Trump pretende pugno duro contro i manifestanti

| Il presidente americano bacchetta pubblicamente sindaci e governatori, annunciando di essere pronto a invocare l’Insurrection Act, una legge che consente di sopprimere con la forza i disordini civili

+ Miei preferiti
Diverse fonti interne al Pentagono non riescono a negare una profonda e crescente preoccupazione per le parole di Trump, che tenta di riportare la calma nel Paese minacciando l’uso dei militari. Mentre i gas lacrimogeni si diffondevano nell’aria del Lafayette Park, di fronte alla Casa Bianca, Trump tuonava dal Rose Garden che se i governatori e i sindaci si rifiutano di “intraprendere le azioni necessarie per difendere la vita e le proprietà dei loro residenti”, farà appello all’Insurrection Act, una legge del 1807 che permette a un presidente di dispiegare l’esercito statunitense per sopprimere i disordini civili.

Ma dal Pentagono pochi sembrano essere sulla stessa linea: la posizione ufficiale, al momento, è che la situazione non richieda ancora il dispiegamento di truppe in servizio attivo. “C’è la forte speranza che le forze dell’ordine locali riprendano il controllo. Credo che l’America non dovrebbe accettare che uomini in uniforme siano messi in una posizione imbarazzante: sebbene siamo pronti a farlo, si tratterebbe di un bruttissimo segnale”.

Ma Trump, che si trova ad affrontare un numero crescente di morti per la pandemia e le sempre più incerte prospettive di rielezione, continua a pretendere l’ordine, dicendosi pronto ad una risposta militare contro gli americani rivoltosi. Ieri ha sottolineato più volte la necessità dell’uso dell’esercito per “dominare” i manifestanti e ha auspicato una “forza di occupazione” bacchettando apertamente i governatori, da cui si aspetta una risposta più dura. Poche ore dopo, la Guardia Nazionale ha sparato gas lacrimogeni e proiettili di gomma contro una folla pacifica radunata all’esterno della Casa Bianca.

Un ufficiale della Guardia Nazionale ha commentato che “Di tutte le cose che mi è stato chiesto di fare negli ultimi 34 di servizio, questa è la peggiore”. Secondo il segretario alla Difesa Mark Esper, più di 17.000 uomini della Guardia Nazionale sono dispiegati in 29 stati, mentre altri 45.000 sono impegnati negli sforzi per fronteggiare la pandemia.

Ma l’amministrazione Trump ha già schierato un battaglione di polizia militare in servizio attivo: le truppe, composte da circa 200-250 militari provenienti da Fort Bragg, in North Carolina, svolgeranno ruoli di sicurezza, ma non di applicazione della legge come l’arresto e la detenzione dei manifestanti. Altri 600-800 membri della Guardia Nazionale di cinque stati sono in arrivo per integrare la Guardia Nazionale di Washington in risposta ai disordini civili.

“Ci impegneremo in modo molto forte - ha promesso Trump - la parola d’ordine è dominare. Se non domini la tua città e il tuo stato, li avrai persi per sempre. E se le città o gli stati non agiscono, allora dispiegherò l’esercito e risolverò rapidamente il problema per loro”.

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa