Trump dichiara guerra a Huawei

| Il colosso cinese inserito nella black list: fare business e accordi con le aziende americani sarà molto più complicato. La reazione della Cina

+ Miei preferiti
Dopo il botta e risposta dei nuovi dazi con la Cina che hanno scosso i mercati mondiali, Donald Trump torna all’attacco: questa volta gli strali presidenziali puntano dritti contro “Huawei”, il colosso cinese delle telecomunicazioni da tempo accusato di spionaggio occulto. Appellandosi all’International Emergency Powers Act, norma che concede al presidente la facoltà di intervenire in presenza di un’emergenza nazionale, Trump ha messo la firma sull’ordine esecutivo che inserisce Huawei e altre 70 società affiliate nella “Entity List” del Bureau of Industry and Security, una sorta di “black list” che riduce non poco il raggio d’azione di chi ci finisce dentro. “Siamo in lite con la Cina perché per molti decenni siamo stati trattati ingiustamente. Avremmo dovuto gestire la faccenda molto tempo fa, ma non è stato fatto: lo faremo ora. Perdiamo da 300 a 500 miliardi di dollari all’anno per questioni commerciali con la Cina. Il rapporto con il presidente Xi è straordinario, ma lui lavora per la Cina e io per gli Stati Uniti: è molto semplice. Siamo come un salvadanaio di cui tutti pensano di poter approfittare”, ha commentato il presidente.

Di fatto, entro sei mesi, per il colosso cinese diventerà estremamente difficile acquistare componenti dalle società americane: altri colossi come Intel, Qualcomm, Micron, Seagate, Western Digital e Broadcom. Wilbur Ross, ministro del commercio statunitense, è stato chiaro: “Impedire che la tecnologia americana sia utilizzata da entità straniere in modo da minare la sicurezza nazionale o gli interessi di politica estera”.

Immediata la reazione di Huawei, che attraverso le parole di Ren Zhengfei, fondatore nonché padre di Meng Wanzhou, la manager agli arresti domiciliari in Canada in attesa di estradizione, ha bollato come “Irragionevoli e lesive dei diritti” le nuove norme: “Limitare le nostre possibilità di business in America non solo non renderà gli Usa più forti e più sicuri, ma renderà più costose le alternative per gli americani. Questo senza contare che le irragionevoli restrizioni violano i diritti di Huawei e sollevano questioni legali”.

Un sospiro di sollievo l’hanno invece tirato i mercati all’annuncio di un nuovo rinvio del ritocco dei dazi del 25% contro auto e componentistica europea. Una mossa che tende a non complicare i prossimi negoziati commerciali fra Washington e Bruxelles.

Stati Uniti
Sparatoria alla Casa Bianca
Sparatoria alla Casa Bianca
La sicurezza avrebbe aperto il fuoco contro un uomo armato che si avvicinava ai cancelli ignorando gli avvisi. Trump portato la sicuro dai servizi segreti
Trump voleva un posto sul Mount Rushmore
Trump voleva un posto sul Mount Rushmore
Uno scoop del NYT svela le manovre del presidente e della Casa Bianca per aggiungere il volto di Trump a quelli dei padri della patria
Sempre più americani rinunciano alla cittadinanza
Sempre più americani rinunciano alla cittadinanza
Secondo uno studio demografico, un numero record di persone sta rinunciando alla cittadinanza statunitense. Fra i motivi le politiche di Trump e le tasse troppo elevate
Le previsioni del professore: vincerà Biden
Le previsioni del professore: vincerà Biden
Dal 1984, Allan Lichtman non sbaglia un risultato elettorale. Tutto secondo lui si basa sulle 13 chiavi che bisogna conquistare per conquistare la Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso