Troppi suicidi fra i marinai di una portaerei

| Nel giro di un paio di giorni, tre marinai si sono tolti la vita: altri cinque l’hanno fatto negli ultimi due anni. Tutti erano stati assegnati alla USS George H. V. Bush

+ Miei preferiti
Il 14 settembre scorso, è stato trovato senza vita il soldato di prima classe Vincent Forline. Pochi giorni dopo, il capo tecnico elettronico James Shelton e il pilota Ethan Stuart hanno scelto di fare la stessa fine. Tuti e tre sono morti a causa di ferite da arma da fuoco autoinflitte.

È stata la Marina americana a confermare i tre casi di suicidio, su cui sono state aperte altrettante inchieste. Le tre morti non sembrano essere collegate, ma in comune c’è l’assegnazione alla portaerei a propulsione nucleare “USS George H. W. Bush” di classe Nimitz, di stanza alla Naval Station Norfolk, in Virginia.

“La morte di ogni marinaio è una notizia devastante che colpisce la famiglia della Marina. I nostri pensieri e le nostre condoglianze vanno alle famiglie, gli amici e i commilitoni”, ha commentato Jennifer Cragg, portavoce della Naval Air Force Atlantic.

In realtà, come sottolineano i media, si tratta di tre casi di suicidio nelle file della Marina americana, che si aggiungono ad altri cinque negli ultimi due anni: anche in quei casi l’unico punto di contatto era l’assegnazione alla portaerei.

Nel 2018, il numero di suicidi nel Corpo dei Marines e nella Marina ha raggiunto il numero massimo degli ultimi 10 anni: 57 casi fra i Marines e altri 18 fra i riservisti si sono suicidati o la loro morte è tutt’ora non chiara e al centro di indagini.

Stati Uniti
Texas, uccisa per errore dalla polizia
Texas, uccisa per errore dalla polizia
Atatiana Jefferson, 28 anni, stava giocando con i videogames insieme al nipotino: un agente le ha sparato attraverso la finestra. Proteste della comunità afroamericana
Alaska: omicidio al Midtown Marriott
Alaska: omicidio al Midtown Marriott
Una scheda SD ritrovata per caso sulla strada ha permesso di scoprire l’omicidio di una donna, i cui resti erano stati rinvenuti pochi giorni prima
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti
Muore di overdose l’uomo che salvava i tossicodipendenti
Kevin Donovan, 40enne di Syracuse, diffondeva l’uso del “Narcan”, un farmaco che usato per tempo salva dalla morte. Aveva un passato da tossicodipendente da cui sembrava esserne uscito per sempre
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer
È un vero colpo di scena nel caso di Amber Guyer, la poliziotta di Dallas che aveva ucciso un uomo credendo che fosse nel suo appartamento. Uno dei testimoni dell’accusa, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco
Impeachment: senza esclusione di colpi
Impeachment: senza esclusione di colpi
In meno di due settimane dalla richiesta di avviare la procedura contro Trump, una serie infinita di colpi di scena, accuse, insulti e sondaggi stanno avvelenando la politica americana
New York, la strage dei senzatetto
New York, la strage dei senzatetto
Quattro vittime, tutte uccise con una sbarra di metallo mentre dormivano per strada. Arrestato un 24enne, sarebbe uno di loro
La banda di ragazzini che ha risolto un caso
La banda di ragazzini che ha risolto un caso
Capitanati da Logan, 10 anni, un gruppo di ragazzini di Roseville, in California, ha rintracciato un’anziana donna scomparsa da casa che la polizia stava cercando. Sono diventati gli eroi d’America
Risarcimento record per le vittime di Las Vegas
Risarcimento record per le vittime di Las Vegas
Un accordo epocale pari a 800 milioni di dollari, raggiunto dai legali delle vittime e dei feriti con la MGM: quasi tutta la somma sarà in realtà pagata dalle assicurazioni
Le agghiaccianti lettere di un padre cattivo
Le agghiaccianti lettere di un padre cattivo
Un anno fa, Chris Watts aveva massacrato la moglie incinta e le sue due figlie perché voleva ricostruirsi un’esistenza nuova con l’amante. Una giornalista ha raccolto le sue lettere e le conversazioni in un libro
Donald Trump: operazione coccodrilli
Donald Trump: operazione coccodrilli
Il NYT rivela che il presidente aveva lanciato l’idea di costruire fossati da riempire di rettili per fermare i migranti dal Messico. In alternativa, suggeriva di sparargli alle gambe o di elettrificare il muro al confine