Trump: “Addio New York”

| Il presidente annuncia il cambio di residenza: dalla Trump Tower sulla 5th Avenue al suo resort in Florida. I saluti ironici del governatore Cuomo e del sindaco de Blasio

+ Miei preferiti
Donald se ne va: nella valanga di tweet quotidiani, qualche giorno fa il presidente più discusso e discutibile della storia americana ha annunciato di aver cambiato ufficialmente la propria residenza, insieme a quella della consorte Melania e del figlio Barron. Dalla celebre penthouse al 725 della Fifth Avenue, nel cuore di Manhattan, al 1100 di South Ocean Boulevard, Palm Beach, Florida, l’indirizzo del suo amatissimo resort, il “Mar-a-Lago”.

“Il 1600 di Pennsylvania Avenue, la Casa Bianca, è il posto che amo e dove spero di restare altri quattro anni. Ma io e la mia famiglia faremo di Palm Beach, Florida, la nostra residenza permanente”. Poi parte un pistolotto sull’ingratitudine della città dov’è nato: “Amo e amerò sempre New York e la sua gente, continueranno ad avere sempre un posto speciale nel mio cuore, ma purtroppo, malgrado i milioni di dollari in tasse cittadine, locali e statali che pago ogni anno, sono stato trattato molto male dai leader politici della città e dello Stato. Pochi hanno ricevuto trattamenti peggiori del mio”.

Un addio amaro, che in realtà nasconde un trabocchetto, svelato da quotidiani in queste ore: la decisione non ha nulla a che vedere con il trattamento subito, ma è una pura questione di convenienza: in Florida non ci sono tasse statali e locali sui redditi, imposte immobiliari e di successione. Non è un caso, se lo stato più amato dai pensionati americani attira da anni milionari, che lo scelgono come residenza per motivi fiscali, trovando in omaggio le palme, il clima e spiagge da sogno.

A salutare il presidente ci ha pensato il governatore Andrew Cuomo, che ha commentato con molto sarcasmo la notizia: “Finalmente, era ora. Eppure non risulta che Trump abbia pagato così tante tasse da queste parti. In ogni caso è tutto vostro: auguri Florida”. Il riferimento è alle dichiarazioni dei redditi nascoste e i sospetti di elusione del fisco che ancora pendono sulla testa di Trump. Nel giro di qualche minuto, al coro di arrivederci si è unito il sindaco Bill De Blasio, altrettanto caustico: “Attento a non inciampare sbattendo la porta”.

Non sono meno scatenati gli editorialisti dei quotidiani newyorkesi: “Ricco, pomposo e per molti americani la peggiore espressione di cittadino newyorkese, la vita di Trump si è sempre intrecciata con la città: è nato nel Queens, qui ha costruito i palazzi del suo impero, qui ha recitato in “The Apprentice”, qui è andato in bancarotta per sei volte e dal giorno della sua elezione ha attirato folle festanti e gente inferocita sulla Quinta Strada, davanti all’ingresso della Trump Tower, creando problemi alla viabilità, la sicurezza e ai servizi segreti”.

Altri gli fanno i conti in tasca: “Da quando è diventato presidente, Trump ha trascorso 99 giorni a Mar-a-Lago rispetto ai 20 giorni alla Trump Tower. Ma sarà da capire se realmente Donald cambierà residenza o si tratta soltanto di un modo per non mutare nulla della sua vita, a parte il trucco di evitare di pagare le tasse”.

Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo