Trump all’attacco: «Il virus è nato in laboratorio»

| A smentirlo è l’intelligence americana, che ripete di non avere alcuna prova, se non la certezza che il Covid-19 non è frutto di manipolazioni umane

+ Miei preferiti
È una tattica costante della presidenza Trump: spostare qualsiasi colpa o accusa verso un obiettivo diverso per allontanare gli obiettivi dalla figura dell’ex tycoon, specie quando è in difficoltà. L’ultimo tentativo è stato quello di assicurare alla nazione di essere in possesso di prove sufficienti per affermare che il Covid-19 ha avuto origine in un laboratorio di Wuhan. Frasi forti e rischiose, a cui non ha voluto aggiungere altro di fronte alle domande dei giornalisti.

Poche ore prima, gli alti funzionari dell’intelligence affermavano che al momento non esiste alcuna prova certa e che si stanno esplorando due possibilità, ma nessuno è ancora in grado di stabilire se l’epidemia “è stato il risultato di un incidente in un laboratorio a Wuhan” o è iniziata “attraverso il contatto con animali infetti”.

È insolito che l’intelligence commenti pubblicamente il suo lavoro prima di una valutazione formale. La dichiarazione sembra essere arrivata in risposta alle crescenti domande sulle origini del virus, dato che i funzionari dell’amministrazione Trump hanno passato settimane a far circolare ripetutamente la teoria che il virus abbia avuto origine all’interno di un laboratorio cinese.

Nonostante gli avvertimenti degli scienziati e dei professionisti dell’intelligence, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha continuato a spingere per avere dettagli precisi sull’origine del virus. Il New York Times è stato il primo a riferire che alcuni alti funzionari dell’amministrazione Trump spingano le agenzie di intelligence statunitensi che indagano sull’origine a “cercare prove” che colleghino il virus a un laboratorio cinese.

Ma mentre sotto le pressioni della Casa Bianca si tenta di arrivare ad una conclusione certa, i funzionari escludono la possibilità che il virus sia stato “creato dall’uomo o geneticamente modificato”, confutando le teorie di cospirazione che continuano a circolare.

Trump è ancora nell’occhio del ciclone sulla sua gestione della pandemia e respinge le indiscrezioni secondo cui gli avvertimenti fossero arrivati sulla sua scrivania fra gennaio e febbraio. Il flebile e tortuoso rapporto di Trump con la comunità dei servizi segreti risale fin i primi giorni della sua presidenza, quando ha messo in discussione le loro valutazioni, in particolare la conclusione che la Russia avesse interferito nelle elezioni presidenziali del 2016.

Trump non ama perdere molto tempo nei briefing giornalieri, preferisce che i funzionari dell’intelligence gli presentino idee politiche piuttosto che informazioni. Ma è una prassi del tutto insolita: normalmente, l’intelligence presenta le informazioni in modo che sia l’amministrazione a fare una scelta politica.

Stati Uniti
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore