Trump chiede condanne a morte più veloci

| Parlando dei due attentati di El Paso e Dayton, il presidente ha annunciato di aver proposto di snellire gli iter delle pene capitali per chi si macchia di delitti atroci. Nessuna parola sul controllo delle armi

+ Miei preferiti
Quando i conteggi delle vittime di El Paso e Dayton sono diventati ufficiali e in America torna attuale la polemica mai risolta sulle armi da fuoco, Trump ha preso la parola dalla Casa Bianca per dire la propria. Di limitare o diminuire la possibilità di armarsi come Rambo non se ne parla, ma in compenso il presidente confida che starebbe facendo pressioni sul Dipartimento di Giustizia per velocizzare la pena di morte per coloro che si macchiano di crimini d’odio e omicidi di massa: “Dovrebbe arrivare rapidamente, in modo deciso e senza anni di inutili ritardi”. Un’anticipazione delle parole di Trump era arrivata a poche ore dalla strage di El Paso attraverso il procuratore John Bash: “Il Dipartimento di Giustizia sta “considerando seriamente” l’eventualità di introdurre i crimini con armi da fuoco nell’elenco di quelli federali, che prevedono la pena di morte”.

Trump ha definito i due episodi “atti di terrorismo domestico”, aggiungendo che ha invitato l’FBI a dedicare ulteriori risorse per prevenire ulteriori attacchi: “Abbiamo chiesto di cosa hanno bisogno per debellare per sempre atti scellerati come quelli di El Paso e Dayton. Bisogna riconoscere che Internet ha fornito una strada pericolosa per radicalizzare le menti disturbate. Dobbiamo fare luce sugli oscuri recessi del web e fermare gli assassini prima che entrino in azione. Internet è usato per la tratta di esseri umani, la distribuzione illegale di droghe e tanti altri crimini odiosi: i pericoli della rete e dei social media non possono essere ignorati e non lo saranno”.

La sparatoria di sabato a El Paso è almeno la terza atrocità di quest’anno in cui si ritiene che l’assassino abbia utilizzato il discusso forum di messaggistica “8chan” prima dell’attacco. Il sito è molto utilizzato da account anonimi per condividere messaggi estremisti e fare il tifo per i “mass murder”: è zeppo di teorie cospirazionistiche razziste e antisemite. Rimosso da Google Search, ha una media di 35mila visitatori unici al giorno e raccoglie 400mila messaggi a settimana. Le forze dell’ordine di El Paso hanno confermato che stavano indagando su un documento pubblicato su 8chan che ritengono sia stato scritto da Patrick Crusius.

Poche ore prima del discorso di Trump, il presidente  messicano Andrés Manuel López Obrador ha annunciato la seria possibilità che il Messico presenti una denuncia contro gli Stati Uniti per non aver protetto a sufficienza i propri concittadini. “Auspichiamo un rapporto di collaborazione con il governo degli Stati Uniti e deploriamo la perdita di vite umane: fa male per dover contare i morti, di qualsiasi parte del mondo siano originari. Siamo molto rispettosi delle leggi di altri paesi, ma riteniamo che questi episodi dovrebbero essere seguiti dalla decisione di controllare la vendita di armi da fuoco. Non è nostra intenzione commentare le scelte di altri, ma a questo punto sarebbe corretto e urgente ripensare la questione”.

Stati Uniti
Trump lancia un nuovo canale social
Trump lancia un nuovo canale social
Non è ancora quello che aveva in mente, ma più un sito canale diretto fra l’ex presidente e i suoi sostenitori. Nelle stesse ore, Facebook si riunisce per decidere se togliere l’embargo
Bill e Melinda si dicono addio
Bill e Melinda si dicono addio
I Gates, la coppia di miliardari filantropi, si è rotta: l’ha annunciato Bill con poche parole su Twitter. Ignoti i motivi della rottura, anche se si mormora sia stata lei a volere la separazione
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
Affetto da disturbi mentali, per anni è stato costretto a lavorare senza paga, picchiato e maltrattato dal titolare di una caffetteria. Ora la giustizia impone che gli venga restituito più di quanto avrebbe guadagnato
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
L’improvvisa perquisizione da parte dell’FBI dell’appartamento e degli uffici di Rudy Giuliani ha messo in allarme la rete dei collaboratori dell’ex presidente. Secondo molti, è iniziata la resa dei conti
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
Diverse grandi aziende offrono premi in denaro per i propri dipendenti, mentre stati come il West Virginia regala buoni in denaro. L’obiettivo è convincere milioni di no-vax e recalcitranti
I primi 100 giorni di Joe
I primi 100 giorni di Joe
Il presidente Biden parla al Paese promettendo di risollevare gli americani “abbandonati e dimenticati”: getta le basi per un’ambiziosa agenda economica e chiede la riforma della polizia e più divieti sulle armi
Altre due vittime della polizia americana
Altre due vittime della polizia americana
Mario Gonzalez soffocato come George Floyd, Andrew Brown Jr crivellato di colpi mentre tentava di sfuggire all’arresto. Si temono nuove ondate di proteste
Tre mesi all’inizio del processo contro Ghislaine Maxwell
Tre mesi all’inizio del processo contro Ghislaine Maxwell
L’ex socialite britannica è apparsa in tribunale per una nuova accusa, mentre i suoi legali querelano la casa editrice che ha pubblicato un nuovo libro sulla vicenda, e i media riaccendono le luci sull’amicizia con Bill Clinton
Caitlyn Jenner si candida a governatore della California
Caitlyn Jenner si candida a governatore della California
Il transgender più famoso del mondo, padre delle sorelle Jenner e patrigno delle Kardashian, scende in campo come repubblicano moderato per restituire al “Golden State” quanto lei stessa ha avuto
Derek Chauvin rischia fino a 75 anni di galera
Derek Chauvin rischia fino a 75 anni di galera
Sarebbe il massimo della pena per ognuno dei tre reati legati alla morte di George Floyd, ma si tratta di un soggetto senza precedenti penali, per cui il giudice potrebbe essere più clemente