Troppo denaro, ne dona la metà

| L’eclatante decisione di MacKenzie Besos, ex moglie del magnate di Amazon, da cui ha ricevuto 36 miliardi di dollari in fase di divorzio

+ Miei preferiti
MacKenzie Besos può guardare al futuro con discreto ottimismo: grazie a quel cognome, portato in dote dall’ex marito, Jeff Bezos, il magnate proprietario unico del colosso “Amazon”, di recente ha ricevuto 36 miliardi di dollari come TFR coniugale, lasciando libero Jeff di vivere il nuovo amore con Laura Sanchez. Una cifra non da poco, ma nulla in confronto ai 131 miliardi di dollari indicati nel saldo dell’estratto conto di Bezos.

Ma MacKenzie S. Tuttle, 49 anni, scrittrice californiana, ha annunciato l’intenzione di voler donare almeno la metà della sua fortuna in beneficenza attraverso “Giving Pledge”, iniziativa lanciata nel 2010 da Warren Buffett e i coniugi Gates per incoraggiare i ricchi a donare per aiutare chi non ha. Ad oggi, si contano 204 firmatari da 22 paesi, tutti miliardari, fra cui Mark Zuckerberg, il fondatore di “Airbnb” Brian Chesky, Paul Sciarra i “Pinterest” e Brain Action, il papà di “Whatsapp”.

“Ognuno di noi è una combinazione dei doni che abbiamo ricevuto da una serie infinita di casualità che non potremo mai comprendere appieno. Quello la vita mi ha donato è una quantità sproporzionata di denaro da condividere”.



Su Twitter, il fondatore di Amazon ha elogiato la decisione della sua ex-moglie: “Sono orgoglioso di lei, la sua lettera è bellissima”. Va notato che Jeff Bezos loda ma non scuce: il suo nome non è tra i 204 firmatari dell’impegno, tuttavia, lo scorso anno il miliardario ha annunciato che avrebbe donato 2 miliardi di dollari per finanziare “le organizzazioni non profit che aiutano le famiglie senza tetto e creare una rete di nuove scuole materne nelle comunità a basso reddito”.

L’ex coppia Bezos, che ha quattro figli, ha annunciato la decisione di separarsi lo scorso gennaio: come parte del contratto di divorzio, MacKenzie ha trattenuto il quattro per cento delle azioni di “Amazon”, trasformandola nella quarta donna più ricca al mondo.

Galleria fotografica
Troppo denaro, ne dona la metà - immagine 1
Stati Uniti
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
Keith Raniere condannato per una lunga serie di reati che comprendevano la riduzione in schiavitù. Nella rete piramidale anche diverse ereditiere e star di Hollywood
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni