Trump, lo spettacolo dell’indecisione

| Dall’ottimo lavoro che starebbero facendo la Casa Bianca e la sanità al basso numero di morti, dai governatori esagerati alla fretta di ripartire. Tutte le incertezze del presidente americano

+ Miei preferiti
Per gli analisti politici Trump ce l’ha fatta: passerà alla storia come il presidente più indeciso di sempre. Malgrado gli Stati Uniti siano balzati in testa alla pietosa classifica dei casi di coronavirus conclamati, con 81.488 persone infette e 1.178 morti, Donald continua nel consueto balletto di chi alterna preoccupazione a entusiasmi che solo lui sa dove riesce a trovare.

I suoi commenti al briefing di giovedì hanno sottolineato la crescente dualità del Trump-pensiero: il suo racconto è quello di una reazione del Paese infarcita di grandi successi e di un governo che si sta mobilitando con forza, mentre medici e infermieri in prima linea si trovano ad affrontare scene raccapriccianti negli ospedali, incapaci di far fronte ad un numero crescente di focolai che esplodono ovunque.

Poco dopo, nel corso di un’intervista televisiva su Fox News, Trump ha rimproverato il governatore di New York Andrew Cuomo per aver chiesto 30.000 ventilatori per far fronte all’ondata di contagi, e criticato anche il governatore di Washington Jay Inslee, definito “un candidato presidenziale fallito”, per finire in bellezza con Gretchen Whitmer, governatore del Michigan: “Tutto quello che sa fare è di starsene seduto a incolpare il governo”.

Pensieri sempre più in aperta contraddizione con le parole di uno dei principali membri della task force, il dottor Anthony Fauci, che continua a ripetere: solo il virus può stabilire i tempi per la riapertura del Paese.

Tutte le prove, considerato l’aumento del numero dei morti e delle infezioni, suggeriscono che la situazione sta peggiorando e che la vita normale potrebbe essere azzerata per mesi. Giovedì, quando il numero di morti è salito a 1.200 segnando il record più negativo di queste settimane, Trump ha bizzarramente rivolto l’attenzione verso quello che ha definito un tasso di mortalità molto più basso del previsto. Ma è chiaro che se queste cifre fossero il risultato di un uragano o di un attacco terroristico, il bilancio di perdite umane sarebbe più evidente, rendendo difficile per Trump speculare sulla situazione, ma poiché la gente muore nei reparti ospedalieri e nei pronto soccorso, l’impatto emotivo della tragedia è meno eclatante di quanto lo sarebbe durante una catastrofe naturale.

Nonostante il chiaro aumento della diffusione della pandemia, che per definizione si diffonde a cascata in vaste aree geografiche e raggiunge picchi in momenti diversi, Trump ha aumentato la pressione verso la ripartenza dell’economia, dicendo che la prossima settimana pubblicherà un provvedimento in cui alcune misure saranno allentate e mentendo ancora una volta, ha ricordato che nessuno avrebbe potuto prevedere una pandemia, malgrado siano ormai di dominio pubblico gli avvertimenti lanciati dai servizi segreti americani all’inizio di quest’anno.

“Sono convinto che tutti, dagli americani al governo, stiamo facendo davvero un ottimo lavoro in termini di gestione dell’emergenza. Stanno accadendo un sacco di cose belle e dobbiamo tornare al lavoro: parleremo presto di date”.

Stati Uniti
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore