Tre manifesti a Baltimora, Maryland

| Come nel film premiato con l’Oscar, una donna ha affittato tre manifesti in promette denaro a chiunque sia in grado di dare informazioni sull’omicidio della sua gemella, avvenuto 23 anni fa e tutt'ora irrisolto

+ Miei preferiti
Da 23 anni, Jennifer LeCornu Carreri si batte per dare un nome e un volto all’assassino di Jody, sua sorella gemella. È uno dei tanti cold case che disseminano le cronache americane, un omicidio a cui mancano ancora un movente e una spiegazione. L’unica certezza di Jennifer è che qualcuno sa, ha visto e sarebbe in grado di risolvere una pena che dura da troppo tempo. Qualche settimana fa, in occasione del 23esimo anniversario della morte di Jody, la sorella ha voluto fare un gesto eclatante: affittare tre grossi cartelloni pubblicitari sulla Pulaski Highway, la Greemont Avenue e South Hanover Street, nel centro di Baltimora, per diffondere il suo annuncio. Oltre alla foto di sua sorella, giovane, bella e sorridente, c’è scritto “Trovate il mio assassino”, con la promessa di una taglia di 100mila dollari a chiunque sia in grado di dare indicazioni che possano portare all’arresto dell’omicida. Il medesimo gesto di protesta e denuncia sociale raccontato nel film “Tre manifesti a Ebbling, Missouri”, ispirato alla vera storia di Mildred Hayes, una madre che chiese alla polizia giustizia per la figlia, violentata e uccisa quand’era solo una ragazzina.

La storia di Jody

Era un giovedì sera freddo, il 2 marzo del 1996, la neve iniziava a cadere e la primavera era ancora lontana. Jody LeCornu aveva litigato per l’ennesima volta con Steve Dubin, il suo fidanzato: lui le rimproverava di bere troppo e di non decidersi a risolvere i suoi problemi con l’alcolismo.

Jody era uscita di casa al mattino per andare al lavoro, alla cassa di risparmio di Hunt Valley: urla al fidanzato che non sarebbe tornata, sbatte la porta e se ne va. Passa la giornata al lavoro, poi fa un salto alla “Towson State University”, dove studiava geriatria. Joann E. LeCornu, per tutti “Jody”, era una studentessa di 23 anni della “Towson State University”, aveva tre sorelle ed era la figlia di un colonnello dei Marine degli Stati Uniti. Una brava ragazza, dicono tutti.

Sulla strada di casa, quella sera, Jody si ferma al “Mount Washington Tavern”, dove la conoscono bene. Verso le due del mattino, alla chiusura del bar, il proprietario del locale le chiede un favore: dare un passaggio fino a casa ad un suo dipendente. Dopo averlo lasciato, Jody preleva del denaro ad uno sportello bancomat, compra una confezione di sei lattine di birra e si ferma in un parcheggio per fare alcune telefonate, senza scendere dalla sua Honda Civic.

Jody era una ragazza ansiosa, chiedeva spesso ai colleghi di controllare dalla finestra che riuscisse a raggiungere la sua auto e raccomandava alle sorelle di camminare velocemente quando erano fuori di notte: aveva il timore di finire coinvolta in qualche violenza. L’idea che quella notte avesse appuntamento con qualcuno, ipotizzata dalla polizia, secondo la famiglia regge poco: Jody non l’avrebbe mai fatto.

Alcuni testimoni raccontano che all’Honda Civic si è avvicinata una BMW bianca: la ragazza ha abbassato il finestrino. Dalla BMW è sceso un uomo di colore basso, con una giacca mimetica: i due parlano per qualche minuto, poi l’uomo sembra tornare verso la sua auto. Tira fuori una pistola e spara attraverso il finestrino, colpendo Jody alla gola. La ragazza tenta di fuggire, ma la sua auto riesce a fare pochi metri bloccandosi nel parcheggio di un supermercato. La BMW la segue e la affianca: l’uomo scende dall’auto e si avvicina al finestrino, come per controllare che la ragazza sia morta. Afferra qualcosa dal sedile e sparisce nella notte.

Malgrado la presenza di numerose impronte digitali, le immagini della videosorveglianza e diverse testimonianze oculari, il caso appare subito estremamente complicato. Il 4 marzo, la polizia della contea di Baltimora informa la stampa la convinzione che si il tragico epilogo di una rapina finita male.

Le indagini

Per anni dopo la tragica notte del 2 marzo 1996, il padre di Jody, John LeCornu, ha tenuto stretti contatti con Anne Arundel, il procuratore aggiunto nella contea, seguendo da vicino il corso delle indagini. Ma non è riuscito a concludere la missione di dare giustizia a sua figlia: si è ammalato di cancro ed è morto nel 2007.

Jennifer LeCornu Carreri, la sorella gemella di Jody, ha deciso di andare avanti, tenendosi a stretto contatto con gli investigatori che indagano sul caso, tra cui Carroll Bollinger, un detective della omicidi. La donna aveva intenzione di assumere un investigatore privato per esaminare i fascicoli della polizia e capire se si potesse fare qualcos’altro, ma poiché il caso è ancora aperto la contea di Baltimora ha rifiutato. Jennifer non si è arresa: ha intentato una causa per ottenere l’accesso al caso e alla fine ha raggiunto un accordo riservato che non ha comunque portato al rilascio dei file. Lo statuto del Maryland permette alle forze dell’ordine di trattenere a tempo indeterminato i file investigativi.

All’epoca della morte di sua sorella, Jennifer viveva in California ma era in contatto costante con sua sorella: “Quando è morta, tutto si è tinto di nero. Sono stata sotto shock per molto tempo.

Tornata ad Annapolis, Jennifer si è sposata, ha messo su famiglia e non ha mai smesso di continuare la sua ricerca: qualche anno fa crea il sito web www.justice4jody.come ad ogni intervista dichiara la stessa cosa: “Non avrò pace fin quando non troverò l’assassino di mia sorella”.

Galleria fotografica
Tre manifesti a Baltimora, Maryland - immagine 1
Tre manifesti a Baltimora, Maryland - immagine 2
Tre manifesti a Baltimora, Maryland - immagine 3
Tre manifesti a Baltimora, Maryland - immagine 4
Tre manifesti a Baltimora, Maryland - immagine 5
Tre manifesti a Baltimora, Maryland - immagine 6
Stati Uniti
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
Gli addetti di un impianto in Maryland hanno confuso i componenti dei vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, rendendo inutilizzabili milioni di dosi
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Un vigile del fuoco, una bambina e un istruttore di arti marziali hanno raccontato cos’hanno visto quel giorno, quando l’agente Chauvin ha premuto il suo ginocchio sul collo e il povero George ripeteva “I can’t breath”, non posso respirare