Trump istituisce il comando spaziale

| L’aveva promesso dal momento dell’insediamento, e ufficialmente servirà a contrastare le minacce delle altre potenze e rimarcare la superiorità americana. Ma Pentagono e Nasa non sono affatto contenti

+ Miei preferiti
“È un momento storico, un giorno che riconosce lo spazio al centro della sicurezza nazionale e della difesa dell’America”: con l’enfasi che lo contraddistingue, il presidente Donald Trump ha annunciato la nascita dell’USSpaceCom, il nuovo comando spaziale americano che ha il compito di difendere e tutelare la supremazia statunitense contro le minacce crescenti di Russia e Cina. L’avventura dei ranger dello spazio, come sono stati definiti dalla stampa americana, è iniziata con un cerimonia sul prato della Casa Bianca, dove Trump ha affidato il comando al generale John Raymond, che dipenderà da “StratCom”, uno dei dieci centri di comando congiunti del dipartimento della difesa americano, a sua volta sotto la tutela del Pentagono. Una mossa preoccupante, che allarga i confini delle tensioni portandoli verso lo spazio, così come era avvenuto durante gli anni bui della guerra fredda, un periodo di nervosismi che si sarebbe placato soltanto con lo scudo spaziale voluto dal presidente Reagan negli anni Ottanta.

L’USSPaceCom non è un’idea di Trump: era nato nel 1985 per coordinare la conquista dello spazio delle forze armate statunitensi, ma fu cancellato nel 2002. Lo scorso anno, l’annuncio che il Comando Spaziale sarebbe stato rispolverato, come è avvenuto pochi mesi fa con il “National Defense Authorizazion Act”. Non è un segreto che il Pentagono non fosse così d’accordo sulla creazione del “sesto braccio armato” militare, e tantomeno la Nasa, che teme di perdere parte delle proprie attività.

Galleria fotografica
Trump istituisce il comando spaziale - immagine 1
Stati Uniti
Una vittoria di Trump:
Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump:<br>Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
NFAC, le milizie nere
che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere<br>che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito