Trump istituisce il comando spaziale

| L’aveva promesso dal momento dell’insediamento, e ufficialmente servirà a contrastare le minacce delle altre potenze e rimarcare la superiorità americana. Ma Pentagono e Nasa non sono affatto contenti

+ Miei preferiti
“È un momento storico, un giorno che riconosce lo spazio al centro della sicurezza nazionale e della difesa dell’America”: con l’enfasi che lo contraddistingue, il presidente Donald Trump ha annunciato la nascita dell’USSpaceCom, il nuovo comando spaziale americano che ha il compito di difendere e tutelare la supremazia statunitense contro le minacce crescenti di Russia e Cina. L’avventura dei ranger dello spazio, come sono stati definiti dalla stampa americana, è iniziata con un cerimonia sul prato della Casa Bianca, dove Trump ha affidato il comando al generale John Raymond, che dipenderà da “StratCom”, uno dei dieci centri di comando congiunti del dipartimento della difesa americano, a sua volta sotto la tutela del Pentagono. Una mossa preoccupante, che allarga i confini delle tensioni portandoli verso lo spazio, così come era avvenuto durante gli anni bui della guerra fredda, un periodo di nervosismi che si sarebbe placato soltanto con lo scudo spaziale voluto dal presidente Reagan negli anni Ottanta.

L’USSPaceCom non è un’idea di Trump: era nato nel 1985 per coordinare la conquista dello spazio delle forze armate statunitensi, ma fu cancellato nel 2002. Lo scorso anno, l’annuncio che il Comando Spaziale sarebbe stato rispolverato, come è avvenuto pochi mesi fa con il “National Defense Authorizazion Act”. Non è un segreto che il Pentagono non fosse così d’accordo sulla creazione del “sesto braccio armato” militare, e tantomeno la Nasa, che teme di perdere parte delle proprie attività.

Galleria fotografica
Trump istituisce il comando spaziale - immagine 1
Stati Uniti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi
Chicago, sparatoria al funerale
Chicago, sparatoria al funerale
Nessuna vittima ma 14 feriti per quella che doveva essere una strage: Trump minaccia di inviare le truppe federali per riportare l’ordine, ma il sindaco dice di no
New York, in aumento i casi di violenza
New York, in aumento i casi di violenza
Una preoccupante impennata di sparatorie, morti e feriti nella Grande Mela, ormai ex città “più sicura d’America”. Fra le cause povertà, disoccupazione e rabbia