Trump dichiara guerra a Huawei

| Il colosso cinese inserito nella black list: fare business e accordi con le aziende americani sarà molto più complicato. La reazione della Cina

+ Miei preferiti
Dopo il botta e risposta dei nuovi dazi con la Cina che hanno scosso i mercati mondiali, Donald Trump torna all’attacco: questa volta gli strali presidenziali puntano dritti contro “Huawei”, il colosso cinese delle telecomunicazioni da tempo accusato di spionaggio occulto. Appellandosi all’International Emergency Powers Act, norma che concede al presidente la facoltà di intervenire in presenza di un’emergenza nazionale, Trump ha messo la firma sull’ordine esecutivo che inserisce Huawei e altre 70 società affiliate nella “Entity List” del Bureau of Industry and Security, una sorta di “black list” che riduce non poco il raggio d’azione di chi ci finisce dentro. “Siamo in lite con la Cina perché per molti decenni siamo stati trattati ingiustamente. Avremmo dovuto gestire la faccenda molto tempo fa, ma non è stato fatto: lo faremo ora. Perdiamo da 300 a 500 miliardi di dollari all’anno per questioni commerciali con la Cina. Il rapporto con il presidente Xi è straordinario, ma lui lavora per la Cina e io per gli Stati Uniti: è molto semplice. Siamo come un salvadanaio di cui tutti pensano di poter approfittare”, ha commentato il presidente.

Di fatto, entro sei mesi, per il colosso cinese diventerà estremamente difficile acquistare componenti dalle società americane: altri colossi come Intel, Qualcomm, Micron, Seagate, Western Digital e Broadcom. Wilbur Ross, ministro del commercio statunitense, è stato chiaro: “Impedire che la tecnologia americana sia utilizzata da entità straniere in modo da minare la sicurezza nazionale o gli interessi di politica estera”.

Immediata la reazione di Huawei, che attraverso le parole di Ren Zhengfei, fondatore nonché padre di Meng Wanzhou, la manager agli arresti domiciliari in Canada in attesa di estradizione, ha bollato come “Irragionevoli e lesive dei diritti” le nuove norme: “Limitare le nostre possibilità di business in America non solo non renderà gli Usa più forti e più sicuri, ma renderà più costose le alternative per gli americani. Questo senza contare che le irragionevoli restrizioni violano i diritti di Huawei e sollevano questioni legali”.

Un sospiro di sollievo l’hanno invece tirato i mercati all’annuncio di un nuovo rinvio del ritocco dei dazi del 25% contro auto e componentistica europea. Una mossa che tende a non complicare i prossimi negoziati commerciali fra Washington e Bruxelles.

Stati Uniti
120 anni di carcere
per il guru della setta «NXIVM»
120 anni di carcere<br>per il guru della setta «NXIVM»
Keith Raniere condannato per una lunga serie di reati che comprendevano la riduzione in schiavitù. Nella rete piramidale anche diverse ereditiere e star di Hollywood
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
Una vittoria di Trump:
Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump:<br>Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
NFAC, le milizie nere
che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere<br>che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni