Trump, la marcia verso il baratro

| Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)

+ Miei preferiti
Ufficialmente nessuno ne parla, ma nelle file dei Repubblicani cresce il numero di coloro che starebbero pensando all’ipotesi più estrema: chiedere a Trump un “drop out”, ovvero non ricandidarsi per il secondo mandato. Perfino “Fox News”, emittente apertamente schierata dalla parte del presidente, teme una sconfitta di proporzioni devastanti che potrebbe segnare il futuro del partito conservatore per gli anni a venire.

I sondaggi, quelli che Trump considera numeri ridicoli e fasulli, non lasciano molto scampo: la credibilità del presidente, sotto tiro da parte di tutti per la manifesta incapacità di governare e guidare il più grande Paese al mondo, è ormai più che un’evidenza, mostrata da distacchi abissali che Biden continua ad accumulare, e senza neanche il bisogno di forzare la mano più di tanto.

Ma la gestione confusa e per nulla efficace della pandemia, con migliaia di infetti e di morti, infarcita di inviti a soluzioni “fai da te” imbarazzanti, la scarsa presa di posizione sulle questioni razziali che hanno infiammato gli Stati Uniti dalla morte di George Floyd, e adesso una campagna elettorale che doveva puntare sull’economia, e invece deve fare i conti con quasi 40 milioni di disoccupati, non lasciano molti argomenti nelle mani di Trump.

Secondo gli analisti politici, The Donald non sarebbe tipo di accettare un simile invito, senza contare che nella storia della presidenza americana non esistono precedenti, ma se mai fosse, si tratterebbe della degna conclusione di quattro anni fra i più strani e confusi nella storia americana, in cui da paese condottiero gli Stati Uniti si sono trasformati in un territorio chiuso a riccio, insensibile al resto del mondo e perfino scortese con i Paesi storicamente amici e alleati.

Fra gli ultimi sonori schiaffoni assestati alle guance di Trump è arrivato quello assai sonoro di Carl Bernstein, pericoloso giornalista e scrittore che ha nel carniere la testa di un altro presidente: Richard Nixon, messo in croce per lo scandalo Watergate scoppiato nel 1972 grazie a Woodward e lo stesso Bernstein, allora giornalisti di punta del “Washington Post”.

Bernstein ha realizzato per la CNN un’inchiesta raccogliendo le testimonianze di diversi funzionari della Casa Bianca che hanno svelato il tono di centinaia di telefonate fra Trump e i potenti della Terra. Una galleria di atteggiamenti multiformi in cui Donald cambia faccia ed espressioni in base a chi ha dall’altro capo del telefono, facendosi di volta in volta duro o comprensivo e perfino affascinato.

The Donald sarebbe addirittura deferente quando parla con Vladimir Putin e Recep Erdogan, rispettivamente premier russo e turco, ma in compenso aggressivo e sgradevole verso il premier canadese Justin Trudeau, sprezzante verso i suoi predecessori Obama e Bush, ma soprattutto nei confronti di Angela Merkel e l’ex premier britannica Theresa May, entrambe definite “stupide, deboli e vigliacche”. 

In compenso del tutto rapito da Mohammed Bin Salman, il discusso principe ereditario saudita, e da Kim Jong-un, il bizzoso leader nordcoreano definito “un genio”.

Ma non è solo su simpatie e antipatie personali che si basa il reportage di Bernstein, quanto piuttosto sull’assoluta impreparazione del presidente di fronte a temi internazionali di cui non sapeva quasi nulla.

Consigliato dal suo staff, Trump nelle scorse ore sembra aver iniziato un lento cambio di rotta, a cominciare dall’uso delle mascherine, prima rifiutate categoricamente e adesso vivamente consigliate come uno dei metodi più sicuri per evitare il contagio. Dopo 2,7 milioni di americani contagiati, l’ha capito.

Stati Uniti
La Russia al lavoro per Trump,
Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump,<br>Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo