Troppo denaro, ne dona la metà

| L’eclatante decisione di MacKenzie Besos, ex moglie del magnate di Amazon, da cui ha ricevuto 36 miliardi di dollari in fase di divorzio

+ Miei preferiti
MacKenzie Besos può guardare al futuro con discreto ottimismo: grazie a quel cognome, portato in dote dall’ex marito, Jeff Bezos, il magnate proprietario unico del colosso “Amazon”, di recente ha ricevuto 36 miliardi di dollari come TFR coniugale, lasciando libero Jeff di vivere il nuovo amore con Laura Sanchez. Una cifra non da poco, ma nulla in confronto ai 131 miliardi di dollari indicati nel saldo dell’estratto conto di Bezos.

Ma MacKenzie S. Tuttle, 49 anni, scrittrice californiana, ha annunciato l’intenzione di voler donare almeno la metà della sua fortuna in beneficenza attraverso “Giving Pledge”, iniziativa lanciata nel 2010 da Warren Buffett e i coniugi Gates per incoraggiare i ricchi a donare per aiutare chi non ha. Ad oggi, si contano 204 firmatari da 22 paesi, tutti miliardari, fra cui Mark Zuckerberg, il fondatore di “Airbnb” Brian Chesky, Paul Sciarra i “Pinterest” e Brain Action, il papà di “Whatsapp”.

“Ognuno di noi è una combinazione dei doni che abbiamo ricevuto da una serie infinita di casualità che non potremo mai comprendere appieno. Quello la vita mi ha donato è una quantità sproporzionata di denaro da condividere”.



Su Twitter, il fondatore di Amazon ha elogiato la decisione della sua ex-moglie: “Sono orgoglioso di lei, la sua lettera è bellissima”. Va notato che Jeff Bezos loda ma non scuce: il suo nome non è tra i 204 firmatari dell’impegno, tuttavia, lo scorso anno il miliardario ha annunciato che avrebbe donato 2 miliardi di dollari per finanziare “le organizzazioni non profit che aiutano le famiglie senza tetto e creare una rete di nuove scuole materne nelle comunità a basso reddito”.

L’ex coppia Bezos, che ha quattro figli, ha annunciato la decisione di separarsi lo scorso gennaio: come parte del contratto di divorzio, MacKenzie ha trattenuto il quattro per cento delle azioni di “Amazon”, trasformandola nella quarta donna più ricca al mondo.

Galleria fotografica
Troppo denaro, ne dona la metà - immagine 1
Stati Uniti
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia