Trump, il presidente golfista

| Nell’anno appena concluso, il presidente ha trascorso un giorno ogni cinque in un club di golf. E anche le sue vacanze natalizie non sono state molto diverse

+ Miei preferiti
Donald Trump ha chiuso il 2019 facendo ciò che più ama: una visita al suo golf club di West Palm Beach. È stata la dodicesima volta durante le vacanze di fine anno trascorse in Florida.

Secondo i dati della CNN, che si è messa a conteggiare tutte le vacanzine presidenziali dell’anno appena concluso, Trump ha trascorso almeno 252 giorni in un golf club e 333 giorni in una delle sue proprietà: solo quest’anno, 86 giorni se ne sono andati in partite di golf al “Trump National Golf Club” di Sterling, in Virginia, al “Bedminister”, nel New Jersey, al “Trump National Doral” di Miami e al “Trump International Doonbeg”, in Irlanda.

Donald si accoda alla una lunga lista di presidenti accomunati dall’amore per il golf, anche se è l’unico ad aver spesso criticato pubblicamente il suo predecessore Barack Obama, che nei suoi otto anni di mandato ha giocato 333 partite di golf, almeno secondo i calcoli di Mark Knoller della “CBS News”, giornalista che tiene statistiche dettagliate sulle attività dei presidenti.

In realtà, Trump è noto per mescolare affari, doveri e piaceri nei suoi golf club: mentre l’esercito era impegnato negli attacchi aerei in Iraq e in Siria, Trump era sul green, più precisamente impegnato alla 14° buca.

E mentre il Presidente ha ripetutamente inveito contro l’impeachment durante le sue vacanze, è stato avvistato nella sala da pranzo del club con il conduttore radiofonico Rush Limbaugh, suo figlio Eric e il capo dello staff ad interim Mick Mulvaney.

Stati Uniti
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente