Trump istituisce il comando spaziale

| L’aveva promesso dal momento dell’insediamento, e ufficialmente servirà a contrastare le minacce delle altre potenze e rimarcare la superiorità americana. Ma Pentagono e Nasa non sono affatto contenti

+ Miei preferiti
“È un momento storico, un giorno che riconosce lo spazio al centro della sicurezza nazionale e della difesa dell’America”: con l’enfasi che lo contraddistingue, il presidente Donald Trump ha annunciato la nascita dell’USSpaceCom, il nuovo comando spaziale americano che ha il compito di difendere e tutelare la supremazia statunitense contro le minacce crescenti di Russia e Cina. L’avventura dei ranger dello spazio, come sono stati definiti dalla stampa americana, è iniziata con un cerimonia sul prato della Casa Bianca, dove Trump ha affidato il comando al generale John Raymond, che dipenderà da “StratCom”, uno dei dieci centri di comando congiunti del dipartimento della difesa americano, a sua volta sotto la tutela del Pentagono. Una mossa preoccupante, che allarga i confini delle tensioni portandoli verso lo spazio, così come era avvenuto durante gli anni bui della guerra fredda, un periodo di nervosismi che si sarebbe placato soltanto con lo scudo spaziale voluto dal presidente Reagan negli anni Ottanta.

L’USSPaceCom non è un’idea di Trump: era nato nel 1985 per coordinare la conquista dello spazio delle forze armate statunitensi, ma fu cancellato nel 2002. Lo scorso anno, l’annuncio che il Comando Spaziale sarebbe stato rispolverato, come è avvenuto pochi mesi fa con il “National Defense Authorizazion Act”. Non è un segreto che il Pentagono non fosse così d’accordo sulla creazione del “sesto braccio armato” militare, e tantomeno la Nasa, che teme di perdere parte delle proprie attività.

Galleria fotografica
Trump istituisce il comando spaziale - immagine 1
Stati Uniti
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”