Trump all’attacco: «Il virus è nato in laboratorio»

| A smentirlo è l’intelligence americana, che ripete di non avere alcuna prova, se non la certezza che il Covid-19 non è frutto di manipolazioni umane

+ Miei preferiti
È una tattica costante della presidenza Trump: spostare qualsiasi colpa o accusa verso un obiettivo diverso per allontanare gli obiettivi dalla figura dell’ex tycoon, specie quando è in difficoltà. L’ultimo tentativo è stato quello di assicurare alla nazione di essere in possesso di prove sufficienti per affermare che il Covid-19 ha avuto origine in un laboratorio di Wuhan. Frasi forti e rischiose, a cui non ha voluto aggiungere altro di fronte alle domande dei giornalisti.

Poche ore prima, gli alti funzionari dell’intelligence affermavano che al momento non esiste alcuna prova certa e che si stanno esplorando due possibilità, ma nessuno è ancora in grado di stabilire se l’epidemia “è stato il risultato di un incidente in un laboratorio a Wuhan” o è iniziata “attraverso il contatto con animali infetti”.

È insolito che l’intelligence commenti pubblicamente il suo lavoro prima di una valutazione formale. La dichiarazione sembra essere arrivata in risposta alle crescenti domande sulle origini del virus, dato che i funzionari dell’amministrazione Trump hanno passato settimane a far circolare ripetutamente la teoria che il virus abbia avuto origine all’interno di un laboratorio cinese.

Nonostante gli avvertimenti degli scienziati e dei professionisti dell’intelligence, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha continuato a spingere per avere dettagli precisi sull’origine del virus. Il New York Times è stato il primo a riferire che alcuni alti funzionari dell’amministrazione Trump spingano le agenzie di intelligence statunitensi che indagano sull’origine a “cercare prove” che colleghino il virus a un laboratorio cinese.

Ma mentre sotto le pressioni della Casa Bianca si tenta di arrivare ad una conclusione certa, i funzionari escludono la possibilità che il virus sia stato “creato dall’uomo o geneticamente modificato”, confutando le teorie di cospirazione che continuano a circolare.

Trump è ancora nell’occhio del ciclone sulla sua gestione della pandemia e respinge le indiscrezioni secondo cui gli avvertimenti fossero arrivati sulla sua scrivania fra gennaio e febbraio. Il flebile e tortuoso rapporto di Trump con la comunità dei servizi segreti risale fin i primi giorni della sua presidenza, quando ha messo in discussione le loro valutazioni, in particolare la conclusione che la Russia avesse interferito nelle elezioni presidenziali del 2016.

Trump non ama perdere molto tempo nei briefing giornalieri, preferisce che i funzionari dell’intelligence gli presentino idee politiche piuttosto che informazioni. Ma è una prassi del tutto insolita: normalmente, l’intelligence presenta le informazioni in modo che sia l’amministrazione a fare una scelta politica.

Stati Uniti
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica