Trump, è impeachment

| Con larga maggioranza, la Camera ha votato la messa in stato di accusa del presidente: ma a gennaio la parola passa al Senato, dove facilmente la situazione si ribalterà

+ Miei preferiti
L’obiettivo di Donald Trump, entrare per sempre nei libri della storia americana è stato raggiunto nella notte italiana, quando dopo ore di discussioni, la Camera ha approvato a larga maggioranza la sua messa in stato d’accusa: l’impeachment. A dare il via alla giornata decisamente pesante Nancy Pelosi con un’arringa in cui aveva esortato la Camera aprendo “solennemente e tristemente i lavori”, consapevole che “il presidente non ci ha lasciato altra scelta”. A inchiodare l’ex tycoon 230 voti a favore contro 197 contrari per il primo dei due articoli, l’abuso di potere per le pressioni al presidente ucraino Zelensky perché aprisse un’inchiesta sui Biden, mentre il secondo, ostruzione e intralcio all’inchiesta della Camera, si è chiuso con 229 sì e 198 no. Ovvero, come da previsione, i voti di tutti i Dem e di tutti i Repubblicani, a cui aggiungere tre transfughi Democratici in odore di cambio di casacca.

Trump si assicura un posto nella storia come terzo presidente americano a cui spetta il disonore della messa in stato di accusa: prima di lui Andrew Johnson, nel lontano 1868, e Bill Clinton nel 1998. Sarebbe toccato anche a Richard Nixon per il “Watergate” se non avesse scelto di dimettersi prima del voto.

Altissime le probabilità che a gennaio, quando la questione passerà al Senato, l’impeachment sarà destinato a sciogliersi come neve al sole, vista la netta prevalenza Repubblicana, ma la macchia scura è di quelle che restano, e sicuramente avrà un peso nella campagna elettorale. È proprio al Senato che si gioca anche l’intenzione di Nancy Pelosi di ritardare l’invio del fascicolo con i capi d’imputazione, fin quando non avrà certezze di un processo equo e non di parte.

La reazione della Casa Bianca non si fa attendere: “Il presidente non ha fatto nulla di male, è una caccia alle streghe, un colpo di stato”. Lapidario Michael Bloomberg: “La Camera dei rappresentanti ha fatto il suo dovere costituzionale. Sfortunatamente sembra sempre più evidente che il Senato non lo farà. Questa questione non sarà risolta fino al prossimo novembre, direttamente dal voto del popolo americano”.

A proposito: una parte sostanziosa di americani per ore ha inscenato una rumorosa protesta davanti a Capitol Hill, chiedendo a gran voce l’impeachment per Trump, accusato di essere un delinquente. Ma secondo un recente sondaggio della “Galup” non sembra che il resto degli americani la pensi così: Trump sarebbe al 45% di gradimento contro il 39 di quando è iniziata l’indagine.

Galleria fotografica
Trump, è impeachment - immagine 1
Trump, è impeachment - immagine 2
Trump, è impeachment - immagine 3
Stati Uniti
L’era Trump si chiude
con un’inchiesta per tangenti
L’era Trump si chiude<br>con un’inchiesta per tangenti
Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Consigliere di Trump per la pandemia dallo scorso agosto, si è sempre detto favorevole all’immunità di gregge rifiutando tutto il resto. La comunità scientifica americana soddisfatta per le dimissioni
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden