Trump all’attacco: «Il virus è nato in laboratorio»

| A smentirlo è l’intelligence americana, che ripete di non avere alcuna prova, se non la certezza che il Covid-19 non è frutto di manipolazioni umane

+ Miei preferiti
È una tattica costante della presidenza Trump: spostare qualsiasi colpa o accusa verso un obiettivo diverso per allontanare gli obiettivi dalla figura dell’ex tycoon, specie quando è in difficoltà. L’ultimo tentativo è stato quello di assicurare alla nazione di essere in possesso di prove sufficienti per affermare che il Covid-19 ha avuto origine in un laboratorio di Wuhan. Frasi forti e rischiose, a cui non ha voluto aggiungere altro di fronte alle domande dei giornalisti.

Poche ore prima, gli alti funzionari dell’intelligence affermavano che al momento non esiste alcuna prova certa e che si stanno esplorando due possibilità, ma nessuno è ancora in grado di stabilire se l’epidemia “è stato il risultato di un incidente in un laboratorio a Wuhan” o è iniziata “attraverso il contatto con animali infetti”.

È insolito che l’intelligence commenti pubblicamente il suo lavoro prima di una valutazione formale. La dichiarazione sembra essere arrivata in risposta alle crescenti domande sulle origini del virus, dato che i funzionari dell’amministrazione Trump hanno passato settimane a far circolare ripetutamente la teoria che il virus abbia avuto origine all’interno di un laboratorio cinese.

Nonostante gli avvertimenti degli scienziati e dei professionisti dell’intelligence, il Segretario di Stato Mike Pompeo ha continuato a spingere per avere dettagli precisi sull’origine del virus. Il New York Times è stato il primo a riferire che alcuni alti funzionari dell’amministrazione Trump spingano le agenzie di intelligence statunitensi che indagano sull’origine a “cercare prove” che colleghino il virus a un laboratorio cinese.

Ma mentre sotto le pressioni della Casa Bianca si tenta di arrivare ad una conclusione certa, i funzionari escludono la possibilità che il virus sia stato “creato dall’uomo o geneticamente modificato”, confutando le teorie di cospirazione che continuano a circolare.

Trump è ancora nell’occhio del ciclone sulla sua gestione della pandemia e respinge le indiscrezioni secondo cui gli avvertimenti fossero arrivati sulla sua scrivania fra gennaio e febbraio. Il flebile e tortuoso rapporto di Trump con la comunità dei servizi segreti risale fin i primi giorni della sua presidenza, quando ha messo in discussione le loro valutazioni, in particolare la conclusione che la Russia avesse interferito nelle elezioni presidenziali del 2016.

Trump non ama perdere molto tempo nei briefing giornalieri, preferisce che i funzionari dell’intelligence gli presentino idee politiche piuttosto che informazioni. Ma è una prassi del tutto insolita: normalmente, l’intelligence presenta le informazioni in modo che sia l’amministrazione a fare una scelta politica.

Stati Uniti
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato
Hackerato lo studio legale dei vip americani
Hackerato lo studio legale dei vip americani
I pirati informatici sono riusciti a impossessarsi di 756 GB di dati di diverse celebrità del mondo dello spettacolo, compreso il nome più importante: Donald Trump. Chiesto un riscatto di 42 milioni di dollari: l'FBI indaga
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
È convinto che sia necessario far ripartire l’economia anche mettendo in conto migliaia di morti. Un azzardo che potrebbe portarlo dritto verso la rielezione, o nel baratro
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
Si tratta di un’installazione artistica creata dal regista Eugene Jarecki: mostra in tempo reale quante vite umane si sarebbero potute salvare con una risposta più tempestiva
Saturday Night Virus
Saturday Night Virus
L’ultima follia americana sono i “Covid-party” delle feste in cui persone sane si mescolano ad altre infette, nella speranza di essere contagiate e sviluppare volontariamente l’immunità di gregge