Trump: “Il meglio deve ancora venire”

| Nel discorso sullo Stato dell’Unione, il presidente ricorda i successi, illustra i tavoli su cui è al lavoro e snobba i Dem, che schiumano rabbia per l’impeachment ormai quasi fallito

+ Miei preferiti
Alla vigilia del voto sull’impeachment, nell’anno che porta alle presidenziali, Donald Trump gonfia il petto nel terzo discorso del suo mandato sullo Stato dell’Unione. Lo show nello show è il rifiuto a stringere la mano alla speaker della camera, Nancy Pelosi, che vestita di bianco per protesta come tutte le donne Dem, vistosamente strappa la copia del discorso affidando ad una smorfia il proprio disappunto, mentre dall’aula si leva il coro “4 more years”, ancora quattro anni. Non è finita: la presenza di Juan Guaidò, il leader dell’opposizione venezuelana, è un altro dei colpi di scena preparati con cura dal suo staff per mandare in scena un trionfo, proprio nei giorni in cui i Dem ancora lottano sul filo dei voti per capire chi sarà il loro candidato.

Trump parla per 90 minuti davanti ad un Senato diviso in due come non mai, gonfio dalla netta sensazione di aver superato ormai anche l’impeachment, e tocca tutti i temi sul tavolo: la “Nato”, i progetti spaziali, la lotta al terrorismo, l’immigrazione, l’Iran e il nucleare, l’Afghanistan. Poi ricorda quanto ottenuto in quattro anni: “Il grande ritorno dell’America, con i mercati azionari sono cresciuti del 70%, aggiungendo 12mila miliardi alla ricchezza del nostro Paese. È un record: il mondo ci guarda e ci ammira”. Non perde occasione per criticare le “politiche fallimentari” di Obama, e alla fine promette: “Il meglio deve ancora venire”.

Articoli correlati
Stati Uniti
Per le strade di un’America
distrutta dalla pandemia
Per le strade di un’America<br>distrutta dalla pandemia
Gli allarmi delle strutture ospedaliere, migliaia di persone in fila per ricevere aiuti alimentari, gli impresari di pompe funebri al collasso. Diario da un Paese in cui il peggio deve ancora arrivare
«State a casa», raccomanda il sindaco di Austin (dal Messico)
«State a casa», raccomanda il sindaco di Austin (dal Messico)
Steve Adler, primo cittadino della città texana, ha esortato i suoi concittadini a non uscire di casa mentre volava a Cabo San Lucas con un jet privato. E non è il solo….
L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti
L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti
Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Consigliere di Trump per la pandemia dallo scorso agosto, si è sempre detto favorevole all’immunità di gregge rifiutando tutto il resto. La comunità scientifica americana soddisfatta per le dimissioni
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità