Trump: “Addio New York”

| Il presidente annuncia il cambio di residenza: dalla Trump Tower sulla 5th Avenue al suo resort in Florida. I saluti ironici del governatore Cuomo e del sindaco de Blasio

+ Miei preferiti
Donald se ne va: nella valanga di tweet quotidiani, qualche giorno fa il presidente più discusso e discutibile della storia americana ha annunciato di aver cambiato ufficialmente la propria residenza, insieme a quella della consorte Melania e del figlio Barron. Dalla celebre penthouse al 725 della Fifth Avenue, nel cuore di Manhattan, al 1100 di South Ocean Boulevard, Palm Beach, Florida, l’indirizzo del suo amatissimo resort, il “Mar-a-Lago”.

“Il 1600 di Pennsylvania Avenue, la Casa Bianca, è il posto che amo e dove spero di restare altri quattro anni. Ma io e la mia famiglia faremo di Palm Beach, Florida, la nostra residenza permanente”. Poi parte un pistolotto sull’ingratitudine della città dov’è nato: “Amo e amerò sempre New York e la sua gente, continueranno ad avere sempre un posto speciale nel mio cuore, ma purtroppo, malgrado i milioni di dollari in tasse cittadine, locali e statali che pago ogni anno, sono stato trattato molto male dai leader politici della città e dello Stato. Pochi hanno ricevuto trattamenti peggiori del mio”.

Un addio amaro, che in realtà nasconde un trabocchetto, svelato da quotidiani in queste ore: la decisione non ha nulla a che vedere con il trattamento subito, ma è una pura questione di convenienza: in Florida non ci sono tasse statali e locali sui redditi, imposte immobiliari e di successione. Non è un caso, se lo stato più amato dai pensionati americani attira da anni milionari, che lo scelgono come residenza per motivi fiscali, trovando in omaggio le palme, il clima e spiagge da sogno.

A salutare il presidente ci ha pensato il governatore Andrew Cuomo, che ha commentato con molto sarcasmo la notizia: “Finalmente, era ora. Eppure non risulta che Trump abbia pagato così tante tasse da queste parti. In ogni caso è tutto vostro: auguri Florida”. Il riferimento è alle dichiarazioni dei redditi nascoste e i sospetti di elusione del fisco che ancora pendono sulla testa di Trump. Nel giro di qualche minuto, al coro di arrivederci si è unito il sindaco Bill De Blasio, altrettanto caustico: “Attento a non inciampare sbattendo la porta”.

Non sono meno scatenati gli editorialisti dei quotidiani newyorkesi: “Ricco, pomposo e per molti americani la peggiore espressione di cittadino newyorkese, la vita di Trump si è sempre intrecciata con la città: è nato nel Queens, qui ha costruito i palazzi del suo impero, qui ha recitato in “The Apprentice”, qui è andato in bancarotta per sei volte e dal giorno della sua elezione ha attirato folle festanti e gente inferocita sulla Quinta Strada, davanti all’ingresso della Trump Tower, creando problemi alla viabilità, la sicurezza e ai servizi segreti”.

Altri gli fanno i conti in tasca: “Da quando è diventato presidente, Trump ha trascorso 99 giorni a Mar-a-Lago rispetto ai 20 giorni alla Trump Tower. Ma sarà da capire se realmente Donald cambierà residenza o si tratta soltanto di un modo per non mutare nulla della sua vita, a parte il trucco di evitare di pagare le tasse”.

Stati Uniti
La prima mappa complete delle violenze della polizia
La prima mappa complete delle violenze della polizia
Il sito Bellingcat ha individuato e classificato almeno 1000 atti di violenza delle forze dell’ordine contro manifestanti dall’inizio delle proteste razziali. Un database unico, inedito e sconcertante
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
Keith Raniere condannato per una lunga serie di reati che comprendevano la riduzione in schiavitù. Nella rete piramidale anche diverse ereditiere e star di Hollywood
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani