Trump? Merita l’impeachment

| Il presidente della Camera dei Rappresentanti è convinto che il rapporto Mueller presenti prove sufficienti per la messa in stato d’accusa del presidente. Il 24 luglio Robert Mueller racconterà all’America cosa ha scoperto

+ Miei preferiti
Secondo Jerry Nadler, presidente della Camera dei Rappresentanti, il rapporto del superprocuratore Robert Mueller presenta “prove molto evidenti” che il presidente Donald Trump è “colpevole di crimini e infrazioni”, reati passibili di impeachment. “Dobbiamo lasciare che Mueller illustri i fatti al popolo americano, e poi vedere cosa succede, perché l’amministrazione dev’essere ritenuta responsabile”.

Mueller, l’ex consulente legale speciale per il Dipartimento di Giustizia ed ex direttore dell’FBI, testimonierà davanti al Congresso il 24 luglio, dopo che la “House Democrats” ha emesso un mandato di comparizione a suo nome. All’inizio di quest’anno, Mueller ha concluso un’indagine durata quasi due anni sulle interferenze russe nelle elezioni presidenziali del 2016. Da allora, i dem sono profondamente divisi sull’opportunità di proporre un’inchiesta che porti all’impeachment, e la testimonianza pubblica di Mueller potrebbe fornire un’opportunità al partito di unificarsi intorno alla decisione di portare avanti o meno le procedure di un’inchiesta per l’impeachment, finora richiesta da più di 80 deputati Democratici. Una richiesta formale, che rappresenta soltanto il primo passo di un lungo processo, ma la Presidente della Camera Nancy Pelosi e Jerry Nadler hanno finora resistito alle pressioni per aprire un’inchiesta, a pochi mesi di distanza dalla nuova tornata elettorale.

Secondo il presidente della “House Intelligence Committee” Adam Schiff, la maggior parte degli americani non ha avuto modo di leggere le 448 pagine del rapporto Mueller: “Il rapporto contiene un insieme di fatti decisamente pesanti, e vogliamo che la gente li senta raccontare direttamente da Mueller”.

Galleria fotografica
Trump? Merita l’impeachment - immagine 1
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti