Trump chiede condanne a morte più veloci

| Parlando dei due attentati di El Paso e Dayton, il presidente ha annunciato di aver proposto di snellire gli iter delle pene capitali per chi si macchia di delitti atroci. Nessuna parola sul controllo delle armi

+ Miei preferiti
Quando i conteggi delle vittime di El Paso e Dayton sono diventati ufficiali e in America torna attuale la polemica mai risolta sulle armi da fuoco, Trump ha preso la parola dalla Casa Bianca per dire la propria. Di limitare o diminuire la possibilità di armarsi come Rambo non se ne parla, ma in compenso il presidente confida che starebbe facendo pressioni sul Dipartimento di Giustizia per velocizzare la pena di morte per coloro che si macchiano di crimini d’odio e omicidi di massa: “Dovrebbe arrivare rapidamente, in modo deciso e senza anni di inutili ritardi”. Un’anticipazione delle parole di Trump era arrivata a poche ore dalla strage di El Paso attraverso il procuratore John Bash: “Il Dipartimento di Giustizia sta “considerando seriamente” l’eventualità di introdurre i crimini con armi da fuoco nell’elenco di quelli federali, che prevedono la pena di morte”.

Trump ha definito i due episodi “atti di terrorismo domestico”, aggiungendo che ha invitato l’FBI a dedicare ulteriori risorse per prevenire ulteriori attacchi: “Abbiamo chiesto di cosa hanno bisogno per debellare per sempre atti scellerati come quelli di El Paso e Dayton. Bisogna riconoscere che Internet ha fornito una strada pericolosa per radicalizzare le menti disturbate. Dobbiamo fare luce sugli oscuri recessi del web e fermare gli assassini prima che entrino in azione. Internet è usato per la tratta di esseri umani, la distribuzione illegale di droghe e tanti altri crimini odiosi: i pericoli della rete e dei social media non possono essere ignorati e non lo saranno”.

La sparatoria di sabato a El Paso è almeno la terza atrocità di quest’anno in cui si ritiene che l’assassino abbia utilizzato il discusso forum di messaggistica “8chan” prima dell’attacco. Il sito è molto utilizzato da account anonimi per condividere messaggi estremisti e fare il tifo per i “mass murder”: è zeppo di teorie cospirazionistiche razziste e antisemite. Rimosso da Google Search, ha una media di 35mila visitatori unici al giorno e raccoglie 400mila messaggi a settimana. Le forze dell’ordine di El Paso hanno confermato che stavano indagando su un documento pubblicato su 8chan che ritengono sia stato scritto da Patrick Crusius.

Poche ore prima del discorso di Trump, il presidente  messicano Andrés Manuel López Obrador ha annunciato la seria possibilità che il Messico presenti una denuncia contro gli Stati Uniti per non aver protetto a sufficienza i propri concittadini. “Auspichiamo un rapporto di collaborazione con il governo degli Stati Uniti e deploriamo la perdita di vite umane: fa male per dover contare i morti, di qualsiasi parte del mondo siano originari. Siamo molto rispettosi delle leggi di altri paesi, ma riteniamo che questi episodi dovrebbero essere seguiti dalla decisione di controllare la vendita di armi da fuoco. Non è nostra intenzione commentare le scelte di altri, ma a questo punto sarebbe corretto e urgente ripensare la questione”.

Stati Uniti
Trump e Fauci, separati in casa
Trump e Fauci, separati in casa
Il presidente e il virologo ai ferri corti: oltre a non parlarsi più da tempo, si scambiano frecciatine velenose. In compenso il virus continua a cavalcare indisturbato in tutti gli Stati Uniti
Trump concede la grazia a Roger Stone
Trump concede la grazia a Roger Stone
Consigliere politico di lungo corso dallo stile spietato, è stato graziato da presidente per l’inchiesta sul “Russiagate”. Il 14 luglio sarebbe dovuto entrare in cella per scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
Un ladro da cui la coppia comprava gioielli da donare alle giovani vittime, svela di aver visto materiale video scottante che incastrerebbe celebrità e politici d’alto livello mentre facevano orge con minori
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”