Trump e Fauci, separati in casa

| Il presidente e il virologo ai ferri corti: oltre a non parlarsi più da tempo, si scambiano frecciatine velenose. In compenso il virus continua a cavalcare indisturbato in tutti gli Stati Uniti

+ Miei preferiti
Secondo voci di corridoio che circolano alla Casa Bianca, i rapporti fra Donald Trump e Anthony Fauci avrebbero toccato il minimo storico. I due non si rivolgono la parola ormai da due mesi, lanciandosi frecciate reciproche.

La convivenza fra il bizzoso presidente americano e il virologo a capo della task force presidenziale per combattere la pandemia non è mai stata delle più semplici, fin dall’inizio. Fauci, esperto di livello mondiale che dalla metà degli anni Ottanta guida il “National Institute of Allergy and Infectious Diseases” è stato fra i consiglieri più stretti di quasi tutti i predecessori di Trump, ma con nessuno aveva mai avuto simili difficoltà. Le paradossali uscite di Trump dei mesi in cui gli Stati Uniti sono diventati ostaggio del coronavirus hanno irrigidito le posizioni del medico, che dall’alto della sua esperienza ha sempre tentato di portare i discorsi sul fronte scientifico. E la fretta di riavviare l’economia americana, una delle carte della campagna elettorale di Trump, si sono scontrate con il parere del tutto negativo di Fauci, che spesso usa delle metafore per spiegare la propria posizione: “Siamo come il Titanic che punta dritto verso l’iceberg”.

I due, dicono a Washington, non hanno mai condiviso l’approccio al Covid-19: per Trump è sempre stata “un’influenza sopravvalutata in cui il 99% degli infetti guarisce”, mentre Fauci ribatte acido “non so dove abbia preso quei dati, ma non rappresentano la realtà”. E ancora: “L’America è a buon punto nella lotta al virus”, frase ancora una svolta smentita di tutto punto: “Siamo immersi fino alle ginocchia nel problema”. Una delle ultime, quando Trump ha iniziato a premere per la riapertura delle scuole, idea che Fauci ha subito azzoppato: “Si rischia una tempesta perfetta”.

Le crepe nel rapporto sono iniziate lo scorso aprile, quando nel corso di un’intervista Fauci ha ammesso che “se il governo avesse fatto di più, invece di ignorare la minaccia, si sarebbero potute salvare migliaia di vite”. Una frase che Trump ha mandato giù con grande fatica, costata al virologo la quasi totale scomparsa dai briefing con la stampa.

Al momento, con 3,1 milioni di positivi al coronavirus e 134mila morti, l’America resta al primo posto fra i Paesi più colpiti dal Covid-19. Alcuni stati stanno per dichiarare nuovamente il lockdown, mentre diversi Paesi europei (Italia compresa) hanno chiuso le frontiere ai viaggiatori provenienti dagli Stati Uniti. Fauci si è detto d’accordo, Trump invece ha storto il naso.

Stati Uniti
La Russia al lavoro per Trump,
Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump,<br>Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo