Trump chiude l’America

| Viaggi da e verso gli Stati Uniti bloccati per un mese e misure per sostenere la contrazione economica dovuta all’epidemia. Malgrado questo, secondo gli analisti il presidente continua a non essere convinto che l’America rischia un’ecatombe

+ Miei preferiti
Nella sua ormai consueta visione distorta della realtà, Donald Trump ha finalmente ammesso l’esistenza del pericolo coronavirus: un passo in avanti per l’America, anche se considerato del tutto tardivo, che sul medio periodo potrebbe costargli la rielezione e, secondo diversi esperti, causare una vera ecatombe negli Stati Uniti, alle prese con tamponi riservati a chi può permetterseli. È il caso di Tom Hanks e sua moglie Rita Wilson, che attraverso il profilo Instagram hanno annunciato di essere risultati postivi ai test mentre si trovavano in viaggio in Australia dopo aver accusato sintomi come “stanchezza, dolori, brividi e una leggere febbre”.



Trump, prendendo di petto la situazione, ha subito trovato il modo di gettare sugli altri le colpe dell’epidemia, lanciando anatemi contro l’Europa (non l’aveva fatto nei confronti della Cina), ordinando la chiusura completa dei voli da e verso gli Stati Uniti dai 27 paesi UE. L’esclusione della Gran Bretagna spiega che, ancora una volta, si tratta di una manovra politica e di quell’arte di cui si considera un vero maestro: sfruttare qualsiasi cosa a proprio vantaggio.

L’America, secondo molti, sta lentamente iniziando a capire di essere sull’orlo di una crisi sanitaria senza precedenti che potrebbe inghiottire la presidenza Trump, ma nel frattempo si è già fatta sentire pesantemente causando turbolenze sui mercati globali e sconvolgendo la vita quotidiana di milioni di persone.

In un discorso in prima serata dello Studio Ovale, che voleva rispondere alle critiche per aver preso la questione troppo alla leggera, Trump ha ordinato la sospensione di “tutti i viaggi dall’Europa agli Stati Uniti per i prossimi 30 giorni”. Subito dopo, i funzionari della Casa Bianca –abituati a dover mettere una pezza – hanno chiarito che non si tratta di una misura così drastica come dichiarato: il divieto si applica solo ai cittadini stranieri e non agli  americani che sono stati controllati prima di entrare nel Paese. Trump è stato anche costretto a chiarire che non intende bloccare le merci provenienti dall’Europa, malgrado avesse appena dichiarato che “sarà applicato all’enorme quantità di scambi e di merci” attraverso l’Atlantico.

Pur di non rinnegare se stesso, Trump ha scelto di inquadrare l'epidemia come un “virus straniero” che si sta diffondendo sulle coste americane, quindi ha elencato diverse mosse che secondo il suo parere contribuiranno ad attenuarne l’impatto economico.

Ma i tentativi di attribuire la diffusione dell’epidemia ad altri erano inequivocabili: “Abbiamo visto meno casi di virus negli Stati Uniti di quanti ne siano ora presenti in Europa. L’Unione Europea non è riuscita a prendere le stesse precauzioni e a limitare i viaggi dalla Cina e da altri punti caldi, di conseguenza, un gran numero di nuovi cluster negli Stati Uniti sono stati seminati da viaggiatori provenienti dall’Europa”.

Una nota del Dipartimento di Sicurezza Nazionale ha chiarito il divieto non si applica a tutta l’Europa, ma ai Paesi dell’area Schengen: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Svizzera.

“Siamo in un momento critico nella lotta contro il virus. Abbiamo fatto arginato il virus proveniente dalla Cina, ora dobbiamo fare lo stesso con l’Europa, e non esiteremo, non esiterò mai a prendere le misure necessarie per proteggere la vita, la salute e la sicurezza del popolo americano. Metterò sempre il benessere dell’America al primo posto”.

Malgrado il discorso, molti analisti politici continuano a chiedersi quanto Trump stia seriamente stia prendendo la crisi: tutto appare come un più ampio sforzo della Casa Bianca per smorzare le critiche all’apparente nonchalance nei confronti del problema. Dopo aver ripetuto per giorni di voler procedere con il suo programma, malgrado gli avvertimenti dei funzionari sanitari, la Casa Bianca ha annunciato la sospensione del viaggio presidenziale previsto per un evento politico a Milwaukee alla fine di questo mese.

Da quel momento, la Casa Bianca sta già proponendo al Congresso alcune misure di soccorso economico per mitigare l’effetto economico del coronavirus: l’emergere dell’epidemia ha turbato le catene di fornitura globali, ha innescato l’annullamento di importanti conferenze ed eventi pubblici e ha portato le aziende a mettere in atto politiche di emergenza per il lavoro a domicilio. Misure che hanno rallentamento l’attività economica paventando lo spettro di una recessione globale.

Galleria fotografica
Trump chiude l’America - immagine 1
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti