Trump chiude l’America

| Viaggi da e verso gli Stati Uniti bloccati per un mese e misure per sostenere la contrazione economica dovuta all’epidemia. Malgrado questo, secondo gli analisti il presidente continua a non essere convinto che l’America rischia un’ecatombe

+ Miei preferiti
Nella sua ormai consueta visione distorta della realtà, Donald Trump ha finalmente ammesso l’esistenza del pericolo coronavirus: un passo in avanti per l’America, anche se considerato del tutto tardivo, che sul medio periodo potrebbe costargli la rielezione e, secondo diversi esperti, causare una vera ecatombe negli Stati Uniti, alle prese con tamponi riservati a chi può permetterseli. È il caso di Tom Hanks e sua moglie Rita Wilson, che attraverso il profilo Instagram hanno annunciato di essere risultati postivi ai test mentre si trovavano in viaggio in Australia dopo aver accusato sintomi come “stanchezza, dolori, brividi e una leggere febbre”.



Trump, prendendo di petto la situazione, ha subito trovato il modo di gettare sugli altri le colpe dell’epidemia, lanciando anatemi contro l’Europa (non l’aveva fatto nei confronti della Cina), ordinando la chiusura completa dei voli da e verso gli Stati Uniti dai 27 paesi UE. L’esclusione della Gran Bretagna spiega che, ancora una volta, si tratta di una manovra politica e di quell’arte di cui si considera un vero maestro: sfruttare qualsiasi cosa a proprio vantaggio.

L’America, secondo molti, sta lentamente iniziando a capire di essere sull’orlo di una crisi sanitaria senza precedenti che potrebbe inghiottire la presidenza Trump, ma nel frattempo si è già fatta sentire pesantemente causando turbolenze sui mercati globali e sconvolgendo la vita quotidiana di milioni di persone.

In un discorso in prima serata dello Studio Ovale, che voleva rispondere alle critiche per aver preso la questione troppo alla leggera, Trump ha ordinato la sospensione di “tutti i viaggi dall’Europa agli Stati Uniti per i prossimi 30 giorni”. Subito dopo, i funzionari della Casa Bianca –abituati a dover mettere una pezza – hanno chiarito che non si tratta di una misura così drastica come dichiarato: il divieto si applica solo ai cittadini stranieri e non agli  americani che sono stati controllati prima di entrare nel Paese. Trump è stato anche costretto a chiarire che non intende bloccare le merci provenienti dall’Europa, malgrado avesse appena dichiarato che “sarà applicato all’enorme quantità di scambi e di merci” attraverso l’Atlantico.

Pur di non rinnegare se stesso, Trump ha scelto di inquadrare l'epidemia come un “virus straniero” che si sta diffondendo sulle coste americane, quindi ha elencato diverse mosse che secondo il suo parere contribuiranno ad attenuarne l’impatto economico.

Ma i tentativi di attribuire la diffusione dell’epidemia ad altri erano inequivocabili: “Abbiamo visto meno casi di virus negli Stati Uniti di quanti ne siano ora presenti in Europa. L’Unione Europea non è riuscita a prendere le stesse precauzioni e a limitare i viaggi dalla Cina e da altri punti caldi, di conseguenza, un gran numero di nuovi cluster negli Stati Uniti sono stati seminati da viaggiatori provenienti dall’Europa”.

Una nota del Dipartimento di Sicurezza Nazionale ha chiarito il divieto non si applica a tutta l’Europa, ma ai Paesi dell’area Schengen: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Norvegia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Svizzera.

“Siamo in un momento critico nella lotta contro il virus. Abbiamo fatto arginato il virus proveniente dalla Cina, ora dobbiamo fare lo stesso con l’Europa, e non esiteremo, non esiterò mai a prendere le misure necessarie per proteggere la vita, la salute e la sicurezza del popolo americano. Metterò sempre il benessere dell’America al primo posto”.

Malgrado il discorso, molti analisti politici continuano a chiedersi quanto Trump stia seriamente stia prendendo la crisi: tutto appare come un più ampio sforzo della Casa Bianca per smorzare le critiche all’apparente nonchalance nei confronti del problema. Dopo aver ripetuto per giorni di voler procedere con il suo programma, malgrado gli avvertimenti dei funzionari sanitari, la Casa Bianca ha annunciato la sospensione del viaggio presidenziale previsto per un evento politico a Milwaukee alla fine di questo mese.

Da quel momento, la Casa Bianca sta già proponendo al Congresso alcune misure di soccorso economico per mitigare l’effetto economico del coronavirus: l’emergere dell’epidemia ha turbato le catene di fornitura globali, ha innescato l’annullamento di importanti conferenze ed eventi pubblici e ha portato le aziende a mettere in atto politiche di emergenza per il lavoro a domicilio. Misure che hanno rallentamento l’attività economica paventando lo spettro di una recessione globale.

Galleria fotografica
Trump chiude l’America - immagine 1
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda