Trump VS Biden, la sfida si accende

| Per il presidente le violenze sono la dimostrazione dell’odio dei Dem, mentre per l’ex vice di Obama, Trump divide il Paese senza neanche rendersene conto

+ Miei preferiti
La sfida fra Donald Trump e Joe Biden prende quota di colpo, infiammandosi intorno ai nervi più scoperti dell’America: la violenza per le strade e la piaga della giustizia razziale.

In un momento assai crudo della storia americana, i due rivali mostrano visioni future completamente diverse, accusandosi a vicenda di non essere in grado di saper gestire la situazione. 

Biden sta per tenere un discorso a Pittsburgh basato su una sola domanda: “Sei al sicuro nell’America di Donald Trump?”, mentre il Presidente - nonostante le richieste del governatore del Wisconsin di non farlo – ha deciso di far visita a Kenosha, la città del Wisconsin devastata dalla violenza e teatro dell’ultimo episodio di violenza, il ferimento di Jacob Blake.

Trump continua a dipingere un quadro impreciso di una nazione consumata dalla violenza di strada nel tentativo di conquistare consensi fra gli elettori dei sobborghi bianchi. E Biden lo accusa di incitare al disordine e di dividere il Paese per precisa e mirata opportunità politica.

Secondo Trump esiste una terza via tra il sostegno alla polizia e l’ordine pubblico, seguendo una convenzione repubblicana profondamente fuorviante che si basa su “legge e ordine”, ma è anche un modo molto scaltro di distrarre l’opinione pubblica dalla morte di più di 180.000 americani per una pandemia gestita in modo disastroso.

Le recriminazioni politiche sono fortemente peggiorate nel fine settimana, con episodi inquietanti: a Kenosha, due manifestanti sono stati uccisi presumibilmente da un sostenitore di Trump, e a Portland, in Oregon, gli scontri tra i fans del presidente e gli attivisti Black Lives Matter sono costati la vita a un uomo, pare membro di un’organizzazione di estrema destra, ucciso a colpi d’arma da fuoco.

Biden, dal canto suo, è sottoposto a pressioni perché risponda colpo su colpo agli attacchi di Trump, che lo bolla come lo strumento della sinistra radicale e nelle mani di chi vorrebbe depotenziare la polizia. Secondo i vertici Dem, un’energica presa di posizione di Biden ha il potere di placare i timori di attacchi continui che potrebbero compromettere l’immagine di Biden, ma offrire anche un’idea all’elettorato che possiede la stoffa del presidente. È un’opportunità per dimostrare empatia, compattare gli americani indecisi e offrire una possibile via d’uscita all’ennesima crisi che Trump non sembra in grado di affrontare.

Il tentativo del Presidente di spostare la battaglia elettorale su temi che ritiene più favorevoli a lui coincide con i nuovi segnali di come intende usare il potere nel tentativo di assicurarsi il secondo mandato. I Dem hanno reagito con indignazione dopo che il direttore dell’Intelligence ha comunicato che avrebbe interrotto i briefing in vista delle elezioni, e il dottor Stephen Hahn, capo della Federal Drug Administration, ha aggiunto di essere preoccupato per l’idea che la Casa Bianca voglia mettere la politica davanti alla scienza, annunciando l’utilizzo di un vaccino prima ancora che siano completare le fasi dei test.

Biden si è schierato con forza a favore delle proteste del movimento “Black Lives Matter”, facendo sì che Trump lo accusi di essere uno strumento nelle mani dei violenti che hanno dato fuoco a interi quartieri di molte città americane. Ma malgrado gli sforzi di Trump, ci sono prove che la violenza non è solo opera di gruppi di estrema sinistra, ma è ormai certo che siano coinvolte anche diverse organizzazioni anarchiche di estrema destra.

Ma sono dettagli: nella frenesia di una campagna presidenziale sempre più affannosa e cattiva, le distinzioni sono del tutto ignorate. “Non commettete errori: questi sono terroristi di sinistra, gli elettori di Joe Biden - ha twittato Tim Murtaugh, direttore delle comunicazioni della campagna di Trump - il Partito Democratico trasuda odio, e quelli non sono manifestanti, sono agitatori, rivoltosi, saccheggiatori, delinquenti”.

Trump non ha ancora condannato il ferimento di Jacob Blake, sopravvissuto a sette colpi di pistola esplosi da un agente per motivi tutt’ora non chiari. Ha chiesto un’indagine approfondita, ma alla convention repubblicana ha inquadrato le proteste e le violenze come eventi naturali, piuttosto che il culmine della disperazione degli afroamericani. Per questo, il viaggio del Presidente a Kenosha rischia di infiammare ulteriormente la situazione, ma offrirà a Trump la possibilità di stare con gli agenti di polizia e di presentarsi come un baluardo contro quella che, a suo dire, è la violenza estremista che dilaga nella nazione. Per i Dem, il viaggio è soltanto una mossa politica: “La visita ha un solo scopo, ma finirà per peggiorare le cose”, ha tuonato la californiana Karen Bass.

Anche Biden ha voluto dire la sua: “Può credere che limitarsi a qualche tweet lo renda forte, ma l’incapacità di placare perfino i suoi sostenitori dimostra quanto Trump sia debole. E se pensa che la guerra nelle nostre strade sia un bene per la sua rielezione si sbaglia: una strada lastricata di violenza non può essere la strada giusta”.

L’ex vicepresidente ha un compito più sottile rispetto a quello di Trump, che è tipicamente di natura demagogica e portato a ingannare gli americani con la disinformazione. “Sparare per le strade di una grande città americana è inaccettabile. Condanno la violenza di ogni tipo da parte di chiunque, sia di destra che di sinistra. E sfido Donald Trump a fare lo stesso. Non importa se trovi ripugnanti le opinioni politiche del tuo avversario, qualsiasi perdita di vite umane è una tragedia”.

Stati Uniti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Si teme una nuova strage, avvenuta nella città dove la polizia ha ucciso Daniel Prude soffocandolo. Il bilancio resta provvisorio, mentre sono ancora in corso i rilievi
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Si è spenta a Washington dopo una lunga malattia la seconda donna ad essere ammessa alla Corte Suprema. Paladina delle minoranze silenziose, incorruttibile e schietta, ha chiesto di essere sostituita dal nuovo presidente
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Dopo 23 anni di silenzio, ha raccontato l’aggressione dell’allora tycoon nella suite agli US Opend i Tennis del 1997. “Lo dovevo alle mie figlie, che stanno diventando donne”
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
Un rapporto dettagliato inchioda il colosso aeronautico, accusato di aver creato un “culmine di errori, leggerezze, difetti e cattiva gestione”. Sotto accusa anche l’ente aeronautico americano
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Il presidente in visita alle zone martoriate della West Coast, non perde occasione per rimbrottare i governatori e negare l’evidenza scientifica. Biden all’attacco
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Figlia maggiore di Michael Cohen, l’ex avvocato personale del tycoon, ha raccontato un episodio in cui Trump era rimasto colpito dal suo fisico da quindicenne
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Una task force della polizia al lavoro per dare volto e nome all’aggressore di due vice sceriffi ricoverati in fin di vita. L’ira di Trump che chiede “pena di morte”
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
Esce “Rage” (Rabbia), secondo libro che Bob Woodward dedica alla figura del presidente. Questa volta ha raccolto 18 interviste sufficienti per mostrare un modo di fare confuso, improvvisato e immerso nel culto di se stesso
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
È successo a Salt Lake City, dove Linden Cameron è stato ferito a colpi d’arma da fuoco da due agenti, intervenuti dopo una chiamata della madre, che non riusciva a calmarlo
Trump contro il Pentagono
Trump contro il Pentagono
“Non mi amano, perché pensano solo a fare la guerra”: durissimo affondo del Presidente contro il Dipartimento della Difesa. L’ultimo atto di una guerra di nervi che va avanti da tempo