Trump all’attacco: «Il virus è nato in laboratorio»

| A smentirlo è l’intelligence americana, che ripete di non avere alcuna prova, se non la certezza che il Covid-19 non è frutto di manipolazioni umane

+ Miei preferiti
È una tattica costante della presidenza Trump: spostare qualsiasi colpa o accusa verso un obiettivo diverso per allontanare gli obiettivi dalla figura dell’ex tycoon, specie quando è in difficoltà. L’ultimo tentativo è stato quello di assicurare alla nazione di essere in possesso di prove sufficienti per affermare che il Covid-19 ha avuto origine in un laboratorio di Wuhan. Frasi forti e rischiose, a cui non ha voluto aggiungere altro di fronte alle domande dei giornalisti.

Poche ore prima, gli alti funzionari dell’intelligence affermavano che al momento non esiste alcuna prova certa e che si stanno esplorando due possibilità, ma nessuno è ancora in grado di stabilire se l’epidemia “è stato il risultato di un incidente in un laboratorio a Wuhan” o è iniziata “attraverso il contatto con animali infetti”.

È insolito che l’intelligence commenti pubblicamente il suo lavoro prima di una valutazione formale. La dichiarazione sembra essere arrivata in risposta alle crescenti domande sulle origini del virus, dato che i funzionari dell’amministrazione Trump hanno passato settimane a far circolare ripetutamente la teoria che il virus abbia avuto origine all’interno di un laboratorio cinese.

Nonostante gli avvertimenti degli scienziati e dei professionisti dell’intelligence, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha continuato a spingere per avere dettagli precisi sull’origine del virus. Il New York Times è stato il primo a riferire che alcuni alti funzionari dell’amministrazione Trump spingano le agenzie di intelligence statunitensi che indagano sull’origine a “cercare prove” che colleghino il virus a un laboratorio cinese.

Ma mentre sotto le pressioni della Casa Bianca si tenta di arrivare ad una conclusione certa, i funzionari escludono la possibilità che il virus sia stato “creato dall’uomo o geneticamente modificato”, confutando le teorie di cospirazione che continuano a circolare.

Trump è ancora nell’occhio del ciclone sulla sua gestione della pandemia e respinge le indiscrezioni secondo cui gli avvertimenti fossero arrivati sulla sua scrivania fra gennaio e febbraio. Il flebile e tortuoso rapporto di Trump con la comunità dei servizi segreti risale fin i primi giorni della sua presidenza, quando ha messo in discussione le loro valutazioni, in particolare la conclusione che la Russia avesse interferito nelle elezioni presidenziali del 2016.

Trump non ama perdere molto tempo nei briefing giornalieri, preferisce che i funzionari dell’intelligence gli presentino idee politiche piuttosto che informazioni. Ma è una prassi del tutto insolita: normalmente, l’intelligence presenta le informazioni in modo che sia l’amministrazione a fare una scelta politica.

Stati Uniti
Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto
Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto
Si alza l’allarme per possibili disordini sociali nel caso il processo per l'omicidio dell'afroamericano si concluda con una sentenza favorevole all’ex agente Chauvin. Ovunque, la polizia annuncia misure di sicurezza straordinarie
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
È il numero delle vittime che un giovane affetto da problemi mentali ha fatto in un magazzino a Indianapolis. Si tratta della 45esima strage avvenuta in America dall’inizio dell’anno, e ancora una volta Biden chiede che sia l’ultima
Ancora sangue sulle strade americane
Ancora sangue sulle strade americane
Un uomo armato di mitragliatrice ha fatto una strage in un magazzino logistico a Indianapolis. Mentre da Chicago arrivano le inquietanti immagini dell’uccisione senza motivo di Adam Toledo, un 13enne
Sesso, droga & deputati
Sesso, droga & deputati
Emergono dettagli sullo scandalo che ha come protagonista unico il deputato repubblicano della Florida Matt Gaetz, sospettato di avere una passione smodata per le minorenni
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
È quanto ha dichiarato Christopher Wray, direttore dell’FBI, raccontando davanti al Senato di 2.000 indagini collegate a Pechino, una presenza forte, costante e insidiosa
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’ormai ex agente di polizia di Minneapolis che ha ucciso Daunte Wright arrestata e rilasciata su cauzione. Rischia fino a 10 anni di carcere, mentre per la strade la rabbia aumenta
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Si sono dimessi il capo del dipartimento e Km Potter, l’agente che ha ucciso Duane Wright con un colpo di pistola credendo di avere in mano il teaser. Intanto in città cresce la tensione
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo