Troppo denaro, ne dona la metà

| L’eclatante decisione di MacKenzie Besos, ex moglie del magnate di Amazon, da cui ha ricevuto 36 miliardi di dollari in fase di divorzio

+ Miei preferiti
MacKenzie Besos può guardare al futuro con discreto ottimismo: grazie a quel cognome, portato in dote dall’ex marito, Jeff Bezos, il magnate proprietario unico del colosso “Amazon”, di recente ha ricevuto 36 miliardi di dollari come TFR coniugale, lasciando libero Jeff di vivere il nuovo amore con Laura Sanchez. Una cifra non da poco, ma nulla in confronto ai 131 miliardi di dollari indicati nel saldo dell’estratto conto di Bezos.

Ma MacKenzie S. Tuttle, 49 anni, scrittrice californiana, ha annunciato l’intenzione di voler donare almeno la metà della sua fortuna in beneficenza attraverso “Giving Pledge”, iniziativa lanciata nel 2010 da Warren Buffett e i coniugi Gates per incoraggiare i ricchi a donare per aiutare chi non ha. Ad oggi, si contano 204 firmatari da 22 paesi, tutti miliardari, fra cui Mark Zuckerberg, il fondatore di “Airbnb” Brian Chesky, Paul Sciarra i “Pinterest” e Brain Action, il papà di “Whatsapp”.

“Ognuno di noi è una combinazione dei doni che abbiamo ricevuto da una serie infinita di casualità che non potremo mai comprendere appieno. Quello la vita mi ha donato è una quantità sproporzionata di denaro da condividere”.



Su Twitter, il fondatore di Amazon ha elogiato la decisione della sua ex-moglie: “Sono orgoglioso di lei, la sua lettera è bellissima”. Va notato che Jeff Bezos loda ma non scuce: il suo nome non è tra i 204 firmatari dell’impegno, tuttavia, lo scorso anno il miliardario ha annunciato che avrebbe donato 2 miliardi di dollari per finanziare “le organizzazioni non profit che aiutano le famiglie senza tetto e creare una rete di nuove scuole materne nelle comunità a basso reddito”.

L’ex coppia Bezos, che ha quattro figli, ha annunciato la decisione di separarsi lo scorso gennaio: come parte del contratto di divorzio, MacKenzie ha trattenuto il quattro per cento delle azioni di “Amazon”, trasformandola nella quarta donna più ricca al mondo.

Galleria fotografica
Troppo denaro, ne dona la metà - immagine 1
Stati Uniti
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica