Trump evita l’impeachment

| La camera boccia la richiesta di messa in stato d’accusa per i tweet contro le quattro deputate di colore. Entusiasmo del presidente, ma i Dem replicano: è solo rinviata

+ Miei preferiti
Donald canta vittoria, la Camera – ampiamente sotto il contro democratico – vota il rinvio la risoluzione per avviare la procedura di impeachment contro di lui. Una vittoria sonora dettata dai numeri: 332 voti a favore contro appena 95. Nancy Pelosi, la speaker della camera, spiega che la risoluzione – presentata da Al Green – è stata bocciata non per salvare Trump, ma per lasciare spazio alle sei commissioni parlamentari che indagano sul suo conto. Sprezzante, come sempre, il commento di Trump durante un comizio a Greenville, in North Carolina: “È forse il progetto più ridicolo e inutile a cui abbia dovuto lavorare. L’impeachment del presidente che ha portato il più grande boom economico nella storia americana, i migliori numeri sull’occupazione, la maggiore riduzione fiscale, la ricostruzione dell’esercito e molto altro, è finito. Nei miei primi due anni e mezzo ho fatto più di qualunque altro presidente, immaginate cosa avrei potuto fare senza questa perdita di tempo”. Per poi affondare contro Ilhan Omar, deputata di origine somala, accusata velatamente di sostenere le organizzazioni terroristiche: parole che hanno accesso la folla, scatenando il coro “mandala via”.

L’accusa, gli ormai famigerati tweet con cui il presidente ha gettato fango sulle quattro deputate Dem di colore, invitate a tornarsene nei loro paesi d’origine, dilaniati da guerre e corruzioni. 

Una vittoria che è comunque il presentimento di un equilibrio che si è rotto e che potrebbe portare presto alla richiesta di messa in stato di accusa: è la prima volta che si arriva al voto per decidere l’impeachment, non sarà l’ultima, si mormora a Washington. Anche perché, fa notare la Pelosi, tecnicamente si parla di rinvio, e di un caso che riguarda soltanto i tweet razzisti.

Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”