“Trump è un dittatore che va rimosso”

| Con l’appello finale dei Dem si è conclusa la prima fase dell’impeachment: la parola passa ai Repubblicani che contano di assolvere il presidente entro la fine della prossima settimana

+ Miei preferiti
È Adam Schiff, il deputato Dem che guidare l’accusa nel processo di impeachment del presidente Trump, a lanciare l’appello finale dopo tre giorni di discussioni: “Date all’America in processo equo”.

In 67 minuti, Schiff ha sostenuto energicamente che Donald Trump ha abusato dei propri poteri e ostacolato le indagini del Congresso, esortando i senatori a trovare il coraggio di andare contro quella che potrebbe essere l’opinione degli stati che rappresentano. “Una delle cose che noi comprendiamo è che il vero coraggio politico non deriva dal disaccordo con i nostri avversari, ma da quello con gli amici e con il nostro partito”. Ma dopo tre giorni fonti repubblicane si dicono fiduciose di poter sconfiggere la mozione che chiede la possibilità di aggiungere nuovi testimoni e documenti.

La Casa Bianca e il leader della maggioranza del Senato Mitch McConnell hanno gettato le basi per bloccare tutto: se così fosse, il Senato potrebbe procedere all’assoluzione di Trump entro la fine della prossima settimana.

I dirigenti della Camera hanno usato video, citazioni e tweet di Trump per sostenere le accuse, compresi gli attacchi del Presidente contro i testimoni che hanno deposto durante l’inchiesta. “La campagna di intimidazione dei testimoni messa in atto dal Presidente Trump è riprovevole, svilisce la presidenza e fa parte del suo sforzo per ostacolare l’inchiesta sull’impeachment”, ha dichiarato il deputato Val Demings.

Il presidente della magistratura della Camera Jerry Nadler, democratico di New York, ha concluso la sua presentazione definendo Trump un “dittatore”: “Se gli sarà permesso di sfidare il Congresso dimostrando che i mandati di comparizione in un’inchiesta di impeachment sono una sciocchezza, allora avremo perso tutti. Sarebbe la sublimazione del delirio di onnipotenza di Trump, che capirebbe di non dover più rendere conto a niente e nessuno”.

Un documento audio registrato di nascosto, in cui si sente Trump chiedere la rimozione dell’ex ambasciatrice americana in Ucraina Marie Yovanovitch, è stato consegnato dai legali di Lev Parnas, ex socio di Rudolph Giuliani, alla commissione di intelligence della Camera.

Nei consueti tweet e soprattutto in un’intervista rilasciata a “Fox News”, Trump ha bollato l’inchiesta come la solita “caccia alle streghe”, motivando il tutto come un “tentativo dei Dem di vincere le prossime elezioni”.

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa