Trump: “Il meglio deve ancora venire”

| Nel discorso sullo Stato dell’Unione, il presidente ricorda i successi, illustra i tavoli su cui è al lavoro e snobba i Dem, che schiumano rabbia per l’impeachment ormai quasi fallito

+ Miei preferiti
Alla vigilia del voto sull’impeachment, nell’anno che porta alle presidenziali, Donald Trump gonfia il petto nel terzo discorso del suo mandato sullo Stato dell’Unione. Lo show nello show è il rifiuto a stringere la mano alla speaker della camera, Nancy Pelosi, che vestita di bianco per protesta come tutte le donne Dem, vistosamente strappa la copia del discorso affidando ad una smorfia il proprio disappunto, mentre dall’aula si leva il coro “4 more years”, ancora quattro anni. Non è finita: la presenza di Juan Guaidò, il leader dell’opposizione venezuelana, è un altro dei colpi di scena preparati con cura dal suo staff per mandare in scena un trionfo, proprio nei giorni in cui i Dem ancora lottano sul filo dei voti per capire chi sarà il loro candidato.

Trump parla per 90 minuti davanti ad un Senato diviso in due come non mai, gonfio dalla netta sensazione di aver superato ormai anche l’impeachment, e tocca tutti i temi sul tavolo: la “Nato”, i progetti spaziali, la lotta al terrorismo, l’immigrazione, l’Iran e il nucleare, l’Afghanistan. Poi ricorda quanto ottenuto in quattro anni: “Il grande ritorno dell’America, con i mercati azionari sono cresciuti del 70%, aggiungendo 12mila miliardi alla ricchezza del nostro Paese. È un record: il mondo ci guarda e ci ammira”. Non perde occasione per criticare le “politiche fallimentari” di Obama, e alla fine promette: “Il meglio deve ancora venire”.

Articoli correlati
Stati Uniti
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili
Disastro aereo sfiorato a Denver
Disastro aereo sfiorato a Denver
Esplode uno dei motori di un Boeing in fase di decollo, seminando detriti metallici in una zona abitata. Nessuna conseguenza per le 241 persone a bordo
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
Il quotatissimo Ted Cruz paparazzato con la famiglia mentre partiva per una vacanza in Messico. Travolto dalle critiche è rientrato di corsa, ma la sua carriera potrebbe finire qui
Il Texas in ginocchio
Il Texas in ginocchio
Milioni di persone bloccate senza luce e acqua, mentre si registrano le prime carenze di cibo. Il presidente Biden ha chiesto lo stato di emergenza
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Il più anziano e longevo ergastolano di tuta l’America è tornato ad essere un uomo libero. Aveva rifiutato per tre volte la libertà condizionata
Trump all’attacco dei repubblicani
Trump all’attacco dei repubblicani
L’ex presidente è tornato a far sentire la propria voce, dando di fatto il via alla resa dei conti in casa repubblicana. Nel mirino chi ha votato perché fosse condannato e il leader McConnell, “un cupo scribacchino”