedendo di poter prendere il bimbo per un’emergenza di famiglia, del tutto inesistente, si scoprirà dopo.


L’intenzione della donna, gravemente affetta da depressione e terrorizzata all’idea di perdere ogni diritto sul figlio, era di regalare al suo Timmothy tre giorni di divertimento: visitano lo zoo di Brookfield, poi si dirigono verso i “KeyLime Cove Resort” di Gurnee, nell’Illinois, dove trascorrono la notte. La mattina seguente puntano in direzione Wisconsin per visitare il “Kalahari Resort”, dove i filmati di sicurezza delle casse li riprendono intorno alle 10 del mattino.



Alle 13:30 dello stesso giorno, Amy Pitzen telefona a diversi familiari, tra cui sua madre e suo cognato, dicendo loro che lei e Timmothy erano al sicuro e non c’era alcun pericolo. Non le riesce invece di contattare il marito, che aveva cercato di localizzarli dopo aver saputo dalla scuola che suo figlio era stato prelevato dalla mamma. Durante una delle telefonate, si distingue nettamente la voce di Timmothy mentre dice di aver fame: è l’ultima traccia del bambino.

Amy Pitzen è stata ancora inquadrata dalle telecamere di sicurezza di un negozio di cancelleria e di un alimentari, entrambi a Rockford, Illinois: era sola. Ha preso una stanza al “Rockford Inn” dove quella notte si è tolta la vita tagliandosi i polsi, oltre a ingoiare una forte dose di antistaminici. La mattina del 13 maggio, il suo corpo senza vita viene stato trovato da una cameriera dell’albergo insieme a un biglietto. Poche righe in cui Amy si scusava per i problemi creati, spiegando che Timmothy non sarebbe stato trovato mai più, ma era al sicuro con persone che si sarebbero prese cura di lui.



Scattano le ricerche del piccolo, che pian piano si estendono quasi in tutta l’America: la polizia teme che Timmothy sia stato ucciso e il corpo nascosto, oppure consegnato nelle mani di sconosciuti. James Pitzen, suo padre, da allora non smetterà mai di dire che suo figlio è ancora vivo.

Il 25 agosto del 2018, il caso è affrontato nella serie televisiva “Live PD”: fra gli ospiti anche Angeline Hartmann, responsabile del “National Center for Missing and Exploited Children”, che mostra una possibile immagine di Timmothy a 13 anni di età. Ma sono solo supposizioni: dal 2011, di Timmothy Pitzen si è persa ogni traccia.

Proprio in queste ore, i media americani si stanno occupando di un ragazzino fermato dalla polizia in stato confusionale in un parcheggio di Newport, nel Kentucky, cercandi di capire si è inventato tutto. Gli agenti sono intervenuti dopo alcune segnalazioni di persone che raccontavano di un ragazzino dall’aria scossa e sconvolta che si aggirava senza meta. La sorpresa vera è stata quando l’adolescente ha dichiarato: “Sono Timmothy Pitzen, sono stato tenuto prigioniero per sette anni da due uomini, e sono riuscito a fuggire”.

Il ragazzino aveva descritto i suoi rapitori come due body-builder, indicando il “Red Roof Inn” di Sharonville, nell’area di Cincinnati, come luogo in cui è stato segregato per tutto questo tempo.

Galleria fotografica
Langosciante farsa del finto Timmothy - immagine 1
Langosciante farsa del finto Timmothy - immagine 2
Langosciante farsa del finto Timmothy - immagine 3
Stati Uniti
Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto
Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto
Si alza l’allarme per possibili disordini sociali nel caso il processo per l'omicidio dell'afroamericano si concluda con una sentenza favorevole all’ex agente Chauvin. Ovunque, la polizia annuncia misure di sicurezza straordinarie
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
È il numero delle vittime che un giovane affetto da problemi mentali ha fatto in un magazzino a Indianapolis. Si tratta della 45esima strage avvenuta in America dall’inizio dell’anno, e ancora una volta Biden chiede che sia l’ultima
Ancora sangue sulle strade americane
Ancora sangue sulle strade americane
Un uomo armato di mitragliatrice ha fatto una strage in un magazzino logistico a Indianapolis. Mentre da Chicago arrivano le inquietanti immagini dell’uccisione senza motivo di Adam Toledo, un 13enne
Sesso, droga & deputati
Sesso, droga & deputati
Emergono dettagli sullo scandalo che ha come protagonista unico il deputato repubblicano della Florida Matt Gaetz, sospettato di avere una passione smodata per le minorenni
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
È quanto ha dichiarato Christopher Wray, direttore dell’FBI, raccontando davanti al Senato di 2.000 indagini collegate a Pechino, una presenza forte, costante e insidiosa
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’ormai ex agente di polizia di Minneapolis che ha ucciso Daunte Wright arrestata e rilasciata su cauzione. Rischia fino a 10 anni di carcere, mentre per la strade la rabbia aumenta
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Si sono dimessi il capo del dipartimento e Km Potter, l’agente che ha ucciso Duane Wright con un colpo di pistola credendo di avere in mano il teaser. Intanto in città cresce la tensione
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo