“Trump è un dittatore che va rimosso”

| Con l’appello finale dei Dem si è conclusa la prima fase dell’impeachment: la parola passa ai Repubblicani che contano di assolvere il presidente entro la fine della prossima settimana

+ Miei preferiti
È Adam Schiff, il deputato Dem che guidare l’accusa nel processo di impeachment del presidente Trump, a lanciare l’appello finale dopo tre giorni di discussioni: “Date all’America in processo equo”.

In 67 minuti, Schiff ha sostenuto energicamente che Donald Trump ha abusato dei propri poteri e ostacolato le indagini del Congresso, esortando i senatori a trovare il coraggio di andare contro quella che potrebbe essere l’opinione degli stati che rappresentano. “Una delle cose che noi comprendiamo è che il vero coraggio politico non deriva dal disaccordo con i nostri avversari, ma da quello con gli amici e con il nostro partito”. Ma dopo tre giorni fonti repubblicane si dicono fiduciose di poter sconfiggere la mozione che chiede la possibilità di aggiungere nuovi testimoni e documenti.

La Casa Bianca e il leader della maggioranza del Senato Mitch McConnell hanno gettato le basi per bloccare tutto: se così fosse, il Senato potrebbe procedere all’assoluzione di Trump entro la fine della prossima settimana.

I dirigenti della Camera hanno usato video, citazioni e tweet di Trump per sostenere le accuse, compresi gli attacchi del Presidente contro i testimoni che hanno deposto durante l’inchiesta. “La campagna di intimidazione dei testimoni messa in atto dal Presidente Trump è riprovevole, svilisce la presidenza e fa parte del suo sforzo per ostacolare l’inchiesta sull’impeachment”, ha dichiarato il deputato Val Demings.

Il presidente della magistratura della Camera Jerry Nadler, democratico di New York, ha concluso la sua presentazione definendo Trump un “dittatore”: “Se gli sarà permesso di sfidare il Congresso dimostrando che i mandati di comparizione in un’inchiesta di impeachment sono una sciocchezza, allora avremo perso tutti. Sarebbe la sublimazione del delirio di onnipotenza di Trump, che capirebbe di non dover più rendere conto a niente e nessuno”.

Un documento audio registrato di nascosto, in cui si sente Trump chiedere la rimozione dell’ex ambasciatrice americana in Ucraina Marie Yovanovitch, è stato consegnato dai legali di Lev Parnas, ex socio di Rudolph Giuliani, alla commissione di intelligence della Camera.

Nei consueti tweet e soprattutto in un’intervista rilasciata a “Fox News”, Trump ha bollato l’inchiesta come la solita “caccia alle streghe”, motivando il tutto come un “tentativo dei Dem di vincere le prossime elezioni”.

Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti